Kwambio e WeFund Ventures

KWAMBIO LANCIA UN’INIZIATIVA DI BIOPRINTING 3D CON WEFUND VENTURES

Il fornitore di servizi di stampa 3D in ceramica ucraina Kwambio e la società d’investimento estone per la prima fase WeFund Ventures hanno lanciato un nuovo progetto di bioprinting in 3D.

Denominato ADAM , l’obiettivo di questa iniziativa congiunta è sviluppare una scansione 3D end-to-end e un processo di stampa 3D per la produzione di ossa artificiali. La visione è che queste ossa saranno un giorno idonee all’uso come protesi mediche, contribuendo a contenere la lista d’attesa in crescita globale per i trapianti di organi.

Un’affermazione ambiziosa, l’iniziativa ha già ottenuto il supporto del programma acceleratore di produzione additiva STANLEY + Techstars 2019 . Al momento, se le pietre miliari sono andate secondo i piani, il team di ADAM dovrebbe aver completato l’installazione delle attrezzature di laboratorio richieste e essere vicino al completamento del suo sviluppo della “piattaforma digitale” per il flusso di lavoro. Nelle tappe normative, anche lo sviluppo del sistema di gestione della qualità dovrebbe essere iniziato.

Volodymyr Usov, CEO di Kwambio e ADAM, commenta: “La ragione principale per cui lanciamo questo progetto è aiutare le persone a salvare le loro vite”.

Con sede a New York negli Stati Uniti, a Londra nel Regno Unito ea Odessa, in Ucraina, Kwambio fornisce la stampa 3D ceramica come servizio e sta attualmente sviluppando una propria gamma di stampanti 3D. I materiali utilizzati per la stampa 3D ceramica sono anche le invenzioni proprietarie dell’azienda, una una porcellana a base di argilla e l’altra un additivo a base di vetro. Secondo la società, i suoi partner comprendono Stanley Black & Decker, GE e Airbus.

Nel Progetto ADAM, Kwambio applicherà due nuovi materiali alla creazione di impianti adatti. Il primo è un biopolimero basato su PCL con idrossiapatite aggiunta (il principale costituente dell’osso naturale). Il secondo è un biovetro in ceramica che combina idrossiapatite con vetro borosilicato resistente agli shock termici. Ognuno avrà uno scopo diverso, poiché il progetto descrive “Difetti nelle ossa che non portano uno sforzo fisico diretto e svolgono solo funzioni protettive e scheletriche (ossa del cranio, mascelle superiori e inferiori), potrebbero essere trattati con protesi in bioglass di ceramica, mentre il biopolimero modificato sarebbe usato per i difetti delle ossa tubulari “.

Alla fine, si spera anche che queste formulazioni materiali vengano fatte dissolvere all’interno del corpo, evitando l’attuale esigenza di ulteriori operazioni. Entrambi i materiali sviluppati da ADAM sono stati finora testati con successo da un team dell’Università di Lund , in Svezia.

Oltre ai materiali, il progetto ADAM mira a creare una piattaforma basata su cloud che consenta la stampa 3D su richiesta di impianti ossei personalizzati. Al momento, il primo passo di questo processo richiederebbe la scansione 3D dell’osso in questione per creare un modello specifico per il paziente. Una volta completato questo passaggio, l’impianto verrebbe stampato in 3D utilizzando la tecnologia del binder o della tecnologia di estrusione del materiale.

Il percorso per la certificazione medica

Di solito c’è un gran clamore attorno ai progetti che hanno un reale potenziale per cambiare la vita delle persone e migliorare la loro salute. In questa nota, è importante sottolineare che tale capacità non è ancora possibile, sebbene il progetto ADAM preveda l’ingresso nelle sperimentazioni cliniche nella seconda metà del 2019.

Ci sono già volute anni di aziende per ottenere una classificazione medica per gli impianti stampati in 3D realizzati con materiali tradizionali come il PEEK e il titanio. L’area con il più alto tasso di successo finora è stata probabilmente la spina dorsale , tuttavia gli impianti maxillo-facciali complessi si sono dimostrati efficaci, specialmente nei casi estremi in cui non è possibile alcuna altra soluzione. Sono stati inoltre stanziati milioni di euro per lo sviluppo di impianti ossei stampati in 3D dai principali nomi del settore.

Commenti conclusivi sul nuovo progetto ADAM Denys Gurak, partner di WeFund Ventures e Chairman of the Board di ADAM, ha dichiarato: “Crediamo nelle potenzialità del team, che in passato ha lanciato progetti di stampa 3D di successo che hanno già ottenuto molta attenzione . E speriamo che ADAM porterà questo sforzo per le innovazioni al livello successivo. “

Be the first to comment on "Kwambio e WeFund Ventures"

Leave a comment