Le proteine della seta ultima frontiera del bioprinting

Ricercatori scoprono una matrice in materiale setoso usando le proteine della seta che potrebbe essere  potenzialmente superiore alla stampa 3D col Bio-Ink
stampa bioprintingIl mondo medico è  sempre in sintonia con  il futuro perdare risposte migliori e salvare vite umane. Mentre il laico di solito ha solo un’idea generale di ciò che può essere possibile, anche se tutti conosciamo le staminali le possibili cure per il cancro e altro. Per molti di noi, le soluzioni attuali possono sembrare molto lontane e complesse per dare una risposta celere.

Per quanto la motivazione per vivere più a lungo e meglio guida la nostra società a molti livelli, la maggior parte di noi, naturalmente, si basa  sulla comunità medica e scientifica per risolvere i problemi complessi. Chi pensava che sarebbediventato semplice per Ricercatori e medici professionisti progettazione  quello di cui hanno bisogno per poi stamparlo ?  Questo è esattamente ciò che sta accadendo-essenzialmente attraverso qualche passaggio  estremamente complesso e sfruttando  alcune delle menti più brillanti del nostro tempo nei settori della scienza, della tecnologia e della medicina.

Protesi, impianti, e una lunga lista di dispositivi stampati in 3d sono già diventati prassi comune, mentre il bioprinting è un termine che si sta imponendo come il prossimo grande passo un ​​processo che porterà alla eventualità di poter stampare organi di ricambio e molto altro.

La stampa 3D delle cellule e la manipolazione delle loro strutture complesse è ampiamente documentata e i ricercatori  lavorano con successo per la produzione di oggetti: come ad esempio le ghiandole  stampati in 3d , i tessuti per chi è colpito dal  cancro al seno, e altro ancora e altri sviluppi si attendono.

Alcuni ricercatori hanno recentemente pubblicato sulla rivista ACS Biomaterials Science & Engineering un articolo in cui affermano di aver  trovato un nuovo materiale che può spingere ulteriormente lo sviluppo del bioprinting . Nel loro articolo, ‘Polyol-Silk Bioink Formulations  di Rod R. Jose, Joseph E. Brown, Katherine E. Polido, Fiorenzo G. Omenetto e David L. Kaplan (del Dipartimento di Ingegneria Biomedica presso la Tufts University) i ricercatori puntano sulla seta come materiale di bioprinting.

In un processo chimico che si ottiene diluendo soluzioni di seta con polioli (sono dei carboidrati idrogenati usati come dolcificanti in sostituzione dello zucchero) che sono atossici, i ricercatori sono stati in grado di creare formule con caratteristiche ‘auto-guarenti’. Hanno trovato, attraverso la sperimentazione, che usando come matrice la seta hanno perfezionato il ​​processo di auto-polimerizzazione. Poiché questa struttura permette il sostegno, e non le trasformazioni come altre sostanze chimiche, i ricercatori vedono come possa avere un potenziale nel ‘ingegneria dei tessuti’ così come la produzione di impianti  stampati in 3d.

L’inchiostro che ricercatori sono in grado di produrre è chiaro e flessibile, mantiene la stabilità in acqua, e offre un potenziale superiore rispetto ad altri materiali come le resine termoplastiche, i siliconi, il collagene, la gelatina, o l’alginato. L’obiettivo è quello di evitare il trattamento  dannoso per le cellule che stanno cercando di lavorare per la guarigione, le  proteine ​​della seta sono una potenziale buona alternativa in quanto potrebbero evitare l’uso di alte temperature e di pH forti.

Attrezzature e materiali giocano ovviamente un ruolo importante in questa spinta per il bioprinting. Abbiamo i concetti e alcuni esempi di lavoro, ma ciò che su cui ricercatori devono effettivamente lavorare è il processo.

L’ultimo lavoro di Kaplan ei suoi colleghi suona come una possibile risposta per risolvere alcuni delle sfide che devono essere superate nell’ambito delbioprinting.

Be the first to comment on "Le proteine della seta ultima frontiera del bioprinting"

Leave a comment