La NewPro3D e la tecnologia ILI Intelligent Interface Liquid una rivoluzione nella velocità di stampa mette a soqquadro il CES 2016

NewPro3D colpisce il  CES 2016 con le loro  Super Fast Printer ILI 3D

Dopo il loro battibecco pubblico contro  una resina fotopolimerizzabile prodotta da una azienda rivale  nel mese di novembre, la NewPro3D con sede in Canada ha tenuto un profilo relativamente basso. La società lavora sulla tecnologia di stampa SLA 3D, ma non si sentivano ancora pronti . Purtroppo il destino è intervenuta e la battaglia con la  NEXA3D ha forzato loro la mano e hanno rivelato il loro processo di stampa 3D lo ILI (Intelligent Interface Liquid) al mondo. Ma senza un prodotto reale sul mercato non c’era molto altro da fare che tornare a lavorare e finire ciò a cui stavano lavorando.

Il team della NewPro3D sicuramente se l’è cavata meglio della  NEXA3D, che ha finito per annullare la loro campagna Kickstarter, incolpando i canadesi e e loro accuse contro di loro. Probabilmente non sono state le accuse di NewPro3D a bloccare la campagna della NEXA3D lo stallo  della campagna era precedente ,  sulla scia delle implosioni di Pirate3D e iBox Nano, era probabilmente più di un problema di temporizzazione su  Kickstarter .
La NewPro3D in realtà non sembrava sicura di quale fosse per loro la strategia migliore  : commercializzare una stampante 3D o una licenza  OEM per altri produttori di stampanti 3D? Almeno fino a quando la squadra ha ottenuto una visita al loro quartier generale di Vancouver dal Grande Padre della stampa 3D , Chuck Hull, per dare loro incoraggiamento che hanno deciso di presentarsi a Las Vegas per il CES 2016 dove hanno finito per fare molto rumore.

I visitatori dello stand NewPro3D guardavano in soggezione il notoriamente complicato modello Torre Eiffel stampato senza problemi in quindici minuti. Avete probabilmente visto un sacco di produttori di stampanti 3D mettere in mostra le proprie versioni della piccola replica del grande simbolo francese che ha sostituito l’immancabile testa di Yoda come  prova della qualità di una stampante 3D – in primo luogo perché in realtà è un modello piuttosto difficile da stampare, e ha molti dettagli da definire che mettono in risalto la risoluzione dello strato. Le stampanti 3D FDM tipiche sono in grado di produrre una torre di dimensioni simili in circa undici ore, quindi vedere un modello di Torre Eiffel uscire da una vasca di resina in pochi minuti è destinata a provocare scalpore.
Se la ragione principale della presenza di NewPro3D al CES è stato quello di mostrare ciò che la loro tecnologia è in grado di ottenere , hanno sicuramente fatto centro. Dopo due anni di lavoro in segreto sul processo ILI certamente hanno fatto impressione.

“L’obiettivo primario di NewPro3D per il CES è stato quello di mostrare la velocità della tecnologia e di esplorare una vasta gamma di opportunità di business, quali le partnership,le  licenze e l’opportunità di entrare nella produzione  e l’interesse è stato quasi travolgente dando nuova energia al nostro team di ingegneri che hanno lavorato duramente nel corso degli ultimi 24 mesi per creare. ILI”

Vedremo cosa riserva il futuro per la tecnologia della NewPro3D nei prossimi mesi, ma per ora l’azienda deve decidere dove e come vogliono impiegare la tecnologia. Stanno continuando a sviluppare due stampanti 3D supplementari, una abbastanza grande per la fabbricazione di una lama di turbina da 25 piedi  in sole 16 ore, e una stampante 3D a metallo che utilizza un nuovo processo mai visto prima che promettono manderà completamente in frantumi la tecnologia di stampa 3d in metallo attuale.

Be the first to comment on "La NewPro3D e la tecnologia ILI Intelligent Interface Liquid una rivoluzione nella velocità di stampa mette a soqquadro il CES 2016"

Leave a comment