La space venture di Stratolaunch di Paul G. Allen utilizza la stampa 3D per sviluppare il motore a razzo PGA

La space venture di Stratolaunch di Paul G. Allen utilizza la stampa 3D per sviluppare il motore a razzo PGA

Stratolaunch ha rivelato nuovi dettagli il 27 settembre a proposito di un motore a razzo che sta sviluppando per l’uso su futuri veicoli di lancio che voleranno da esso.

Fondata nel 2011 da Paul G. Allen, Stratolaunch Systems Corporation crede nella salvaguardia del pianeta Terra per le generazioni future. Il motore PGA , il cui nome deriva dalle iniziali del fondatore di Stratolaunch, è un motore a ossigeno liquido e idrogeno con una combustione a stadi ricca di carburante. Progettato per il lancio aereo dagli aerei Stratolaunch, il PGA è progettato per produrre 200.000 libbre di spinta.

“Con un design interno al 100%, il motore supporterà diverse configurazioni dei futuri veicoli di lancio interni di Stratolaunch per offrire ai clienti un prezzo orbita più conveniente per il carico utile”, ha affermato l’azienda. “Il motore migliorerà lo sviluppo tecnologico per l’industria spaziale, potenzialmente consentendo una cadenza più rapida rispetto all’attuale tecnologia all’avanguardia.”

Il motore a idrogeno / ossigeno avrà il più alto impulso specifico di qualsiasi propellente per motori a razzo, secondo Stratolaunch. Rispetto ad altri combustibili, il motore a idrogeno / ossigeno è più efficiente e consentirà un maggiore carico utile in orbita e offrirà maggiore riutilizzabilità.

Il team di propulsione di Stratolaunch ha anche rivelato di aver privilegiato l’uso della produzione additiva per lo sviluppo del suo motore a razzo liquido. Circa l’85% del processo di produzione sfrutterà le tecniche di produzione additiva. La produzione additiva porta a prototipazione rapida su una scala più veloce rispetto ai metodi tradizionali, consentendo nuovi progetti che non sono possibili con i metodi di produzione tradizionali.

Stratolaunch è attualmente impegnato nella produzione e collaudo di prototipi di sottoscale e di hardware su vasta scala. Il team ha completato lo sviluppo degli accenditori, con i test sugli iniettori attualmente in corso. I primi test del PGA comprendevano prove di fuoco caldo di un gruppo iniettore stampato in scala inferiore. Prevede di eseguire un test pre-burner su vasta scala entro la fine del 2018 presso l’impianto di prova del NASA Stennis Space Center in Mississippi.

Tra i missili che utilizzano il motore PGA ci sono il Medium Launch Vehicle (MLV) di Stratolaunch ottimizzato per brevi timeline di integrazione satellitare, un lancio conveniente e profili di lancio flessibili, in grado di trasportare 7.500 libbre (3.400 chilogrammi) di carico in orbita terrestre bassa in via di sviluppo con il primo volo nel 2022; Medium Launch Vehicle – Heavy, una variante MLV a tre core progettata per trasportare 13.230 lb. (6.000 kg) in orbita; e il piano spaziale “Black Ice”, che sarà alimentato da tre PGA per trasportare in orbita un equipaggio o un carico utile di classe media.

Be the first to comment on "La space venture di Stratolaunch di Paul G. Allen utilizza la stampa 3D per sviluppare il motore a razzo PGA"

Leave a comment