La stampa 3D nell’ultimo decennio

Un nuovo studio esamina la ricerca di stampa 3D nell’ultimo decennio

La stampa 3D è un campo di ricerca a sé stante, poiché applicazioni, materiali e macchine forniscono terreno fertile per uno studio approfondito e affascinante. Quanta ricerca è davvero là fuori, però? Per rispondere a questa domanda, BM Gupta e SM Dhawan del Consiglio di ricerca scientifica e industriale ( CSIR ) hanno realizzato uno studio sul volume della ricerca sulla stampa 3D che è stato condotto dal 2007 al 2016. Lo studio indaga non solo sulla quantità di ricerca che è stata condotta, ma il tipo, gli argomenti e l’origine geografica dei documenti scientifici che sono stati pubblicati. È possibile accedere allo studio, intitolato “Stampa tridimensionale (3D): una valutazione scientometrica dell’uscita delle pubblicazioni globali nel periodo 2007-16”, qui .

“La ricerca sulla stampa 3D registra una crescita annua del 54,61% e una media di 10,59 citazioni per carta in 10 anni, e la maggior parte della produzione globale (93,79%) proviene dai soli 16 paesi più importanti”, affermano i ricercatori. “I documenti forniscono inoltre una panoramica delle prestazioni qualitative della ricerca di stampa 3D in termini di indice di citazioni relative, citazioni per giornali, documenti altamente citati, 25 principali organizzazioni globali e autori sul campo, soggetti più favoriti nel campo e materiali più favoriti , tecnologie e applicazioni utilizzate nel campo. Lo studio conclude che la stampa 3D è la prossima rivoluzione nella produzione industriale guidata da Stati Uniti e Cina.

Lo studio è stato condotto attraverso il database Scopus utilizzando parole chiave come “Stampa 3D” e “Stampa tridimensionale”. La ricerca è stata perfezionata per paese per identificare i primi 16 paesi in termini di output di pubblicazioni di ricerca. Gli Stati Uniti sono in testa con una quota di pubblicazioni globali del 32,03%, seguita dalla Cina che detiene una quota di pubblicazione del 13,85%. A seguire i due leader erano Regno Unito, Germania, Giappone, Corea del Sud, Canada, Australia, Singapore, Italia, Francia e Taiwan. In particolare, la maggior parte della ricerca proveniva da pochi paesi, sebbene la ricerca complessiva fosse diffusa.

“La ricerca sulla stampa 3D si è diffusa fino a 90 paesi, di cui 43 paesi hanno pubblicato 1-10 documenti, 23 paesi 11-50 documenti, 8 paesi 51-100 documenti, 13 paesi 101-500 documenti e 3 paesi Documenti 501-2200 “, affermano i ricercatori. “Tuttavia, la maggior parte del risultato della ricerca (93,79%) sul campo proviene ancora da soli 16 paesi più produttivi”.
In termini di distribuzione tematica, l’ingegneria è l’argomento più popolare per la ricerca sulla stampa 3D, seguito da scienza dei materiali, informatica, medicina, fisica e astronomia, biochimica, genetica e biologia molecolare e ingegneria chimica. La ricerca medica, tuttavia, ha rappresentato il maggior numero di pubblicazioni. Non sorprende che FDM sia risultato essere il metodo di stampa 3D più comunemente usato in base alle pubblicazioni di ricerca, e il materiale plastico più comunemente usato.

Circa 2803 organizzazioni hanno partecipato alla ricerca sulla stampa 3D tra il 2007 e il 2016. 12 organizzazioni hanno registrato più pubblicazioni rispetto alla media del gruppo. Allo stesso modo, circa 3644 autori sono stati coinvolti nella ricerca sulla stampa 3D durante il periodo di tempo studiato, con i primi 25 annotati nel rapporto. Altri fattori studiati includevano il numero di citazioni, con una media di 192,95 per carta.

Forse l’osservazione più sorprendente che emerge dal rapporto è l’alta concentrazione della ricerca in certe aree del mondo. Cinque paesi rappresentano i due terzi di tutta la ricerca di stampa 3D condotta a livello globale: Stati Uniti, Cina, Regno Unito, Germania e Giappone.

“Affinché i paesi asiatici e del Pacifico, tra cui la Corea del Sud, l’Australia, Singapore, Taiwan e l’India siano in grado di diventare più competitivi e migliori in futuro, le parti interessate di tali nazioni dovrebbero sostenere la ricerca sulla stampa 3D attraverso meccanismi appropriati e meccanismi di finanziamento e incoraggiare team di ricerca collaborano con i principali hub internazionali nella ricerca sulla stampa 3D “, sottolineano i ricercatori. “L’India in particolare dovrebbe prendere l’iniziativa per elaborare un piano d’azione nazionale per il progresso della stampa 3D nel paese. Attualmente le sue pubblicazioni mondiali condividono solo l’1,61% “.
E solo chi sono i ricercatori più produttivi? E da dove provengono?

CK Chua Nanyang Technological University, Singapore
Università di scienza e tecnologia Cho Pohang, Corea del sud
MM Tentzeris Georgia Institute of Technology,
WY Yeong Nanyang Technological University, Singapore
CB Williams Virginia Tech,
RB Wicker University of Texas a El Paso,
JA Lewis Harvard University
Università Li Xian Jiatong, Cina
Khademhosseini Brigham & Women’s Medical Hospital,
Lipson Cornell University, USA

Be the first to comment on "La stampa 3D nell’ultimo decennio"

Leave a comment