La storia di Afate Gnikou e della prima stampante 3d del Togo

Un uomo del Togo ha costruito una stampante 3D funzionante interamente con dei rifiuti elettronici
Forse una delle cose migliori della tecnologia di stampa 3D è il modo democratico e accessibile in cui si sta sviluppando. Naturalmente, anche se non tutti possono permettersi una stampante  industriale o una desktop, ci sono però molte opportunità là fuori per coloro che desiderano stampare in 3D a buon mercato o che vogliono costruire i propri sistemi di produzione additiva. Di recente, per esempio, ci siamo imbattuti nella storia particolarmente ispiratrice di Afate Gnikou, inventore del Togo che ha costruito la  propria stampante 3D da dei rifiuti elettronici raccolti  dalle discariche.

L’incursione di Gnikou nella stampa 3D ha avuto inizio nel 2013, quando il 37-enne geografo ha partecipato ad un concorso organizzato da locale incubatore tecnologico WoeLab che invitava a costruire la prima stampante 3D del Togo. Anche un modo per richiamare l’attenzione sulla enorme quantità di rifiuti elettronici che stava finendo in Togo, Nigeria, e nelle discariche del Ghana, in gran parte dai computer di seconda mano provenienti dall’ Europa e dall’estero, così ha deciso di costruire la sua stampante 3D partendo proprio da questi materiali di scarto.

Dopo la partecipazione al concorso, Gnikou ha continuato a lavorare sulla sua stampante 3D innovativa, realizzata interamente da parti riciclate, ed è stato riconosciuto per la sua determinazione. Nel 2014, per esempio, Gnikou e al suo team sono stati assegnati il primo posto a Fab10, un evento internazionale organizzato a Barcellona orientato verso le tecnologie accessibili. Come il creatore spiega, tuttavia, anche questo premio non lo aiuta a raccogliere fondi o trovare un partner per il progetto.

Nonostante queste sfide, Gnikou è ancora determinato a sviluppare ulteriormente la sua stampante 3D e a trasformarl in un prodotto vitale per il mercato africano. Come ha spiegato, “voglio adattare la stampante 3D per il Togo e, anzi, per il contesto africano e per soddisfare le esigenze locali.” Per questo ha costruito un modello di stampante 3D più robusto e durevole, e migliorato nella sua struttura portante.

Ad esempio, mentre il primo modello di stampante 3D è stato costruito utilizzando il corpo di un computer, la seconda iterazione ha integrato i resti di uno scanner, e parti in plastica dal monitor di computer. Questo gli ha permesso di rendere la stampante 3D più solida di prima. Inoltre, ha aggiunto delle luci alla stampante 3D, ciò significa che può essere più facilmente utilizzata di notte o in ambienti scuri.

In ultima analisi, il creatore togolese spera di usare la sua stampante 3D riciclata per fare protesi a prezzi accessibili e su misura per le persone della sua comunità. Come ha spiegato in un’intervista, “Ci sono molte persone nella mia comunità che vivono con disabilità. Se chiedo loro perché non usano protesi mediche, sorridono e dicono ‘Amico mio, sono troppo costose !.’ ”

Come in molti luoghi, le protesi sono ancora relativamente inaccessibili in Togo gran parte a causa del loro costo elevato. Con il sistema attuale, i dispositivi protesici sono tutti standardizzati e importati in Togo dall’estero, il che significa non solo i costi elevati, ma anche protesi di  generiche dimensioni. Gnikou spera che la sua stampante 3D contribuirà a creare protesi a prezzi accessibili e appositamente per coloro che non possono permettersi quelle regolari. “Con una stampante 3D, potremmo creare quello che ci serve , senza che il nostro continente sia continuamente dipendente dalle importazioni.”

La stampante 3D fai da te finora ha stampato circa 150 oggetti, anche se tutti relativamente di piccole dimensioni, il più grande è di 16 cm di larghezza e 12 cm di altezza. Per contribuire a sviluppare la sua visione, Gnikou è continuamente alla ricerca di partner interessati e un finanziamento supplementare. In primo luogo, egli sta cercando di espandere lo spazio nel suo  laboratorio (sta attualmente lavorando nella casa dei suoi genitori), e di istituire una struttura di formazione dove si possa insegnare ai giovani a costruire le proprie stampanti 3D e altre macchine.

Be the first to comment on "La storia di Afate Gnikou e della prima stampante 3d del Togo"

Leave a comment