La bioprinter nScrypt consente al personale militare di stampare prodotti medici in 3D in aree remote

I militari hanno continuato ad abbracciare e far avanzare i processi di stampa 3D nel corso dei decenni, molto prima che molti di noi sapessero che esisteva. Ora, il programma 4D Bio 3 4D della Fondazione di Ginevra e della Uniformed Services University (USU) —supportando le forze armate statunitensi — ha completato un progetto pilota incentrato sull’ingegneria dei tessuti, ma per un nuovo tipo di atmosfera: l’austero ambiente militare.

L’obiettivo è quello di fabbricare prodotti medici e ulteriori ricerche sui trattamenti di prossima generazione per i Warfighters impegnati in attività sul campo. Mentre è stato dimostrato che molti vantaggi della stampa 3D sono già applicabili all’uso militare – dal mantenimento delle armi sul campo, alle uniformi e persino al cibo , la sostituzione dei tessuti in aree isolate è un nuovo concetto – ma sicuramente uno dei più importante per offrire cure immediate ai feriti o ai malati.

Questi tipi di trattamenti di nuova generazione significano che l’assistenza specifica per il paziente può essere offerta su richiesta, mentre è lontana da qualsiasi ospedale o centro medico. Un nuovo programma finanziato a livello federale, Bioprinting 4-dimensionale, Bio-fabbricazione e Biomanufacturing (4D Bio 3 ), incoraggia l’ulteriore sviluppo di:

Il progetto è stato guidato da LTC Jason Barnhill presso l’Accademia militare degli Stati Uniti West Point, Dipartimento di Chimica e Scienze della vita.

Attualmente, 4D Bio 3 gestisce diversi sforzi, tra cui esercizi di stampa 3D nel deserto, mostrando il potenziale per la stampa 3D e l’assistenza specifica per il paziente nelle regioni esterne e nei siti remoti. Il progetto pilota comprende una collaborazione tra nScrypt e RoosterBio, Inc. , che ha portato allo strumento Austere BioAssembly Tool (ABAT), una bioprinter leggera e ” robusta ” prodotta da nScrypt e ispirata al loro lavoro di stampa 3D presso la Stazione Spaziale Internazionale .

Il sistema ABAT offre:

Una vasta gamma di materiali, inclusi i polimeri
Componenti elettrici
Biologics
Finora, all’interno del programma sono stati creati i seguenti elementi:

Impugnatura e emostatico del bisturi stampati in 3D: ciascuno di questi strumenti è stato stampato entro 1,5 ore e può essere sterilizzato in loco per evitare l’infezione di soldati e altro personale militare che potrebbe essere ferito e richiedere cure sul campo.
Bende bioattive stampate in 3D – comportano la fabbricazione di uno strato di idrogel preparato con antibiotici, ancora una volta per evitare l’infezione e proteggere le ferite.
Stampa 3D di un modello chirurgico di vertebre T9 – funge da modello per aiutare i medici a diagnosticare e curare le lesioni muscoloscheletriche
Tutti gli articoli sono stati stampati in un progetto guidato da LTC Jason Barnhill presso l’ Accademia militare degli Stati Uniti West Point , Dipartimento di Chimica e Scienze della vita. La stampante 3D e una serie di materiali di consumo e materie prime sono state portate in un ambiente remoto per lo studio, insieme alle cellule staminali / stromali mesenchimali umane RoosterBio Ready to Print (RTP) (hMSC). Le celle prodotte sono state create per “semplificare e standardizzare” alcuni degli elementi più difficili e dispendiosi in termini di tempo della stampa 3D e, più specificamente, della bioprinting.

“Questa tecnologia consente la stampa austera in un ambiente limitato in quanto sono le uniche celle che consentono capacità di bioprinting in giornata”, afferma un comunicato stampa inviato a 3DPrint in merito al progetto.

Be the first to comment on "La bioprinter nScrypt consente al personale militare di stampare prodotti medici in 3D in aree remote"

Leave a comment