La terza conferenza tecnologica di Monaco (MTC3) sulla stampa 3d

ESPERTI ADDITIVI SULLE BARRIERE DELL’INDUSTRIALIZZAZIONE PRESSO MTC3

La terza conferenza tecnologica di Monaco (MTC3) ha stabilito la partecipazione più alta al suo terzo anno la scorsa settimana. Con scienziati, studiosi e leader del settore presenti, l’evento ha favorito varie discussioni sulle barriere che bloccano l’industrializzazione della produzione additiva.

L’industria della stampa 3D si è riunita con il Dr. Christian Haecker, Responsabile dell’industrializzazione della produzione additiva presso il Gruppo Oerlikon , Andreas Behrendt, partner di Mckinsey & Company , e Holger Lindner, CEO della divisione Global Product Service, TÜV SÜD, per ottenere informazioni sulla stagnazione di tali tecnologie.

Industria della stampa 3D: l’assenza di sviluppo di materiali, hardware e software sono stati argomenti ricorrenti di MTC3, vedi qualche restrizione dal lato politico?

Dr. Christian Haecker, Responsabile dell’industrializzazione della produzione additiva presso il Gruppo Oerlikon : Nel complesso, non vedo molte barriere politiche ma si tratta di ottenere un sostegno politico per l’industrializzazione additiva. Questa non è necessariamente una barriera, ma potrebbe davvero essere accelerata e più concentrata. Nel complesso, c’è ovviamente il problema più ampio delle guerre commerciali, ma anche in questo caso ogni altro settore lo sta affrontando, quindi dobbiamo anche noi.

Per me, la produzione additiva è in quello che mi piace chiamare “la valle della realtà” o “valle della verità”. Sebbene alcuni paesi tendano a correre più rischi quando si tratta di tecnologia, le industrie sono davvero ciò che guida lo sviluppo tecnologico. Le aziende dell’Europa centrale potrebbero sviluppare più processi, ma l’adozione negli Stati Uniti è decisamente più rapida di altri.

Tuttavia, molte regioni hanno approcci diversi. Alcuni in Africa potrebbero vedere usi promettenti per la stampa 3D in medicina, mentre qui in Germania altri hanno visto che è più un vantaggio per le innovazioni ingegneristiche. Credo che se continuiamo a implementare AM in modi che siamo chiamati da un cliente o naturalmente mentre continuiamo a ricercare, la tecnologia accelererà.

Industria della stampa 3D: ci sono settori in particolare in cui ritieni che l’additivo stia prosperando? E dove si trovano i loro barries all’interno dell’applicazione?

Andreas Behrendt, partner di Mckinsey & Company: il problema principale che possiamo risolvere con la stampa 3D è la personalizzazione. Anche nelle industrie di produzione di massa come quelle automobilistiche, la quantità di personalizzazione aumenta con ogni generazione di auto. La produzione additiva offre un enorme potenziale in questo settore in quanto può alterare i design degli interni e l’estetica a un costo inferiore.

Se guardi agli sforzi per la personalizzazione in questo momento, i produttori stanno cercando di risolverlo utilizzando metodi logistici, come magazzini più grandi, più trasporto di parti, più produzione in sequenza. Questo sta occupando troppo spazio; non stanno ancora pensando in modo rivoluzionario.

Un altro elemento che non viene sfruttato è la produzione senza emissioni. In tutto il mondo, abbiamo qualcosa che io chiamo “turismo delle parti” che in realtà è pazzo. Ciò significa che le parti prodotte in Cina vengono spedite a Londra, Amsterdam o ovunque il cliente possa trovarsi. La stampa 3D può avvicinare le parti molto più a dove sono necessarie. In effetti, molti dei nostri clienti credono che nei prossimi 10 anni le normative saranno molto più rigide sulle emissioni di carbonio.

Se ci pensate bene, ciò che accadrà è un velivolo a emissioni zero, ad esempio, verrà creato utilizzando tecnologie di produzione tradizionali centrate in un unico posto, oppure dovrete dimostrare di avere una catena del valore senza emissioni. Ciò renderà il business case della stampa 3D più importante rispetto ad oggi in cui le aziende hanno perso l’ottimismo a causa del purgatorio pilota .

Holger Lindner, CEO della divisione Global Product Service, TÜV SÜD: Le barriere che vedo sono comportamentali. Questo perché le opportunità offerte dall’additivo sono compensate da aziende che non sono disposte a rinunciare al modo classico di progettare e costruire prodotti. Ciò è dovuto alla mancanza di fiducia e fiducia nei nuovi processi AM e nei sistemi di produzione precedentemente stabiliti che hanno dimostrato di avere risultati desiderabili.

Ciononostante, vedo molti stimoli governativi, soprattutto a Singapore, e ora dal nuovo cluster bavarese che sta seguendo l’esempio asiatico. Quello che Singapore fa tradizionalmente è fornire alla governance un ottimo ecosistema per le aziende che sviluppano politiche, conducono test, nonché formazione aziendale e non solo formazione accademica. Questo è importante se vuoi convertire le industrie.

Le nostre basi a Singapore lavorano per quantificare un livello di prontezza in diverse aree di AM. Ad esempio, fornitori qualificati o andare oltre i test per applicare la stampa 3D a livello nazionale. La Germania è simile al mondo accademico, la volontà politica è qui, e lo sono anche le grandi aziende che operano in settori come quello aerospaziale, sanitario e automobilistico. Il cambiamento sta avvenendo a un ritmo ragionevole.

Be the first to comment on "La terza conferenza tecnologica di Monaco (MTC3) sulla stampa 3d"

Leave a comment

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi