Il progetto Open Heritage di Google e CyArk ricrea le meraviglie archeologiche utilizzando la tecnologia 3D

L’uso della tecnologia 3D nel settore del patrimonio ha permesso alle istituzioni culturali di replicare accuratamente le loro collezioni, come ad esempio un museo in Virginia, che scannerizza e stampa in 3d alcuni dei suoi manufatti per dare ai visitatori un’esperienza più tattile. La Siria dilaniata dalla guerra ha anche visto la sua quota di progetti di eredità della stampa 3D , destinati a ripristinare gli antichi monumenti distrutti dall’ISIS. Ora Google ha collaborato con l’organizzazione no-profit CyArk per lanciare Open Heritage, che utilizzerà la tecnologia 3D per migliorare l’accesso ad alcune delle altre meraviglie archeologiche del mondo.

Nell’ambito del progetto Open Heritage , la divisione Arti e cultura di Google ha catturato immagini dettagliate di 26 famosi siti archeologici, tra cui Pompei in Italia e il palazzo Al Azem in Siria. Molti di questi siti sono minacciati di distruzione, sia attraverso guerre o disastri naturali come terremoti. Queste immagini 3D e i dati delle immagini saranno resi disponibili gratuitamente, affinché gli utenti possano scaricare online o tramite un’app per iOS o Android. Quello che fanno con esso, tuttavia, dipenderà dalla loro immaginazione.

” Il mistero di ciò che le persone  potrebbero trovare utile nei dati è parte delle aspettative ”, afferma John Ristevski, Chairman e CEO di CyArk. “Alcune delle frontiere sono nella realtà virtuale e nella realtà aumentata e siamo entusiasti di vedere che tipo di esperienze le persone possono costruire intorno ai dati del patrimonio – dai tour virtuali immersivi alle informazioni contestuali ricche mentre sei sul posto – iniziano tutte con una mappa accurata di ciò che è lì. ”

Per acquisire le immagini, il progetto Open Heritage sfrutterà la tecnologia avanzata di scansione laser LiDAR di CyArk. Il CyArk fu inizialmente fondato da Ben Kacyra, originario di Mosul, in Iraq. È stato spostato all’azione quando ha visto i filmati dei membri dei talebani distruggere antiche statue buddiste a Bamiyan, in Afghanistan, che erano state costruite 1.500 anni fa. Aveva già fatto parte dello sviluppo della tecnologia LiDAR e si è reso conto che poteva essere utilizzato in un modo che potesse contribuire a preservare alcune delle più grandi conquiste dell’umanità.

“L’invenzione di Ben era rivolta a ambienti industriali complessi come raffinerie di petrolio e sottomarini – cose che non sono state facilmente catturate e descritte dai metodi di indagine tradizionali”, afferma Ristevski. “Anche le forme organiche di molti siti del patrimonio sono difficili da modellare, quindi l’applicazione di LiDAR si è rivelata un’ottima soluzione e, combinata con la moderna fotogrammetria, può fornirci sia una geometria accurata che trame che sono utili per una miriade di applicazioni. ”

LiDAR crea rapidamente un’immagine dettagliata e strutturata di un ambiente noto come “nuvola di punti” sparando un laser su una superficie e misurando la quantità di tempo impiegata per il ritorno del laser. Un’altra tecnica che verrà utilizzata per catturare i modelli 3D è la fotogrammetria. Questo richiede un ampio set di foto per creare un’immagine 3D di uno spazio, utilizzando algoritmi per sovrapporre diverse immagini di un ambiente, sia da telecamere portatili che da droni, per creare una replica della struttura.

Be the first to comment on "Il progetto Open Heritage di Google e CyArk ricrea le meraviglie archeologiche utilizzando la tecnologia 3D"

Leave a comment