L’esercito francese impiega 50 stampanti 3D Ultimaker per produrre pezzi di ricambio

L’esercito francese impiega una massiccia batteria di stampa 3d per pezzi di ricambio militari
L’esercito francese ha recentemente collaborato con HAVA3D , un importante distributore e integratore di soluzioni di produzione additiva con sede a Le Mans, in Francia, per implementare una delle più grandi industrie militari di stampa 3D in Europa , ai fini della produzione di pezzi.

Una flotta di 50 stampanti desktop 3D è stata installata a Bourges per l’ Ecole Militaires de Bourges (EMB), un’unità militare specializzata nella formazione di materiali e logistica. La farm di stampanti è stata installata nell’aprile di quest’anno, come parte della crisi COVID-19, ed è stata testata per l’affidabilità e l’efficienza per i requisiti di produzione militare. La pandemia aveva interrotto o messo a dura prova le normali rotte di approvvigionamento, in particolare nelle operazioni militari internazionali, quindi le parti in servizio attivo erano al centro dello sviluppo per la riparazione sul campo e l’assistenza di sistemi o veicoli. Spiegando il loro approccio, il generale dell’esercito francese Philippe Baldi (comandante delle Ecoles Militaires de Bourges) ha menzionato come la produzione si è spostata per produrre parti per riparare sistemi o veicoli in operazioni esterne, motivo per cui l’esercito ha deciso di acquisire la capacità di produrre rapidamente in serie pezzi per la manutenzione di questi veicoli.

Questo spostamento è stato in gran parte accelerato dall’impatto della pandemia, con i fornitori all’arresto dell’esercito o in esecuzione a capacità ridotta a causa della crisi, costringendo l’esercito ad adattarsi, in parte addestrando il suo personale ad applicare la stampa 3D per le operazioni in corso in Mali e Libano, dove attrezzature o materiali sono influenzati da condizioni ambientali estreme. Ciò non solo fornisce all’esercito la flessibilità necessaria per gestire i blocchi nella loro catena di approvvigionamento, specialmente in località remote, e ridurre i costi di sviluppo o trasporto. Nel giugno dello scorso anno, l’esercito francese ha anche acquistato e integrato due stampanti 3D industriali Prodways , la ProMaker P1000, per l’uso nella produzione di parti metalliche per uso militare nel mondo reale.

La stampa 3D offre anche una soluzione efficiente per estendere la durata operativa delle apparecchiature legacy, per le quali sono difficili da ottenere parti di ricambio, e per alleggerire le apparecchiature esistenti utilizzando materiali compositi. L’esercito francese ha già utilizzato stampanti 3D professionali per produrre involucri protettivi, sigilli e parti ottiche e varie altre patatine come i pulsanti di accensione dei veicoli . Come ha spiegato un soldato,

“È un ottimo strumento per risolvere rapidamente i problemi. Se prendiamo l’esempio di un pulsante di accensione per un veicolo P4, è ovvio. Invece di dover ordinare una parte, immobilizzare il veicolo per diversi giorni e cambiare un intero sistema di alimentazione, faccio una replica con la stampante 3D in pochi minuti, la parte viene cambiata e il veicolo è di nuovo funzionante. “

La collaborazione di HAVA3D con l’esercito francese è iniziata nel febbraio 2019, quando la società ha organizzato un Hackathon Mili3D, per consentire ai soldati di sperimentare la stampa 3D. Più di 50 applicazioni sono state create all’hackathon dai partecipanti, confermando la rilevanza immediata della produzione additiva per i militari. La compagnia fornì supporto tecnico al personale militare e da oltre 40.000 parti sono state stampate in 3D per le forze armate francesi. Nella seconda metà dello scorso anno, la compagnia aveva già assistito l’esercito francese nel testare la stessa stampante 3D per l’utilizzo in basi remote in Mali, Niger e Libano.

Le stampanti 3D Ultimaker S5 sono state fornite da HAVA3D con materiali come BASF Ultrafuse PAHT CF15 utilizzati per le loro proprietà meccaniche estreme per realizzare parti, tra cui una gamba di supporto per termocamera. Stanislas Clicquot, CEO di HAVA3D, ha dichiarato:

“Abbiamo proposto un modello di stampante professionale: Ultimaker S5. Potente, affidabile, versatile e intuitivo, ti consente di rispondere rapidamente ed efficacemente alla gestione delle crisi con una produzione centralizzata. Questa soluzione può anche essere facilmente implementata nei vari reggimenti e consentire una modalità di produzione distribuita per una maggiore reattività e agilità all’interno dell’esercito. “

Be the first to comment on "L’esercito francese impiega 50 stampanti 3D Ultimaker per produrre pezzi di ricambio"

Leave a comment