La partnership tra Azoth e Rize

Uno dei maggiori contributi della stampa 3D è stata la sua capacità di permettere alle persone di creare in modi che non sono mai stati possibili prima, dalle produzioni su piccola scala che misurano in nanometri a edifici su scala reale e scultura monumentale. Da qualche parte nel mezzo si trovano le esigenze della produzione industriale, e il supporto che può essere fornito dalla produzione additiva non è necessariamente nei prodotti che vengono creati, ma piuttosto nei pezzi delle macchine che creano.

Spesso, queste macchine sono altamente specializzate, il che significa che non vi è alcuna interruzione di prezzo nel produrre le loro parti in quanto non ci sono economie di scala. Invece, la produzione delle parti necessarie per far funzionare queste macchine è costosa, sia in termini di tempo creato per progettarle e fabbricarle, sia in termini di denaro che deve essere speso. Le tecnologie 3D hanno un grande potenziale di impatto sul numero di risorse che devono essere dedicate alla creazione dei componenti che consentono alle aziende di fare ciò che sanno fare meglio. Ciò è dovuto al fatto che la produzione additiva e le tecnologie associate rendono la progettazione di pezzi unici e personalizzati più facili da eseguire in un intervallo di tempo notevolmente ridotto. La fabbricazione di queste parti può anche essere intrapresa in un periodo di tempo notevolmente ridotto e con meno materiali rispetto alle tradizionali tecniche di produzione.

Riconoscere il potenziale che sta nelle tecnologie 3D è ciò che ha posto le basi per la partnership tra Azoth e Rize che promette di fornire soluzioni produttive additive al mercato della produzione industriale. Rize è una società di produzione additiva di nuova generazione con sede a Boston e Azoth, che prende il nome da ciò che gli alchimisti ritenevano fosse un elemento essenziale nella trasformazione dei metalli di base in oro, è una consociata interamente controllata da Production Services Manufacturing, Inc. ( PSMI ), leader mondiale nella fornitura di soluzioni di rimozione dei metalli e competenza ingegneristica per i maggiori produttori mondiali attraverso l’aumento dell’efficacia operativa. Scott Burk, Co-Presidente di PSMI, ha spiegato quale sia la visione per i prodotti di questa partnership:

“PSMI offre servizi in più di 250 stabilimenti in diversi paesi, compresi OEM, come John Deere, General Motors e Eaton Corporation. Intendiamo che ognuno di questi luoghi fornisca prodotti e servizi di produzione additiva innovativi ai nostri clienti “.
Insieme, promettono di fornire soluzioni che porteranno a riduzioni dei costi dell’ordine di 50X e diminuiranno nel tempo di consegna di 30X come conseguenza delle proprietà intrinseche della produzione additiva. Lo faranno attraverso la creazione della culla di forniture additive indirette che fornirà ai loro clienti di produzione servizi come prototipazione personalizzata, fissaggio e calibratura, tra gli altri. Andy Kalambi, Presidente e CEO di RIZE Inc., ha espresso il suo entusiasmo per la partnership e l’iniziativa che ha permesso:

“Siamo lieti di collaborare con una società visionaria come Azoth per contribuire a guidare un nuovo modello di business basato sulla tecnologia di produzione additiva APD di RIZE. RIZE è una tecnologia a prova di futuro nello spazio additivo in rapido movimento. Questa partnership dimostra ulteriormente la visione e la leadership di RIZE per consentire Additive at Scale. “

Be the first to comment on "La partnership tra Azoth e Rize"

Leave a comment