Le figure votive della cattedrale di Exeter bombardata dai nazisti riproposte dalla stampa 3d

Nell’aprile del 1942, la città inglese di Exeter fu la prima ad essere bombardata durante il Baedeker Blitz . Due notti di incursioni aeree causarono oltre 80 morti e danni significativi ai centri culturali della città; i tedeschi stavano intenzionalmente prendendo di mira aree di importanza storica. La cattedrale di Exeter ha subito danni al suo lato sud, ma da questa calamità è arrivata la scoperta. Mentre i lavori di riparazione iniziarono sulla Cattedrale, i lavoratori delle costruzioni trovarono 1.058 figure di cera d’api risalenti al 1400 nascosti dietro un baldacchino di pietra. Molti di questi pezzi erano frammenti, ma alcuni, inclusa la figura di una donna che prega, erano intatti.

Figure come queste sarebbero state usate come offerte votive alla tomba del vescovo Edmund Lacy. Dato che erano così delicati, le cifre furono poste nell’archivio della cattedrale per i successivi tre quarti di secolo – fino a quando, 75 anni dopo, la tecnologia permise loro di essere portati fuori di nuovo. Le tecnologie 3D hanno portato a una rinascita di artefatti culturali in quanto i pezzi delicati possono essere conservati digitalmente , ricreati e persino ripristinati .

I ricercatori del Digital Humanities Lab dell’Università di Exeter hanno analizzato le figure in 3D per creare riproduzioni digitali dettagliate e persino riproduzioni fisiche mediante la stampa 3D. L’università ha molteplici ragioni per intraprendere il progetto.

“Un aspetto chiave del progetto di scansione è la conservazione”, ha affermato Graham Fereday, responsabile IT della ricerca del dipartimento. “L’originale è conservato e possiamo produrre una registrazione accurata delle condizioni di un oggetto in un dato momento nel tempo – qualsiasi degrado futuro può essere monitorato.”
Inoltre, il team desidera creare una raccolta digitale di questi elementi su SketchFab in modo che chiunque possa accedervi.

“La scansione 3D e le piattaforme di diffusione basate sul Web come SketchFab consentono a più persone di accedere a oggetti che altrimenti non sarebbero disponibili”, ha affermato Fereday. “Una scansione 3D non equivale a gestire l’oggetto reale, ma generalmente non è comunque possibile, perché gli oggetti con cui lavoriamo sono spesso troppo fragili o preziosi. Questo è molto più coinvolgente rispetto alla semplice visione di fotografie statiche. ”
Le figure sono state scansionate utilizzando la fotogrammetria, prendendo le fotografie con una CanonEOS 5D Mk3 e unendole ad Agisoft PhotoScan . Questo metodo ha permesso ai ricercatori di catturare ogni piccolo dettaglio delle figure, come le pieghe e i bottoni nell’abito della donna.

Utilizzando una stampante 3D MakerBot Z18, i ricercatori hanno stampato in 3D la scansione della donna che prega, ma questa è l’unica stampa 3D che hanno fatto con le statuette di cera finora.

“Per i progetti in cui l’output principale è basato sul Web, le scansioni 3D incorporate in un sito Web del progetto sono tutto ciò che serve”, ha affermato Fereday. “I modelli stampati in 3D che possono essere gestiti possono essere di interesse in un’ambientazione museale dove sono disponibili oggetti reali da visualizzare. La figura della donna orante che abbiamo stampato è la più completa della collezione della cattedrale: era l’ovvio candidato da stampare. Al momento il modello in plastica è solo un esperimento su ciò che possiamo fare con l’output del processo di scansione. Potrebbe essere solo il primo passo nel processo di produzione di una replica molto più vicina all’originale. ”

“Il potenziale è ben illustrato dal lavoro che abbiamo fatto con Exeter School on the Blue Boy”, ha affermato Fereday. “Abbiamo scannerizzato la statua, che hanno stampato in plastica. Hanno usato il modello in plastica per produrre uno stampo in silicone e poi hanno lanciato le repliche in peltro. Li usano per i premi di fine periodo. Un processo simile potrebbe potenzialmente essere usato per produrre repliche di cera d’api delle figure votive. ”

Be the first to comment on "Le figure votive della cattedrale di Exeter bombardata dai nazisti riproposte dalla stampa 3d"

Leave a comment