La stampa 3d e l’economia circolare

Economia circolare vs lineare

Un’economia circolareè un sistema economico volto a minimizzare gli sprechi e sfruttare al meglio le risorse. In un sistema circolare, l’input di risorse e gli sprechi, le eme ha un modello di produzione “prendere, fabbricare, disporre”. I fautori dell’economia circolare suggeriscono che un mondo sostenibile non significa una diminuzione della qualità della vita per i consumatori e può essere ottenuto senza perdite di entrate o costi aggiuntivi per i produttori. L’argomento è che i modelli di business circolari possono essere redditizi quanto i modelli lineari, permettendoci di continuare a godere di prodotti e servizi simili.

L’ economia in cui operiamo al momento è una miscela di due economie: l’economia lineare e l’economia del riuso. L’economia lineare si riferisce al modo in cui le materie prime vengono utilizzate per realizzare un prodotto, e dopo l’uso qualsiasi rifiuto (ad es. Imballaggio) viene gettato via. L’economia del riutilizzo si riferisce a come in un’economia basata sul riciclaggio, i materiali vengono riutilizzati. Ad esempio, il vetro di scarto viene utilizzato per produrre nuovo vetro e la carta da macero viene utilizzata per produrre nuova carta. Un’economia lineare e di riutilizzo ha ancora un prodotto finale di rifiuti non riutilizzabili nella creazione del prodotto. Un’economia circolare sarebbe orientata all’eliminazione dei rifiuti non riutilizzabili.

Economia da lineare a circolare

Secondo il rapporto What a Waste 2.0 , il mondo è su una traiettoria in cui la produzione di rifiuti supererà drasticamente la crescita della popolazione di oltre il doppio entro il 2050. Anche se stiamo assistendo a miglioramenti e innovazioni nella gestione dei rifiuti solidi a livello globale, è un problema complesso e che dobbiamo agire con urgenza. La gestione dei rifiuti solidi colpisce tutti; tuttavia, quelli più colpiti dagli impatti negativi dei rifiuti gestiti male sono in gran parte i più vulnerabili della società, perdendo la vita e le case da frane di discariche, lavorando in condizioni di raccolta dei rifiuti non sicure e con gravi ripercussioni sulla salute.

Il mondo genera 2,01 miliardi di tonnellate di rifiuti solidi urbani ogni anno, con almeno il 33 per cento di quello – estremamente conservativo – non gestito in modo sicuro per l’ambiente. A livello mondiale, i rifiuti generati per persona al giorno sono in media 0,74 chilogrammi ma variano ampiamente, da 0,11 a 4,54 chilogrammi. Sebbene rappresentino solo il 16% della popolazione mondiale, i paesi ad alto reddito generano circa il 34%, o 683 milioni di tonnellate, dei rifiuti mondiali .

È importante concentrarsi sulla stampa 3D e sull’industria della produzione additiva nel suo insieme. Questo è il futuro della produzione in un certo senso. Le principali aziende manifatturiere sono responsabili della maggior parte della nostra produzione di rifiuti nel mondo. Una delle maggiori preoccupazioni per le aziende è davvero la linea di fondo. Ma può essere sostenuto dai sostenitori dell’economia circolare che un’azienda possa ottenere di più da un comportamento altruistico orientato all’ambiente. La produzione additiva è un processo che riduce al minimo gli sprechi rispetto ai precedenti metodi di produzione a cui sono abituati i grandi produttori. Cosa fanno aziende e organizzazioni in tutto il mondo per questo?

Produzione e rifiuti additivi

La stampa 3D e i metodi di produzione additiva contribuiscono a ridurre gli sprechi in eccesso nella produzione, ma continuano a funzionare in una mentalità lineare di produzione. Questo si riferisce al modo in cui creiamo un prodotto attraverso la progettazione e poi lo inviamo per uso da parte di un individuo. Dopo che questo prodotto ha fatto il suo uso, può quindi essere terminato e potrebbe portare a problemi simili dei precedenti metodi di produzione. Potrebbe anche essere peggiore in quanto la rapida creazione di parti può portare a maggiori aggregati di rifiuti in generale in futuro. La stampa 3D e la produzione additiva consentono agli utenti e alle organizzazioni di avere una produzione localizzata, Ciò consenteper un migliore controllo sui vapori di rifiuti e per un C02 inferiore. La riduzione dei rifiuti avviene naturalmente in quanto vi è trasparenza con la produzione locale. Anche il controllo della qualità e il rapido ricambio sono considerazioni importanti quando si utilizza la produzione additiva come base di un’economia circolare. Con la stampa 3D, in alcuni casi, possiamo riciclare un numero di materiali esistenti in oggetti stampati in 3D.

Dovrò indagare sui rifiuti e sugli ideali dell’economia circolare. Cercherò di far luce sulle società e organizzazioni più grandi che contribuiscono allo spreco in gran parte, così come le organizzazioni che stanno facendo del loro meglio per essere sostenibili e condurre verso un’economia più circolare.

Be the first to comment on "La stampa 3d e l’economia circolare"

Leave a comment