La stampa 3d la Cina e le operazioni di soccorso per disastri naturali

La stampa 3D è stata usata molte volte in operazioni di soccorso per disastri naturali , come terremoti , e persino per la preparazione e la  prevenzione di questi disastri. Dieci anni fa nel Sichuan, nel sud-ovest della Cina, furono uccise oltre 80.000 persone e milioni di sfollati, quando un massiccio terremoto colpì la regione. L’epicentro era situato a 50 miglia dalla capitale provinciale di Chengdu e per mesi si sono sentite scosse di assestamento che hanno causato ancora più danni.

Nel novembre del 2008, sei mesi dopo il terremoto di Wenchuan, il governo centrale ha annunciato che, come parte del programma di stimolo economico cinese, avrebbe speso 1 trilione di RMB nei tre anni seguenti per ricostruire le aree danneggiate.

Tuttavia, il lavoro continua sugli sforzi di recupero fino ad oggi. Negli ultimi dieci anni, studenti e accademici dell’Università Politecnica di Hong Kong (PolyU) hanno lavorato su oltre 70 progetti interdisciplinari che possono contribuire ad aumentare, come dice l’università , “la capacità di recupero delle comunità colpite”. Uno di questi progetti di rilievo utilizza Stampa 3D.

Questa settimana, PolyU ha ospitato un forum per celebrare i numerosi risultati raggiunti finora dai progetti, nonché per discutere le lezioni apprese e determinare un modo in cui le comunità possano proseguire. Il forum, “Resilienza: dalla gestione dei disastri alla riduzione dei rischi di disastro – 10 anni dopo il terremoto di Wenchuan”, è stato officiato da John Lee Ka-chiu, segretario per la sicurezza della Regione amministrativa speciale di Hong Kong.

Il Dr. Animesh Kumar, Vice Capo dell’Ufficio delle Nazioni Unite per la riduzione dei rischi di disastro (UNISDR) per la regione Asia e Pacifico, ha discusso gli insegnamenti tratti dal terremoto nel suo discorso principale, insieme all’impatto che i progetti hanno avuto sull’educazione ai rischi di disastro e un aggiornamento su implementare il Framework Sendai, un importante accordo delle Nazioni Unite che stabilisce “obiettivi quantificati” per ridurre l’impatto del disastro e prevenire nuovi rischi fino al 2030.

Il presidente di PolyU, Timothy W. Tong, ha affermato che oltre a far crescere la capacità della comunità di gestione delle calamità, tutti i progetti, che vanno dalla preparazione alle catastrofi, alla ricostruzione e alla risposta medica di emergenza al lavoro sociale e all’educazione alla vita, hanno contribuito a ripristinare le persone senso di benessere.

Molti dei progetti, a cui hanno lavorato più di 800 studenti PolyU di diverse discipline, sono stati trasformati in modelli di servizio e piattaforme di vita reale che stanno aiutando altre comunità nella Cina continentale e all’estero.

Un esempio è l’ Institute for Disaster Management and Reconstruction (IDMR) creato congiuntamente da PolyU e Sichuan University. Aperto dal 2013, è il primo istituto di formazione di questo tipo sul continente cinese. Più di 200 professionisti sono stati addestrati in fisioterapia, protesi e ortesi, terapia occupazionale e assistenza infermieristica, mentre 42 dottori di ricerca hanno imparato a risolvere i disastri e la ricostruzione.

Nel corso del forum è stata organizzata anche una mostra per aumentare la comprensione da parte del pubblico della prevenzione e riduzione dei disastri. La decennale gestione della catastrofe dell’università e il lavoro di soccorso in Sichuan sono stati messi in mostra, come la realizzazione di kit di sopravvivenza per la preparazione, un modello globale che mostra i rischi di disastri in tutto il mondo e il progetto Bright Building , un’iniziativa universitaria che utilizza 3D stampa per ricostruire edifici danneggiati per le comunità dopo il terremoto.

“Il disastro del terremoto ha seriamente minacciato lo sviluppo sociale ed economico dell’area locale, oltre a causare enormi problemi nella produzione e nelle condizioni di vita delle persone nelle aree colpite”, si legge nel sito web di Bright Building. “I frequenti disastri geologici sono una prova della capacità di una completa prevenzione delle calamità e delle tecnologie di mitigazione. La tecnologia di stampa tridimensionale (stampa 3D) o la produzione additiva (AM) consente una costruzione e produzione efficiente e sicura di strutture edili in un periodo di tempo relativamente breve con un ragionevole controllo dei costi. ”
Lo scopo del progetto Bright Building, con un sottotitolo di “Additive Construction for Post-Disaster Redevelopment”, è quello di utilizzare la stampa 3D per costruire un centro di distribuzione di materiale antinfortunistico multiuso e di soccorso nella comunità interessata. La stampa 3D può essere un modo più rapido e più rispettoso dell’ambiente di produrre strutture, ei materiali utilizzati hanno anche un livello superiore di flessibilità di progettazione e resistenza strutturale – utili per la ricostruzione post-disastro.

“Pertanto, la tecnologia di stampa 3D ha un grande potenziale per promuovere la meccanizzazione, l’automazione e la trasformazione intelligente dell’industria manifatturiera e, inoltre, promuovere la costruzione industriale del settore edile”, si legge nel sito Bright Building.
Il team PolyU ha completato il modello architettonico 3D in base al progetto.
Oltre all’utilizzo della stampa 3D, Bright Building ha adottato un design degli edifici a zero emissioni e sistemi di gestione intelligente del controllo. Questa combinazione consente agli edifici stampati in 3D di funzionare in modo coerente dopo che si sono verificati disastri. Il piano è per il Bright Building stampato in 3D da utilizzare durante i soccorsi in caso di calamità come centro di distribuzione temporanea per materiale di soccorso, oltre a alloggi temporanei per i residenti sfollati; in caso contrario, fungerà da spazio di comunità multiuso.

Gli studenti di PolyU hanno progettato il progetto, con il supporto di altri studenti, ricercatori e professori delle seguenti università:

Università di Tongji
Università di Sichuan
Zhongnan University of Finance and Economics
Università di Hong Kong
Università Nazionale di Singapore
Università di San Francisco
Temple University
Università di Bond
Il progetto spera che il suo edificio stampato in 3D, intelligente ea zero emissioni di carbonio possa essere utilizzato come un futuro progetto per la ricostruzione dopo un disastro.

Be the first to comment on "La stampa 3d la Cina e le operazioni di soccorso per disastri naturali"

Leave a comment