L’industria della stampa 3D è qui per restare: Bryan Dow e Stephen Butkow

Il settore della stampa 3D è qui per restare: uno sguardo alle attività di investimento e alle fusioni e acquisizioni

Come banchieri d’investimento che hanno lavorato nel settore della tecnologia industriale per oltre 20 anni, volevamo affrontare ciò che stiamo vedendo nella catena del valore della stampa 3D di macchine, produttori digitali, fornitori di materiali, rivenditori e fornitori di software o, più semplicemente, il Industria della stampa 3D. Durante tutto il nostro tempo di lavoro in questo spazio, l’industria della stampa 3D si è continuamente evoluta, ha attirato significative attività di investimento e sta mostrando segni di un rapido consolidamento.C

L’industria della stampa 3D è stata finanziata prevalentemente dai mercati dei capitali privati ​​rispetto ai mercati pubblici. Dal 2015, ci sono stati quasi 80 round di finanziamento privati ​​all’anno. Nel 2019 il settore ha continuato a testimoniare una solida attività di capitale di rischio, in particolare nella produzione digitale. Quattro principali produttori digitali ( 3DHubs , Fast Radius , Fictiv e Xometry ) hanno raccolto quasi $ 150 milioni, l’interesse di gran lunga più avventuroso in questo modello di business. I produttori di apparecchiature originali (OEM) della stampante 3D continuano a dominare l’afflusso di capitali di rischio con $ 1 miliardo più gli “unicorni” di valutazione ( Carbon , Desktop Metal e Formlabs) toccando ciascuna i mercati privati ​​nel 2019. Continua a esserci una forte circoscrizione di società di capitali di rischio che hanno una tesi di investimento eseguibile nel settore, ma, in Stifel, stiamo assistendo a un drammatico aumento del capitale di rischio aziendale che si riversa nel settore. Le società di materiali ( Arkema , BASF , DSM e Henkel ) sono state il gruppo più attivo che ha investito in sei società, ma altre strategie interessanti come Koch (in Desktop Metal), UPS (in Fast Radius), Intel (in Fictiv), Bosch (in Xometry) hanno fatto investimenti significativi. Questo fenomeno si sta diffondendo in tutto l’ecosistema e prevediamo che questa tendenza continui.

Storicamente, l’attività di fusioni e acquisizioni nel settore ha registrato una media di circa 25-30 transazioni all’anno ed è stata diffusa in tutta la catena del valore da materiali, macchine, produttori digitali e rivenditori. L’attività nel settore della stampa 3D è stata guidata da una varietà di fattori, tra cui la maturità continua nel settore, l’avvento di nuove tecnologie, un solido ambiente economico e una crescente raffinatezza e appetito da parte della comunità strategica e finanziaria. L’attività di fusioni e acquisizioni nel 2019 è rimasta forte su tutta la linea con produttori digitali e rivenditori Solidworks che guidano la carica.

Nella produzione digitale, l’attività di M&A negli ultimi cinque anni è diminuita e fluita, culminando a un livello record nel 2019. Alla Stifel abbiamo consigliato tre di queste recenti transazioni (FATHOM, PREVISIONE 3D e ICOMold) come private equity (CORE Industrial Partners con FATHOM e ICOMold) continua a mostrare interesse per i modelli di business e i profili di redditività. La tendenza continua con le società strategiche “fuori segmento”, definite come quelle che stanno acquisendo l’ingresso nel settore, cercando di costruire ed espandere la loro presenza come parte delle loro più ampie capacità industriali ( GKN acquisisce FORECAST 3D e BASF acquisisce Sculpteo ).

L’altra principale area di attività in questo spazio è il consolidamento. Il canale di rivenditori SOLIDWORKS è ora dominato da quattro attori principali (Computer Aided Technology, GoEngineer, Hawk Ridge e Trimech), tre dei quali hanno proprietà di private equity. In Stifel, abbiamo consigliato a The Riverside Company la vendita di Fisher Unitech a Computer Aided Technology, precedentemente acquisita da CIVC Partners. Poco dopo, Trimech è stata acquisita da The Halifax Group. Nei prossimi anni ci aspettiamo di vedere non solo il costante consolidamento dei partner di canale regionali più piccoli, ma anche l’espansione in nuove categorie di prodotti e offerte di servizi da parte degli attori più grandi.

La pandemia di COVID-19 ha rallentato l’attività commerciale nella prima metà del 2020; tuttavia, l’attività di raccolta di capitali e di fusioni e acquisizioni ha mostrato una certa capacità di recupero. Velo3D ha raccolto $ 40 milioni in una serie D, Nano Dimension ha raccolto quasi $ 50 milioni in due transazioni, DSM sta acquisendo l’attività di stampa 3D di Clariant e Made in Space è stata acquisita da Redwire , una piattaforma finanziata dalla società di private equity, AE Industrial Partners.

Mentre la pandemia è in ritardo, l’industria della stampa 3D ha dimostrato il valore e la necessità di soluzioni per fornire flessibilità e agilità nella catena di approvvigionamento. Il settore manifatturiero digitale ha evidenziato questa necessità fornendo ai dispositivi di protezione individuale (DPI) una produzione su richiesta, che ha risolto le sfide relative ai materiali con la tradizionale catena di approvvigionamento sanitaria. Prevediamo che il panorama del settore continuerà a essere dinamico man mano che gli impatti di COVID-19 diventeranno più tangibili. Prevediamo che il panorama del settore continuerà a essere dinamico mentre la nuova leadership di molte delle principali aziende di stampa 3D (3D Systems, GE Additive, HP e Stratasys) ha avanzato la propria visione per il futuro e gli impatti di COVID-19 diventano più tangibili .

È stato entusiasmante far parte del settore aiutando i fondatori, i dirigenti e gli azionisti a realizzare i loro obiettivi strategici e le esigenze di capitale negli ultimi dieci anni. Stifel non vede l’ora di continuare il nostro ruolo di fornitore di servizi di investment banking nel settore della stampa 3D.

Bryan Dow e Stephen Butkow sono amministratori delegati di Stifel, una delle principali società di servizi bancari e di gestione patrimoniale a pieno servizio che offrono servizi di banca d’investimento, intermediazione, negoziazione, consulenza sugli investimenti e servizi correlati a singoli investitori, istituzioni, società e comuni. .

di Bryan Dow e Stephen Butkow 3dprint.com

Be the first to comment on "L’industria della stampa 3D è qui per restare: Bryan Dow e Stephen Butkow"

Leave a comment