Le bistecche vegane stampate in 3D di Giuseppe Scionti saranno lanciate nel 2020

Intervista: le bistecche vegane stampate in 3D di Giuseppe Scionti saranno lanciate nel 2020

Carne. Milioni di persone lo richiedono. Il consumo globale di carne è aumentato del 70% dagli anni ’60 e si prevede che continuerà a crescere, mentre la produzione totale è cresciuta cinque volte nello stesso periodo. Ma gli esperti stanno avvertendo che se continueremo a muoverci su questa strada, l’impronta ambientale di allevamento del bestiame per il consumo di carne sarà un peso eccessivo per il pianeta. Sappiamo già che l’allevamento di animali per il cibo consuma più della metà di tutta l’acqua utilizzata solo negli Stati Uniti, mentre la produzione di un solo hamburger utilizza abbastanza combustibile fossile per guidare una piccola auto per 20 miglia e una tipica fabbrica di suini genera la stessa quantità di rifiuti grezzi come una città di 12.000 persone . Molte persone hanno iniziatoaffrontare il problema, tentando di trasformare il modo in cui produciamo e consumiamo carne nel prossimo decennio . Il mercato dei sostituti della carne ha attratto le persone alla ricerca di un’alternativa per alcuni anni, ma ora, grazie all’industria della stampa 3D alimentare, il segmento dovrebbe crescere ancora di più man mano che iniziano a offrire prodotti personalizzati di alta qualità che potrebbero diventare un svolta nell’innovazione e sostituti dei mangiatori di carne.

Novameat , una startup con sede a Barcellona , vuole intraprendere una produzione sostitutiva di carne su piccola scala utilizzando la propria tecnologia brevettata. Nel 2018 l’azienda ha sviluppato le prime bistecche a base vegetale stampate in 3D. Il progetto vedrà una luce commerciale nel 2020, quando la società lancerà il proprio sistema di produzione di sostituti della carne, che include una stampante personalizzata che consentirà alle aziende di creare i tessuti necessari per produrre bistecche.

Il cuore della tecnologia di Novameat si basa sulla ricerca decennale di ingegneria dei tessuti di Giuseppe Scionti, che utilizza per imitare la consistenza, il gusto, l’aspetto e le proprietà nutrizionali dei prodotti a base di carne animale, utilizzando ingredienti completamente naturali di origine non animale. Durante un’intervista con 3DPrint.com , Scionti, fondatore e CEO di Novameat, ha suggerito che il suo approccio unico alla stampa 3D di alimenti è ciò che differenzia il prodotto finale tecnologico che rilascerà il prossimo anno.

“Novameat non è iniziato come altre società. L’origine era la biomedicina, il che significa che abbiamo una prospettiva diversa sull’industria alimentare e siamo in grado di creare qualcosa di nuovo. Prima dell’avvio, stavo sviluppando tessuti in laboratorio e successivamente una tecnologia che mi ha permesso di creare un prodotto che avesse la trama e l’aspetto del tessuto animale ”, ha affermato Scionti, esperta di ingegneria biomedica italiana ed ex assistente professore di bioingegneria al Politecnico della Catalogna (UPC) in Spagna.

Raggiungere un gusto ideale insieme a una consistenza perfetta è molto complesso, afferma Scionti. Quindi la novità è che ha continuato a utilizzare una strategia di ingegneria dei tessuti per creare un sostituto della carne a base vegetale con efficienza in termini di tempo e costi, mentre la tecnologia di microestrusione dell’azienda consente agli utenti di ottenere una struttura 3D personalizzata.

“Abbiamo incontrato molti chef di alcuni dei migliori ristoranti di Barcellona e di solito siamo sorpresi dal potenziale della tecnologia, soprattutto perché consente di costruire un prodotto con una consistenza incredibile, simile alla carne, ma con ingredienti a base vegetale , qualcosa che consentirebbe loro di sviluppare i propri prototipi ”.

Gli attuali produttori di carne di origine vegetale sono già riusciti a replicare la carne macinata e con risultati abbastanza favorevoli; tuttavia, generare sostituti di carne a base vegetale di carni fibrose animali, come le bistecche, non è così facile: la consistenza è diversa e il sapore ancora di più. Altre aziende, come Impossible Foods , stanno già commercializzando prodotti a base di carne a base vegetale ma sono presentati solo come hamburger o polpette, poiché non sono in grado di imitare la trama di una bistecca. Altri ancora usano carne coltivata coltivata all’interno del laboratorio da colture di cellule animali per generare il loro prodotto, sebbene questo sia piuttosto costoso.

Giuseppe Scionti, con la sua stampante 3D sullo sfondo.

Scionti spiega che la sua tecnologia sarebbe utile ai ristoranti e persino agli ospedali che sono alla ricerca di nuovi modi per sviluppare sostituti della carne su misura con gli elementi nutrizionali personalizzati richiesti dai pazienti. Ma il sogno non finisce qui: crede anche che Novameat farebbe benissimo nello spazio. È ancora un progetto a lungo termine, ma Scionti immagina un futuro in cui piccoli contenitori con proteine ​​e acqua possono essere regolarmente trasportati nelle stazioni spaziali per la produzione in loco di carne vegana.

Anche se non è ancora arrivato, il prototipo della tecnologia di microestrusione attualmente utilizzata presso la sede dell’azienda comprende grassi vegetali (3%), acqua (72%) e fonti di proteine ​​vegetali (25%) per stampare una matrice di fibre di carne che imita la trama e sapore di carne vera. Scionti e il suo team testano la tecnologia ogni giorno come un modo per continuare a lavorare sul loro prodotto finale, che sarà rilasciato il prossimo anno. Ma prima, devono ancora concentrarsi sul sapore e sulle proprietà nutrizionali, cosa che intendono fare nei prossimi sei mesi.

“La materia prima per la bistecca proviene da piselli o proteine ​​del riso, che è solo il punto di partenza. Per ottenere tutte le proprietà che desideriamo nella nostra bistecca, incorporiamo coloranti naturali e fibre di alghe ”, ha spiegato Scionti.

Il ricercatore ha trascorso gli ultimi anni presso l’UPC sviluppando la tecnologia alla base della startup e in seguito ha collaborato con CIM-UPC , un produttore di stampanti 3D con sede a Barcellona, ​​per sviluppare il sistema. L’obiettivo a breve termine per l’azienda è di espandersi in sedi su piccola scala – fondamentalmente ristoranti, ospedali e supermercati che hanno bisogno di produrre la bistecca senza carne per i loro clienti in loco. Tuttavia, a lungo termine, si aspettano di rivolgersi ai clienti nella produzione di carne su scala industriale.

“Stiamo iniziando a sviluppare un nuovo sistema per la produzione di carne non animale su scala industriale. Speriamo di offrirlo ai produttori di carne di origine vegetale e sarà simile alle macchine che già possiedono, ma con alcune modifiche. Le attuali macchine industriali sono piuttosto dure e possono utilizzare solo soia o frumento senza glutine per realizzare il prodotto, tuttavia, ci aspettiamo che il nostro sistema consenta diversi ingredienti di input e la capacità di trasformare il prodotto finale, dandogli un aspetto o un design diverso. ”

Questo progetto su scala industriale utilizzerà la tecnologia di Novameat per rendere la produzione più efficiente; tuttavia, il prodotto finale non sarà una bistecca personalizzata. Sarà disponibile solo usando il loro sistema di stampa 3D su piccola scala. In ogni tentativo, Novameat garantirà ai propri clienti il ​​controllo degli ingredienti e delle miscele che entrano nel prodotto finale, consentendo innovazioni grazie a categorie gastronomiche personalizzabili che saranno disponibili una volta acquistata la tecnologia.

Situata presso il Centro di ricerca di ingegneria biomedica presso UPC, la società prevede di sviluppare ulteriormente la sua piattaforma accelerando la produzione di altre carni, come pollo, maiale e salmone, anche se Scionti non è ancora sicuro di quale affronterà successivamente. La startup è finanziata da New Crop Capital , un investitore globale specializzato in proteine ​​che cambieranno il modo in cui mangiamo in futuro .

“Grazie a queste nuove alternative, ritengo che possiamo avere un grande impatto sull’ambiente, sulla salute umana e sul benessere degli animali. L’attuale sistema di allevamento intensivo è controproducente, utilizza troppa acqua, contamina e consuma carne rossa aumenta regolarmente le probabilità di cancro al colon del 15%. Quindi dobbiamo trovare un modo più efficiente per alimentare una popolazione in crescita con le nostre risorse limitate e trovare un prodotto per la crescente domanda di sostituti della carne, che in Europa è cresciuta del 450% “, ha concluso Scionci.

L’approccio futuristico ed etico alla consistenza carnosa del prodotto a base vegetale di Novameat è al centro di Scionti e dei suoi collaboratori. E chissà cosa cercheranno di imitare dopo: potrebbe essere maiale o salmone, entrambi sono proposte molto interessanti e molto richieste. Ma qualunque cosa scelgano, possiamo aspettarci standard elevati e un’interessante proposta gastronomica da questa startup. Lo proveresti?

Be the first to comment on "Le bistecche vegane stampate in 3D di Giuseppe Scionti saranno lanciate nel 2020"

Leave a comment

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi