La stampa 3d per respirare meglio : una stecca biocompatibile che inserita nel naso aiuta a correggere il setto nasale deviato

ST. MARY’S HOSPITAL UTILIZZA LA STAMPA 3D PER ESEGUIRE INTERVENTI DI CHIRURGIA NASALE CORRETTIVA

I ricercatori del St. Mary’s Hospital di Seoul, in Corea del Sud, hanno applicato la stampa 3D al trattamento di una condizione che può causare problemi respiratori e disturbi del sonno. In uno studio clinico, il team ha utilizzato la stampa 3D per sviluppare una stecca biocompatibile che poteva essere inserita nel naso e aiutare a correggere un setto deviato. In 20 pazienti volontari, di età compresa tra i 18 e i 74 anni, il dispositivo stampato in 3D ha dimostrato di superare le altre stecche artificiali.

“Sebbene siano stati provati diversi scaffold artificiali, la correzione del setto nasale è difficile da trattare con la cartilagine autologa poiché è troppo spessa per rendere il naso stretto o difficile da manipolare”, spiega la professoressa Kim Do-hyun parlando alla Corea BioMed .

“I RISULTATI DI QUESTO STUDIO MOSTRANO CHE GLI [INSERTI STAMPATI 3D] HANNO UNO SPESSORE SOTTILE COME UNA STECCA, HANNO UN’ADEGUATA RESISTENZA MECCANICA, SONO FACILI DA SUTURARE E OFFRONO PRATICITÀ PER LA CHIRURGIA E PRESENTANO UN’ECCELLENTE BIOCOMPATIBILITÀ NEL NASO DEL PAZIENTE DOPO L’INTERVENTO CHIRURGICO. ”

In un setto deviato, la cartilagine centrale del naso è leggermente piegata in una direzione. Secondo il servizio di revisione e valutazione delle assicurazioni sanitarie (HIRA) nella Corea del Sud, solo nel 2016 oltre 50.000 persone hanno ricevuto un intervento chirurgico per la deviazione settale.

La procedura per correggere un setto deviato normalmente utilizza intonaci di carta e stecche dorsali. Nel tentativo di migliorare questo trattamento della condizione, il team di ricerca del St. Mary’s Hospital ha utilizzato una stampante 3D per fabbricare una stecca da inserire nella punta del naso di un paziente, tenendo in posizione un impianto artificiale. Nel corso del loro studio , il team ha anche sperimentato il polycaprolactone (PCL) per produrre un dispositivo che aveva caratteristiche più simili a quelle della cartilagine reale.

La scala analogica visiva è uno strumento di misurazione utilizzato per determinare l’intensità dei vari sintomi. Usando la scala, il dolore personale dei pazienti era in media di 90,9 su 100, con zero significante assenza di dolore e 100 indica dolore intenso. Se applicato alla convenienza dell’uso materiale del medico, la scala era in media di 88,3 su 100, suggerendo un tasso di soddisfazione positiva con la stecca stampata in 3D.

Quando messi in pratica, gli splint PCL hanno contribuito a un significativo miglioramento del test delle vie aeree nasali, eseguito mediante una tomografia computerizzata. Ciò significa un migliore flusso d’aria nel naso dei pazienti, che porta a una respirazione più facile. Il team ha anche riportato un miglioramento dell’angolo del setto nasale, con la cartilagine centrale più dritta e nessuna complicanza riportata dopo l’operazione.

La stampa 3D è stata utilizzata per sviluppare diversi dispositivi medici che hanno aiutato a trattare varie condizioni.

Ricercatori coreani dell’Università di Scienza e Tecnologia di Pohang (POSTECH) e Seoul National University (SNU) hanno utilizzato il bioprinting 3D per creare una via aerea biomimetica su chip . Il dispositivo aiuterà i ricercatori a osservare e caratterizzare le malattie infiammatorie, tra cui l’asma, la malattia polmonare cronica e la rinosinusite, un’infiammazione dei seni nasali e della cavità nasale.

Inoltre, la Children’s Healthcare di Atlanta (CHoA) e il Georgia Institute of Technology (Georgia Tech) hanno utilizzato con successo le stecche tracheali stampate in 3D nella chirurgia pediatrica di un paziente di 7 mesi con un’ostruzione pericolosa per la vita delle vie aeree .

Allontanandosi dalle malattie che interessano la respirazione, ROKIT Healthcare , un produttore di bioprintori 3D coreano precedentemente noto come ROKIT, ha introdotto un nuovo metodo di biostampa 3D per il trattamento delle lesioni cicatrici . L’azienda utilizza il bioprinting 3D per consentire la naturale formazione di nuovi vasi sanguigni per una rigenerazione efficace della pelle.

Il team St. Mary’s Hospital che ha sviluppato un trattamento per setto nasale deviato utilizzando la tecnologia di stampa 3D è stato guidato dai professori Kim Sung-won e Kim Do-hyun del dipartimento di otorinolaringoiatria dell’ospedale. A loro si sono uniti anche il professor Hwang Sea-hwan presso l’ Università Cattolica della Corea, Bucheon St. Mary’s Hospital, nell’operazione.

Be the first to comment on "La stampa 3d per respirare meglio : una stecca biocompatibile che inserita nel naso aiuta a correggere il setto nasale deviato"

Leave a comment