La stampa 3d rappresenta una minaccia per la sicurezza dei programmi nucleari in tutto il mondo?

La produzione additiva rappresenta una minaccia per la sicurezza dei programmi nucleari in tutto il mondo?

Nella recente distinguibilità del doppio uso: come la stampa 3D modella il dilemma di sicurezza per i programmi nucleari , l’autore Tristan A. Volpe ( Naval Postgraduate School ) discute l’attuale ruolo della produzione additiva nei programmi nucleari e le sfide che l’industria e anche altre nazioni devono affrontare.

Mentre i processi AM possono essere presenti in numerosi programmi, la strategia nell’uso di tale tecnologia e gli impatti attuali non sono ancora chiari. Come con altre armi e alcune parti e prodotti che possono essere considerati controversi nella stampa 3D, le armi nucleari potrebbero essere più facili da creare nell’arena civile.

Mentre la stampa 3D è stata sicuramente abbracciata da organizzazioni con la massima sicurezza: dalla NASA a quasi tutte le divisioni dell’esercito americano, i problemi di sicurezza che accompagnano questa tecnologia progressiva sono evidenti e la conversazione continua a crescere per quanto riguarda il suo potenziale per problemi nell’errore mani.

La capacità di produrre nuove parti a una frazione del prezzo con la tecnologia convenzionale è troppo buona per la maggior parte delle entità aziendali o governative, tuttavia, si preoccupano del prezzo da pagare quando tutti possono sapere come mettere in atto tali tecniche —E avere accesso a hardware, software e materiali.

L’obiettivo di Volpe è esplorare gli usi della stampa 3D nell’industria nucleare, insieme a come tale tecnologia “avrà un impatto sulla stabilità strategica”. Volpe si concentra su come intere nazioni potrebbero essere interessate – non solo sulle strutture – e su come capire di più sulle entità e sulla loro volontà (o meno) di “rivelare motivi benigni” poiché possiedono nuovi metodi per creare oggetti come le armi nucleari. L’inganno è una considerazione importante tra le nazioni e le loro comunicazioni reciproche e con il mondo.

I vantaggi intrinseci – e molto interessanti – della stampa 3D possono anche creare un enorme senso di competizione nel settore energetico e nella catena di fornitura in generale. Ciò che Volpe spera di vedere alla fine è un maggiore lavoro di squadra tra industrie, nazioni e istituzioni in tutto il mondo e meno fattori che contribuiscono a problemi di sicurezza e paranoia.

La tecnologia militare è, ovviamente, una considerazione importante a livello internazionale perché a un leader non piace vederne un altro guadagnare un vantaggio nel creare armi più avanzate.

“Il dilemma sulla sicurezza tende ad essere lieve quando (1) è più facile ed economico investire in capacità difensive e (2) altri stati possono distinguere chiaramente tra i diversi tipi di posture militari”, afferma Volpe.

D’altro canto, il dilemma relativo alla sicurezza può diventare grave quando arrivano nuove tecnologie sulla scena, offrendo risultati visibili e l’evidente potenziale di cambiamento.

“Poiché gli stati fanno fatica a inviare e ricevere informazioni accurate in questo mondo, le ipotesi peggiori devono essere fatte sui motivi, creando così condizioni mature per la competizione e il conflitto. Di conseguenza, il dilemma di sicurezza dipende dall’impatto e dalla distinguibilità della tecnologia militare disponibile per gli stati in un dato momento “, spiega Volpe.

La proliferazione provoca minacce, i rivali iniziano a fare pressione per ristabilire l’equilibrio e può insorgere instabilità.

Effetti materiali e informativi della tecnologia emergente.

Esiste la possibilità che i processi di AM e l’uso diffuso possano consentire alle nazioni di “fare chiare distinzioni” in merito a motivi pacifici e militari di fronte ai programmi nucleari, in particolare a fronte di una chiara distinguibilità, rendendo difficile per gli aspiranti alle armi copiare la ricerca nazionale e sforzi di sviluppo. Volpe suggerisce che gli analisti dovrebbero esaminare se l’AM potrebbe causare una svolta nel creare un maggiore arricchimento di uranio o una riduzione del materiale fissile necessario per gli esplosivi nucleari.

“Modificando la natura delle minacce e delle assicurazioni sulla proliferazione, tali cambiamenti nell’ambiente dell’informazione potrebbero aiutare a spiegare i modelli nelle strategie e le tattiche della proliferazione, nonché l’uso della latenza nucleare per scoraggiare l’aggressione e costringere le concessioni nella politica mondiale”, conclude Volpe.

“Se i fornitori e i destinatari della tecnologia nucleare utilizzino le capacità di produzione digitale incorporate in una più ampia architettura di Internet delle cose nucleari, la tecnologia potrebbe rivelare più informazioni sulla traiettoria degli investimenti nucleari rispetto alle garanzie di salvaguardia e di non proliferazione attualmente. I programmi di energia nucleare dovrebbero affrontare forti ragioni economiche e di sicurezza per aderire a questo sistema, lasciando così gli aspiranti alle armi all’esterno esposti allo spionaggio e al sabotaggio. “

Impatto della distinguibilità a duplice uso sul dilemma della sicurezza nucleare.

La stampa 3D nei programmi nucleari può essere più complessa di altre industrie, ma scienziati e ingegneri sono stati coinvolti in progetti di stampa 3D di nuove parti per testate nucleari , studiando i suoi usi per la creazione di componenti nucleari e persino la fabbricazione di armi nucleari .

Be the first to comment on "La stampa 3d rappresenta una minaccia per la sicurezza dei programmi nucleari in tutto il mondo?"

Leave a comment