La stampa 3d in Egitto

Stampa 3D in Africa: uno sguardo al panorama della stampa 3D in Egitto

L’Egitto ha goduto di una discreta percentuale di esperienza nella tecnologia di stampa 3D e ne sta facendo un buon uso. Ricreare i volti della mummia egizia e riportare in vita l’antico Egitto attraverso la ricreazione di tombe e artefatti sono nuovi sviluppi che collegano il passato al presente. Ma questo è solo una parte della sua applicazione in Egitto poiché il paese è relativamente avanzato da una prospettiva tecnologica africana e quindi l’applicazione della stampa 3D in Egitto è vasta.

In linea di principio, l’Egitto ha una comunità e un paese innovativi. Questo è evidente con le numerose start-up negli ultimi anni per quanto riguarda l’apertura di aziende che forniscono servizi di stampa 3D. Il panorama egiziano a volte ha goduto di buone condizioni finanziarie come settore e questo è vitale per lo sviluppo e l’applicazione della tecnologia di stampa 3D. Questo è stato rafforzato da appassionati che sono pronti ad esplorare e utilizzare la tecnologia.

Una cosa molto interessante della stampa 3D rispetto all’Egitto è che viene usato un termine speciale “Stampa 3D in modo egiziano”. Si tratta di studiare l’antico Egitto in relazione al miglioramento della stampa 3D in ceramica. Una tecnica nota come pasta egiziana o Faience è una menzione speciale qui. Faience è il primo materiale ceramico smaltato prodotto dall’uomo e questo potrebbe essere anche il futuro per migliorare alcune applicazioni di stampa 3D in ceramica.

Il settore medico in Egitto è stato uno dei maggiori beneficiari della tecnologia di stampa 3D. Labs come Fablab Egypt offrono servizi di stampa 3D al pubblico. Poi c’è il progetto Nitrous con la loro grande applicazione di aiutare i disabili a progettare le proprie protesi in Egitto. Stampa 3D Amtech L’ Egitto sta progettando e realizzando modelli e strumenti medici.

Come accennato prima, l’Egitto utilizza la stampa 3D per ricreare mummie , far risorgere tombe antiche e persino utilizzare scanner 3D per visualizzare all’interno di piramidi , promuovendo in tal modo le applicazioni di realtà virtuale. Mi piacerebbe chiamare questo turismo digitale che potrebbe essere il futuro per restaurare e preservare patrimoni mondiali e monumenti storici. L’Egitto sembra fare un buon lavoro in questo. Il restauro di queste opere antiche è sempre una buona fonte di reddito, ma allo stesso tempo, gli esseri umani hanno la tendenza naturale a voler preservare la storia come parte della loro vita. La stampa 3D sta sicuramente aiutando in questo sforzo.

Non si può parlare di Egitto senza menzionare la rivoluzione avvenuta durante la primavera araba che era significativa nella visione del mondo. Perché dico questo? La volontà di volontà egiziana di vedere le cose è stata applicata anche alla creazione della comunità dei maker in Egitto e Fablab era ed è il custode di questo. Durante la rivoluzione del 2012, il laboratorio a volte si chiudeva a causa dell’instabilità, ma alla fine divenne più impegnativo anche durante quei periodi ostili. Essere in grado di continuare da quei tempi difficili è stata una fonte di ispirazione per i produttori e gli appassionati egiziani. Essendo il primo laboratorio di produzione in Medio Oriente, Fab Lab ora sta guidando i programmi STEM in Egitto e ha istituito buone strutture scientifiche con l’aiuto di USAID.

Il sostegno finanziario e la grande comunità innovativa sono i combustibili chiave per promuovere la tecnologia in Egitto. C’è una buona accoglienza anche per questo, quindi l’appetito tecnologico per la stampa 3D in Egitto sembra crescere. Le abilità tecniche sono a loro disposizione e alcuni degli egiziani che sono stati all’estero sono tornati a casa per implementare ciò che hanno acquisito. Qualcosa in Africa ha davvero bisogno di sviluppare il suo paesaggio.

Be the first to comment on "La stampa 3d in Egitto"

Leave a comment