La Porsche stampa in 3d i ricambi per le sue auto più rare

La stampa 3D aiuta Porsche a produrre ricambi  per i suoi modelli classici oramai rari

La Porsche è passata alla stampa 3D per la produzione di pezzi di ricambio limitati per la sua gamma Porsche Classic. La produzione additiva consentirà al produttore automobilistico di creare pezzi di ricambio su richiesta per i proprietari di  Porsche classiche, per le quali è difficile trovare pezzi di ricambio.

Ci sono, tuttavia, oltre 52.000 parti diverse integrate nella gamma Porsche Classic. Quindi, se è richiesta una corsa limitata di una parte rara, e se lo strumento originale non è disponibile e l’inventario dei pezzi di ricambio è esaurito, i proprietari delle auto possono trovarsi di fronte alla difficile realizzazione che il loro amato veicolo potrebbe non essere più in grado di percorrere le strade.

L’azienda, ha condotto test approfonditi con la tecnologia per garantire che le parti di ricambio stampate in 3D per le sue auto classiche soddisfino i requisiti “in termini di assoluta fedeltà alle specifiche originali, sia dal punto di vista tecnico che visivo”. .

Il produttore automobilistico tedesco si affida alla tecnologia di fusione laser selettiva (SLM) per realizzare le parti, utilizzando un raggio laser ad alta energia per fondere e sinterizzare uno schema specifico su un letto di polvere metallica. Il modello, guidato da un modello CAD, viene ripetuto, strato per strato, fino a quando non viene creato l’oggetto solido 3D in metallo.

Porsche Classic ha offerto un esempio: “Ad esempio, la leva di rilascio della frizione della Porsche 959 non è più disponibile. Questo componente in ghisa grigia è soggetto a requisiti di qualità molto elevati, ma ha una richiesta molto bassa, non ultimo perché sono state prodotte solo 292 auto super sportive. L’unico processo di produzione che vale la pena considerare sarebbe la fusione selettiva del laser. ”

Una volta che la parte è stata stampata in 3D utilizzando SLM, viene sottoposta a numerosi test, tra cui un test di pressione con un carico di quasi tre tonnellate e un esame tomografico per determinare se ci sono difetti interni nella parte. Come dice Porsche, l’ultima stampa di questa leva è passata “a pieni voti”.

Aggiunge: “I test pratici con la leva installata in un veicolo di prova e numerosi test di guida confermano la qualità e la funzionalità impeccabili del componente.”

Attualmente, Porsche utilizza la stampa 3D per produrre altri otto pezzi di ricambio. Alcune di queste parti sono prodotte in acciaio e altre leghe con SLM, e alcune sono in plastica utilizzando un sistema di stampa 3D SLS. Oltre a questi componenti stampati in 3D, la casa automobilistica è anche in fase di test per vedere se altre 20 parti sarebbero adatte per la stampa 3D.

 

Be the first to comment on "La Porsche stampa in 3d i ricambi per le sue auto più rare"

Leave a comment