La stampa 3d per analizzare i relitti dei naufragi un progetto nei Grandi Laghi Americani

Usando la stampa 3D per portare i segreti dei naufraghi alla superficie

Navi naufragate nei Grandi Laghi stampate in 3d 04Son al contempo drammatiche ed  avvincenti   le carcasse spettrali delle navi naufragate. Per coloro che non vivono in prossimità dei Grandi Laghi Americani e possono così sperimentare le loro vastità  è difficile immaginare la quantità di naufragi avvenuti in un lago, ma erano laghi enormi quasi dei piccoli mari.

Al Thunder Bay National Marine Sanctuary sul Lago Huron ci sono almeno 25 relitti registrati di navi a vela dispersi in una area di 4.300 miglia quadrati. E questo  solo in una porzione di un lago. Ci sono  un altro paio di dozzine di navi a motore affondate  e otto chiatte, una chiamata poeticamente scompenso cardiaco, e  un meraviglioso mondo di esplorazione subacquea  per chi ha questa passione.

Ma per le persone che non possono scendere a  vedere queste affascinanti imbarcazioni , un team di archeologi marini che lavorano nella zona sperano  di essere in grado di portare la montagna a Maometto ovvero mostrare i resti naufragati sottoforma di modelli digitali stampabili in 3D.

Ryan Bradley subacqueo con una  laurea alla East Carolina University ha spiegato cosa la stampa 3D può fare per la comprensione da parte del pubblico della zona conosciuta come Shipwreck Alley :

“La gente non ha … una solida comprensione di quale sia il valore dei siti di sintesi. Questa tecnologia consente ai cittadini medi di ottenere una migliore comprensione del patrimonio marittimo … Questa è la storia dell’America. E ‘ancora lì, è conservata, ed è incredibile. ”

Non è solo per il pubblico che i subacquei stanno lavorando per catturare i relitti. Anche per subacquei esperti, spesso non c’è abbastanza tempo o denaro per esplorare le  opportunità  che si presentano. A una profondità di 130 piedi, il diving è intenso e, ovviamente, usare carta e matita per fare degli schizzi è praticamente fuori questione. Questi archeologi marini riprendono  foto e video dei luoghi, e  sono in grado di alimentare le immagini in un software in grado di produrre delle immagini 3d di  elevata precisione .

Le immagini 3D e le stampe vengono realizzate  per essere utilizzate per studiare i relitti in circostanze più favorevoli e può anche essere utilizzato per tenere traccia delle modifiche dei siti. Questa tecnica di imaging si chiama fotogrammetria e Joe Hoyt è il subacqueo responsabile della sua esecuzione presso la  Thunder Bay. Recentemente, Hoyt e il suo team hanno trascorso diversi giorni sulla nave Storm naufragata nei Grandi Laghi.

Hoyt ha descritto i vantaggi di fotogrammetria con un marcato tono di eccitazione:

“Questo è il primo progetto che abbiamo realizzato . La cosa interessante   è che è fotorealistico,  così perfetto in 3D, in modo che riusciamo a vederlo nella sua totalità. Ed è perfettamente in scala. E ‘davvero incredibile, è uno strumento preciso per la misurazione e il monitoraggio, inoltre il  grande vantaggio è che il tempo necessario per sviluppare il tempo è molto contenuto “.

La Defiance, una goletta di 34 metri affondata nel 1854  dopo una collisione con la John J. Audubon nel Lago Huron, è uno dei relitti del Thunder Bay National Marine Sanctuary che è stata scansionata in 3D dagli archeologi marini.

E’ un relitto in particolare, che detiene fascino   Colò a picco quando  collise con la John J. Audubon e si appoggiò sul fondo ad una profondità di circa 200 piedi sotto la superficie appena al largo della costa di Presque Isle nel Northeastern Lower  .  Al Team di Hoyt è stata necessaria solo circa una mezz’ora per raccogliere tutte le foto.

Questo sforzo è parte di un programma pilota che potrebbe portare ad un cambiamento radicale  del modo in cui i relitti dei naufragi vengono analizzati e monitorati e anche presentati al pubblico.

Be the first to comment on "La stampa 3d per analizzare i relitti dei naufragi un progetto nei Grandi Laghi Americani"

Leave a comment