La stampa 3D per i vaccini personalizzati, che possono essere adattati alla composizione genetica delle persone

L’industria medica progredisce verso vaccinazioni stampate in 3D più efficienti e personalizzate

In una recente conferenza sulla salute a Bilbao, in Spagna, sui progressi nelle vaccinazioni, alcuni professionisti hanno citato le potenzialità della stampa 3D per migliorare l’efficienza della somministrazione e la personalizzazione dei vaccini.

La conferenza, denominata “Advances in vaccines”, è stata ospitata dall’Associazione di Microbiologia e Salute (AMYS), così come dal Dipartimento di Pediatria e dal Dipartimento di Immunologia, Microbiologia e Parassitologia dell’Università del Paese Basco (UPV / EHU).

L’evento ha riunito esperti del settore delle vaccinazioni per parlare dello stato attuale del settore e le indicazioni sulla ricerca relativa alla vaccinazione sono previste per il futuro. La stampa 3D, ovviamente, era un argomento chiave di discussione.

Un relatore, Pedro Alsina, delle Relazioni Istituzionali di Sanofi, ha parlato di come la stampa 3D consentirà la produzione di vaccini personalizzati, che possono essere adattati alla composizione genetica del ricevente.

Inoltre, ha detto che presto sarà possibile stampare i vaccini in 3D all’interno di strutture che possono essere somministrate esternamente (ad esempio, un cerotto attaccato alla pelle) o oralmente (come compresse o anche all’interno di frutta e verdura, ad esempio). Avere metodi alternativi per le vaccinazioni diverse dagli aghi potrebbe rendere più facile la loro distribuzione in regioni in cui il personale medico scarseggia.

Gruppi di ricerca di tutto il mondo stanno attualmente lavorando su vari metodi di vaccinazione per la stampa 3D. Presso l’Università della California, Berkeley, ad esempio, una squadra sta sviluppando un dispositivo stampato in 3D chiamato MucoJet , che potrebbe consentire alle persone di amministrare le proprie vaccinazioni utilizzando un sistema pressurizzato per sparare un flusso del vaccino nel loro tessuto interno della guancia.

Nei laboratori del MIT, gli ingegneri stanno sviluppando un metodo alternativo che utilizza la stampa 3D su scala micro per creare piccoli titolari di “SEAL” per vaccinazioni che potrebbero essere impiantati con una singola iniezione e rilasciare dosi di farmaci o vaccini in un periodo di tempo definito.

Questi progetti, e molti altri come loro, suggeriscono un futuro promettente per le vaccinazioni. Tuttavia, il sistema medico dovrà adattarsi alla gestione degli sviluppi più rapidi sul campo, ha detto un esperto alla conferenza.

“Allo stato attuale, la produzione di vaccini è un processo lungo e complesso a causa della natura delle materie prime (microrganismi) e dei processi di controllo della qualità che occupano il 70% del tempo totale di produzione”, ha detto Alsina, che suggerisce che i regolamenti di vaccinazione dovrebbero essere semplificato e “armonizzato” in tutti i paesi al fine di aumentare l’innovazione nel settore.

Un altro obiettivo chiave rivolto alla conferenza è stato lo sviluppo di vaccini più efficienti, specialmente per malattie come l’influenza. “Dobbiamo lavorare per ottenere un’iniezione più immunogenica nelle persone più vulnerabili e per il vaccino contro l’influenza universale in modo che non sia necessario passare attraverso il processo una volta all’anno”, ha affermato il dottor Ramón Cisterna, professore di microbiologia e presidente di AMYS.

Ha anche affermato che la comunità medica progredisce verso lo sviluppo di vaccinazioni non solo per le infezioni, ma anche per le malattie tumorali o metaboliche.

Be the first to comment on "La stampa 3D per i vaccini personalizzati, che possono essere adattati alla composizione genetica delle persone"

Leave a comment