La stampa 3d in tribunale

Aiuti visivi stampati in 3D per l’aula di tribunale

Ho seguito da anni gli sviluppi della stampa 3D per i tribunali. Abbiamo visto come gli scanner 3D e la realtà virtuale possono essere utilizzati nei tribunali, come la società canadese C3DE vuole introdurre prove stampate in 3D , come 3DE stava cercando di fare lo stesso negli Stati Uniti , come i femori stampati in 3D possono essere utilizzati nell’antropologia forense , come la stampa 3D viene utilizzata nell’antropologia forense in senso lato e come una bottiglia di birra stampata in 3D è stata utilizzata per una dimostrazione in un tribunale del Regno Unito .

La scansione 3D ha già un ruolo in molte raccolte ed elaborazioni di prove in tutto il mondo. Inoltre, le animazioni forensi sono cresciute come uno strumento nel corso degli anni. Finora, le prove stampate in 3D nell’aula di tribunale sono attività di nicchia. Anche se alcune aziende sembrano credere negli strumenti probatori stampati in 3D, sono riuscito a trovare scarse prove dell’accaduto. Forse è ancora un po ‘presto perché le prove stampate in 3D diventino più diffuse. È possibile che il soffio del fruscio ci avvolga ancora, e questo impedisce agli avvocati di processo di usarci spesso. Voglio fare un caso per prove stampate in 3D, tuttavia, dal momento che credo che questo dovrebbe essere una cosa più popolare.

In aula, gli ausili visivi possono fare la differenza. Gli ausili visivi possono fornire alle persone una comprensione di nuovi argomenti complessi. Una spiegazione accompagnata da un aiuto visivo può aiutare gli studenti cinestesici a capire qualcosa di molto più chiaro. Un aiuto visivo può anche creare una memoria più precisa. Un ricordo più chiaro che accompagna toccando un oggetto renderà quel pezzo di prova più memorabile. Con molte immagini bidimensionali e chiacchiere che ingombrano la tua mente, una cosa può emergere. Forme e interazioni complesse possono anche essere capite semplicemente attraverso oggetti che puoi tenere.

“I moderni studi di ricerca mostrano che circa il 75 percento di ciò che la gente sa viene appreso attraverso la visualizzazione. Uno studio fondamentale pubblicato nel 1963 rivelò che dopo 72 ore gli umani tendono a conservare solo il 10 percento delle informazioni che ascoltano e il 20 percento delle informazioni che vedono. Quando gli umani ascoltano e vedono le stesse informazioni, mantengono il 65 percento.

“Nel mondo di oggi, dove gran parte della giuria è cresciuta guardando spettacoli di legge, come CSI e Law and Order, la giuria si aspetterà che le prove presentate durante un processo includano prove di natura visiva. Un avvocato avrà maggiori possibilità di persuadere una giuria in merito a questioni di responsabilità e ai danni del suo cliente quando la giuria è in grado di comprendere meglio cosa è successo e le lesioni del suo cliente ed è interessata all’argomento. Un avvocato che tenta un caso di lesioni personali senza prove visive sarà in netto svantaggio nel perseguire il caso “.

Il mio esempio di quanto siano utili le parti stampate in 3D per l’apprendimento sono i modelli di motori a combustione interna. Quasi nessuno può dirti come funziona un motore, ma trascorri tre minuti con un modello stampato in 3D di uno e puoi capire. Per un membro della giuria o un giudice che sta cercando molte informazioni, penso che un aiuto visivo stampato in 3D possa fare la differenza.

Modelli tattili stampati in 3D che rappresentano le ossa carpali e metacarpali durante vari movimenti della mano: rapimento (a sinistra), opposizione (al centro) e pizzicotto (a destra)

Perché gli ausili visivi stampati in 3D possono fare la differenza in aula?

Qualcosa di nuovo ed eccitante per dare una giuria all’attenzione.
Toccando un oggetto, viene creato un ricordo che può dare a questa prova più importanza e renderla più memorabile.
Gli oggetti in movimento possono fornire a un membro della giuria o giudicare una comprensione di parti e sistemi complessi.
Se un sistema o un meccanismo sono vitali per un caso, una stampa 3D potrebbe consentire alle persone di vederlo e far funzionare il sistema per capirlo completamente.
Una stampa 3D potrebbe far sembrare un’asserzione più reale.
Una mappa topografica stampata in 3D potrebbe far capire a qualcuno un percorso o un evento molto più chiaro di una normale mappa.
Parti con codice colore e spaccature stampate potrebbero rendere i meccanismi più facili da comprendere rispetto alla realtà.
Concetti sconosciuti come “come funziona il DNA” che sono essenziali per la comprensione di prove più ampie possono essere spiegati in modo molto tattile attraverso modelli stampati in 3D.
Prove troppo pericolose per essere maneggiate (una pistola) o troppo fragili (quei due frammenti che abbiamo) possono essere gestite a piacimento da una giuria.
Serie storiche complesse potrebbero essere spiegate in un modo di gioco da tavolo in cui i pezzi sul tabellone sono rappresentativi e memorabili per alcune parti nel caso.
Le prove possono essere “fatte saltare” mostrando alle persone come una fibra si adatta a un’altra o come interagiscono due sostanze chimiche.

Cose che mantengono prove stampate in 3D dall’aula di tribunale

La stampa 3D sembra ancora troppo hobby per la maggior parte delle persone.
La tecnologia può forse sembrare troppo nuova per essere degna di fiducia.
Probabilmente gli avvocati non conoscono abbastanza persone della stampa 3D.
Gli avvocati probabilmente non hanno abbastanza esposizione alla tecnologia in generale.
La stampa 3D non è ancora stata accettata in molti tribunali.
Cose super problematiche con prove stampate in 3D

È possibile modificare molto una parte stampata in 3D attraverso piccole modifiche alle impostazioni nel file 3D.
Le modifiche alle impostazioni sulla macchina possono anche cambiare la superficie, le dimensioni e la forma di una parte.
Le modifiche di taglio possono anche cambiare un oggetto.
Esegui per eseguire differenze tra alcune stampanti dello stesso modello sono troppo grandi.

Lo stesso file stampato su una macchina o materiale diverso potrebbe essere diverso.

Be the first to comment on "La stampa 3d in tribunale"

Leave a comment