La NASA e Freelancer e il il braccio robotico per Astrobee Flying Robot

La NASA e Freelancer sfidano i progettisti a creare il braccio per Astrobee Flying Robot
La NASA è una grande fan del crowdsourcing e dei concorsi, sia che si tratti di una competizione globale di headliner come la  3D Printed Habitat Challenge  o qualcosa di più piccolo per stimolare la creatività degli studenti. Per lanciare queste competizioni, NASA collabora spesso con altre organizzazioni come Freelancer.com , con le quali ha affrontato dozzine di sfide dal 2015, inclusa una che riguarda la stampa 3D e il riciclaggio nello spazio . Ora la NASA e Freelancer.com stanno lavorando di nuovo insieme per una serie di sfide in corso che coinvolge un robot volante.

Astrobee è un assistente robotizzato progettato dalla NASA per gli astronauti sulla Stazione Spaziale Internazionale. Vola all’interno della ISS, si appollaia su un appiglio fissato al muro e orienta una telecamera come indicato. La NASA ha già progettato la parte a volo libero del robot e ora sta conducendo una serie di sfide multiple per incoraggiare i partecipanti a sviluppare parti del braccio robotico.

La serie comprende più di una dozzina di concorsi, ognuno dei quali chiede soluzioni per un particolare pezzo del braccio robotico, anche se a volte i singoli concorsi coinvolgono parti che si sovrappongono ad altre. Saranno assegnati un totale di $ 25.000, distribuiti su più contest, con importi da $ 250 a $ 5000. I partecipanti possono competere in tanti o pochi dei contest come loro, in quanto ognuno è stato progettato per stare in piedi da solo. Le soluzioni vincenti possono essere incorporate nel braccio robotico di Astrobee e utilizzate sulla ISS.

Tre vincitori sono già stati scelti. Nino Wunderlin è uno studente universitario di 23 anni proveniente dal Sud Africa, che studia per un master in ingegneria meccanica con specializzazione in sistemi di propulsione a razzo liquido. Ha usato le sue conoscenze in elettronica e controllo, aerostrutture per il design leggero e modellazione 3D e design per il suo ingresso nel concorso “Design an Attachment Mechanism”.

“Volevo sfidare me stesso e vedere se il mio lavoro era abbastanza buono per la NASA”, ha detto.
L’ingegnere concettuale di 37 anni Myrdal Manzano, dalle Filippine, è entrato a far parte di Freelancer.com dopo essere stato licenziato dal suo lavoro più di due anni fa. Ha lavorato al concorso “Design a ‘Smart’ Attachment Mechanism”, applicando le sue competenze in design 3D, progettazione di layout PCB, produzione, progettazione di circuiti, robotica e automazione.

Amit Biswas, 36 anni, è un ingegnere del software che ha partecipato al concorso “Progettare un semplice meccanismo di distribuzione” con la sua azienda, la Triassic Robotics. Le sue competenze in ingegneria meccanica, CAD ed elettronica lo hanno aiutato a soddisfare severi requisiti in termini di dimensioni, peso e consumo energetico. Il design ha richiesto circa due settimane di lavoro.

“Sono molto appassionato di robotica in generale e la robotica spaziale è particolarmente interessante”, ha detto Biswas. “Ero entusiasta di lavorare a questo progetto fin dall’inizio.”
La serie Astrobee Challenges ha ancora nove contest che non sono ancora stati sbloccati, quindi puoi ancora entrare se sei interessato. La sfida finale dovrebbe concludersi a settembre di quest’anno. Astrobee sarà inviato alla ISS nel 2019 per sostituire il robot SPHERES esistente e aiuterà gli astronauti con tutto, dalla pulizia al monitoraggio di veicoli spaziali. Può eseguire compiti in modo autonomo e prendere la direzione da Mission Control presso il Johnson Space Center di Houston.

Be the first to comment on "La NASA e Freelancer e il il braccio robotico per Astrobee Flying Robot"

Leave a comment