La Marina Militare britannica la Royal Navy e l’impatto della tecnologia di stampa 3d secondo Bloomberg

Un rapporto prevede che la Marina Britannica avrà in un futuro non troppo lontano delle navi stampate in 3d e senza equipaggio.

fregata marina britannicaDifficile fare previsioni sul futuro e sulla tecnologia se guardiamo alle aspirazione e alle aspettative del passato oggi ci dovremo muovere tutti su macchine volanti. Ma una  cosa  sappiamo per certa: la stampa 3D sarà se non il centro un fautore dei cambiamenti a venire.

Secondo un articolo di Bloomberg Businessweek, potremmo doverci abituare all’idea di navi militari stampate in 3d. Il Gruppo QinetiQ Plc., Un ex laboratorio di ricerca di difesa del governo, ha affermato nella sua relazione Global Marine le tendenze della tecnologia nel 2030 e ha immesso la variabile stampa 3d. L’obiettivo è la produzione più economica e più efficiente dei sistemi di difesa militari, visto che la Gran Bretagna mira a ridurre la spesa pubblica di 20 miliardi di sterline nei prossimi quattro anni. È per questo che la stampa 3D è così attraente.

Bloomberg Businessweek sottolinea che non staimo parlando di un futuro lontano poichè La Royal Navy sta già ora cercando di localizzare e distruggere le mine con “vasi a forma di siluro sotto la superficie senza equipaggio.” Sono dei sistemi lunghi fino a 50 piedi   stampati in 3d in metallo e plastica.”
In futuro la Marina potrebbe  stampare on-site in mare  le apparecchiature critiche per la missione. La Stampa 3D è così esplorata come una tecnologia dall’ eccellente potenziale  . In situazioni time-critical, produrre sul sito  è di gran lunga la strada da percorrere.

In accordo con Iain Kennedy, responsabile del Business Development per Maritime QinetiQ,  “Potremo avere missioni autonome di sistemi stampati in 3d direttamente sulle Navi. Collegate tramite comunicazioni autonome come nel caso dei siluricerca mine solo molto più sofisticati”

Kennedy spiega che le navi più recenti , la fregata Type 26 e la BAE Systems Plc Type 45 Destroyer devono accogliere più facilmente gli aggiornamenti delle attrezzature. E la stampa 3d va in questa direzione. Come sempre dal settore militare ci aspettiamo dei passi in avanti decisivi per la tecnologia.

Be the first to comment on "La Marina Militare britannica la Royal Navy e l’impatto della tecnologia di stampa 3d secondo Bloomberg"

Leave a comment