La cartilagine di coccodrillo e la biostampa 3D per trattare l’artrite e le lesioni alle articolazioni

Dei ricercatori usano la cartilagine di coccodrillo e la stampa 3D per il trattamento di lesioni articolari, artrite

Gli scienziati della Central Queensland University utilizzano la biostampa 3D e la cartilagine di coccodrillo per un nuovo modo di trattare l’artrite e le lesioni alle articolazioni .

Il ricercatore capo Dr Padraig Strappe ha affermato che i preziosi fattori di crescita della cartilagine dei coccodrilli aiutano a promuovere le cellule staminali adulte dal tessuto grasso o dal midollo osseo, per diventare cartilagine.

Insieme a un team di ricercatori della CQ University, il dott. Strappe ha lavorato a un processo che estrae i fattori di crescita dalla cartilagine di coccodrillo e rimuove le proteine ​​che innescano una risposta immunitaria negli esseri umani.

Dr Padraig Strappe detiene la cartilagine di coccodrillo che può essere utilizzata per il trattamento di danni articolari negli esseri umani.

“Questo ci dà una zuppa o una colla che potrebbe promuovere le nostre cellule staminali adulte”, ha detto il dott. Stappe. “Speriamo che possa promuovere la riparazione della cartilagine, che è una grande sfida e lo è ancora di più nelle popolazioni anziane”.

A differenza di altri tipi di tessuto, la cartilagine non ha un apporto di sangue. Per questo motivo, una lesione traumatica a un’articolazione, in particolare il ginocchio, può lasciare una fessura o un buco tra un osso congiunto e la cartilagine danneggiata impiega molto più tempo a guarire. “Ti rimane un buco che deve essere riempito”, ha detto il dott . Strappe .

Dopo aver aggiunto la “zuppa” cartilaginea di coccodrillo alle cellule staminali adulte, una stampante 3D viene utilizzata per la bio-stampa di espianti di cartilagine che potrebbero essere iniettati in articolazioni umane danneggiate per riempire il buco.

“Con la stampa 3D possiamo imitare quel buco o quel vuoto così potenzialmente il chirurgo ortopedico potrebbe colmare quel vuoto con un piccolo espianto di cartilagine per riparare l’articolazione”, ha detto il dott. Strappe.

“Quello che stiamo cercando è una riparazione a lungo termine della cartilagine, così le persone possono tornare al lavoro e allo sport molto più velocemente e non hanno gli effetti a lungo termine delle articolazioni infiammate”, ha aggiunto.

La ricerca del dott. Strappe è stata ispirata da uno studio del CSIRO di oltre un decennio agao che classificava i livelli di proteoglicano nella cartilagine di un certo numero di specie diverse. I coccodrilli erano in cima alla lista perché un coccodrillo ha articolazioni molto grandi, quindi ha bisogno di molta cartilagine per mantenere quel movimento. La cartilagine intorno alla gabbia toracica del coccodrillo è la parte più preziosa per i ricercatori, in quanto è particolarmente ricca di proteoglicani.

La cartilagine proviene dalla vicina fattoria dei coccodrilli di Koorana, che produce pelli per l’esportazione verso le case di moda italiane e la carne per il mercato australiano. Il prodotto di scarto per loro è la cartilagine. “Qualsiasi cartilagine di coccodrillo rimasta, cerco di raccogliere il più fresco possibile o può essere congelato”, ha detto il dott. Strappe.

Con un focus su zero rifiuti, il rappresentante di Koorana Crocodile Farm ha detto che la relazione dell’azienda con il dott. Strappe è stata reciprocamente vantaggiosa.

Il gruppo di ricerca è attualmente concentrato sul mantenimento dei finanziamenti per il progetto e sulla generazione di interesse tra le aziende bio-tecnologiche che potrebbero potenzialmente sviluppare e commercializzare la tecnologia.

Be the first to comment on "La cartilagine di coccodrillo e la biostampa 3D per trattare l’artrite e le lesioni alle articolazioni"

Leave a comment