La grande Pagoda dei Kew Gardens di Londra e i 72 draghi stampati in 3d

Le stampanti 3D riportano 72 draghi alla pagoda di Kew Gardens dopo 230 anni di assenza
La grande Pagoda dei Kew Gardens di Londra è stata riportata allo splendore del XVIII secolo e riaprirà quest’estate. Grazie alla tecnologia di sinterizzazione laser selettiva (SLS) di 3D Systems, 72 draghi stampati 3D di grandi dimensioni e leggeri sono stati riportati alla Great Pagoda dopo oltre 230 anni di assenza.

La Grande Pagoda fu progettata da Sir William Chambers e completata nel 1762 come regalo per la principessa Augusta, la fondatrice dei giardini botanici di Kew. Negli anni che seguirono la presentazione della Pagoda, attirò folle che si meravigliarono della sorprendente struttura di 163 piedi e dei suoi dettagli esotici e accattivanti – compresi i draghi di legno dipinti che adornavano gli angoli ottagonali di ogni livello successivo. Nel 1780, i draghi furono rimossi per ospitare le riparazioni del tetto, ma per qualche motivo non furono mai sostituiti. Sebbene le voci indichino che i draghi sono serviti come pagamento per i debiti di gioco reale, gli esperti ritengono che il legno sia semplicemente marcito nel tempo.

La grande Pagoda di Kew è diventata un sito del patrimonio mondiale dell’UNESCO e necessitava di un importante restauro. Historic Royal Palaces (HRP) ha assunto la sfida di riportare il tesoro architettonico al suo antico splendore. Ma riportare in vita i draghi ha posto alcuni problemi particolari in termini di design, qualità, tempo, peso e costi. HRP ha richiesto una soluzione che avrebbe autenticamente replicato i draghi, ma potrebbe resistere al tempo in inglese notoriamente inclemente. HRP ha quindi raggiunto il team di produzione 3D Systems On Demand, che utilizza il software Geomagic, la stampa 3D Selective Laser Sintering (SLS) per creare repliche leggere e resistenti dei draghi originali.

“Ci siamo rivolti a 3D Systems per fornire il throughput rapido, i dettagli accurati e le finiture eccellenti necessarie per questo progetto”, ha dichiarato Craig Hatto, direttore del progetto, Historic Royal Palaces. “L’abilità ingegneristica del team di 3D Systems, l’opportunità di leggere le statue dei draghi e la longevità materiale della stampa 3D SLS sono state considerazioni fondamentali per questo progetto.”

Il progetto prevedeva la scansione 3D di un drago scolpito nel legno con un CAM2 Design ScanArm nel software di ingegneria inversa Geomagic Design X. L’uso del CAD ha permesso al team di aggiungere funzionalità nascoste per montare i draghi sulla pagoda e rendere i draghi più leggeri del 60% rispetto alle alternative in legno. La significativa riduzione del peso consentita dalla stampa 3D assicura meno stress a questo edificio storico. I dati CAD consentono inoltre ai progettisti di ridimensionare i draghi e di produrli in una varietà di dimensioni da 1150 mm a 1850 mm di lunghezza.

“Nella stampa 3D, non siamo limitati dalla necessità o dal tempo necessario per attendere la lavorazione degli utensili”, ha dichiarato Nick Lewis, direttore generale, produzione su richiesta, 3D Systems. “L’esistenza di dati digitali 3D ci dà la libertà di produrre parti rapidamente e con dimensioni personalizzate.”

I draghi sono stati poi stampati sulle macchine SLS (Selective Laser Sintering) di 3D Systems in DuraForm PA, un materiale in poliammide 12 resistente in grado di produrre un aspetto simile a quello dei draghi originali. I draghi stampati in 3D sono stati rifiniti dagli abili artigiani di 3D Systems che hanno dipinto a mano ogni pezzo.

“Spesso vediamo la tecnologia di stampa 3D applicata a nuove innovazioni che quando abbiamo la possibilità di fare letteralmente storia, è piuttosto eccitante”, ha dichiarato Phil Schultz, vicepresidente senior e general manager, produzione di materie plastiche e su richiesta, 3D Systems. “In questa collaborazione con Historic Royal Palaces, siamo stati in grado di portare la nuova tecnologia per portare un punto di riferimento storico – riportandolo alla sua antica bellezza e contribuendo a garantire il suo futuro per le generazioni a venire. È una testimonianza delle capacità e delle competenze del nostro team di produzione on demand. La nostra suite completa di materiali durevoli, tecnologie di stampa 3D, software di reverse engineering e competenze pratiche ci consente di creare una soluzione personalizzata indipendentemente dalle esigenze specifiche del cliente. ”

La Grande Pagoda di Kew si apre al pubblico il 13 luglio 2018.

Be the first to comment on "La grande Pagoda dei Kew Gardens di Londra e i 72 draghi stampati in 3d"

Leave a comment