L’Air Force risparmia milioni di dollari con le componenti stampate in 3D 

È incredibile quanto denaro possa essere risparmiato usando la stampa 3D per modificare gli oggetti in piccoli modi, e questo è evidente soprattutto nelle forze armate, dove qualcosa di così piccolo come una clip radio  può far risparmiare decine di migliaia di dollari – o più. Presso la Yokota Air Base in Giappone, i membri del servizio dell’Air Force hanno trovato un modo per salvare potenzialmente milioni di dollari, per non parlare della sicurezza dell’equipaggio aereo, usando la stampa 3D per modificare una maschera antigas di emissione standard in un sistema di ossigeno per aeromobili.

“Abbiamo preso la maschera e aggiunto alcune parti standard e alcune parti stampate in 3D e l’abbiamo convertito in un pezzo di equipaggiamento che può funzionare su un aereo”, ha detto il Serg. David Siemiet, un sovrintendente alle attrezzature di volo degli equipaggi.
L’Aircrew Eye / Respiratory Protection System, o AERPS, che viene utilizzato ora, è costoso, pesante e soggetto a problemi che possono richiedere molto tempo per la riparazione a causa del tempo di attesa per le parti di ricambio. Ma la maschera per uso generico M-50, per uso generico, è leggera ed economica e, quando viene collegata a un sistema di ossigeno, l’aria scorre attraverso i suoi filtri chimici a chi la indossa, i cui occhi sono protetti dagli occhiali, secondo Siemiet.

Per costruire il prototipo, gli aviatori si sono ispirati a un sistema dell’esercito che aggancia le maschere dei soldati agli aeratori per aiutarli a fronteggiare l’ambiente soffocante all’interno di un carro armato. Gli aviatori si sono inventati un tappo che blocca il flusso d’aria in un lato della maschera e un adattatore che consente di collegarlo a un tubo che può essere collegato a un sistema di ossigeno. AERPS Ultra, come lo chiamano gli aviatori, è stato creato utilizzando parti standard e due componenti stampati in 3D realizzati su una stampante che il senatore Airman David Petrich ha acquistato per poche centinaia di dollari.

La modifica di una maschera costa circa 75 centesimi, ma ha il potenziale per salvare l’Air Force di almeno $ 8 milioni. L’M-50 pesa anche meno di un chilo, rispetto ai 40 chili di equipaggiamento di protezione chimica attualmente utilizzati dai membri dell’equipaggio. A differenza dell’attuale AERPS, la maschera modificata non richiede un alimentatore che deve essere collegato all’alimentazione di bordo o utilizzare batterie costose.

“Puoi indossare la maschera sull’aereo e attaccarti e sei a posto,” disse Petrich.
Secondo Tech. Sgt. Eric Lundeen, l’aviatore 3D ha stampato una dozzina di parti prima di inventare un prototipo funzionante.

“La stampa 3D è qualcosa di nuovo. Ci sono solo una dozzina di basi là fuori con stampanti 3D “, ha detto.
Gli aviatori stanno progettando di inviare il progetto agli esperti di tecnologia Air Force e sperano che l’Air Force invierà stampanti 3D alle basi di tutto il mondo.

“Questo influenzerà ogni pilota dell’Aeronautica”, ha detto Lundeen. “Offre loro maggiore flessibilità e mobilità, aumenta la sicurezza e consente di risparmiare un sacco di soldi”.
Le maschere, che sono molto più comode e meno costose e più sicure, sono state approvate per i test di volo in Giappone a luglio.

Be the first to comment on "L’Air Force risparmia milioni di dollari con le componenti stampate in 3D "

Leave a comment