Kickstarter e il caso negativo della stampante Phoenix 3D della EZ3D

Il Crowdfunding ha da tempo offerto una piattaforma unica e impressionante alle  start-up per ottenere finanziamenti anche se sono solo degli  inventori con una grande idea e un po’ di  spirito imprenditoriale possono raggiungere delle notevoli somme di phoenix3d stampante EZ3Dfinanziamento . Kickstarter è una delle piattaforme  più note per le campagne di crowdfunding  e  qui hanno avuto successo  molte stampanti 3D che da allora sono diventate dei nomi familiari. WobbleWorks, per esempio, che ha raccolto finanziamenti  sia per  il 3Doodler che per il  3Doodler 2.0 3D  che da semplici penne stampanti sono diventate casi di successo di svariati milioni di dollari  su Kickstarter.

Alcune campagne Kickstarter non raggiungono i loro obiettivi di finanziamento e sono quindi fermate   con i creatori che non ricevono i soldi per ottenere i materiali necessari, le attrezzature, gli spazi, o altri componenti che avrebbero potuto potenzialmente portare  le loro idee al successo. Questo capita , soprattutto quando c’è una brillante idea che semplicemente non riesce ad ottenere abbastanza attenzione.
Nell’ottobre del 2013, 284 sostenitori impegnarono 109,563 dollari (ben oltre i 20 mila dollari di obiettivo) per finanziare la stampante Phoenix 3D su Kickstarter. La Phoenix 3D è stato il frutto della idea della famiglia Bosco – Jerry e Lori, ei loro figli, Jake e Josh – che hanno creato  la società EZ3D, di Fort Collins, Colorado. La famiglia  ha aperto EZ3D nel gennaio dello stesso anno, e ha trascorso il 2013 nella messa a punto della stampante 3D prima di lanciarla su Kickstarter.
Sembrava una storia di successo.
Ma ad di oggi, 12 marzo 2015, il Better Business Bureau ha ricevuto 22 reclami provenienti da 14 stati USA, dal Canada, e anche dall’Olanda … perché le stampanti 3D Phoenix semplicemente non sono mai state consegnate. Con quasi 700 commenti sulla pagina della campagna Kickstarter  la protesta sta diventando   più forte, con i mesi che passano senza unità vendute, annunci da parte della società, o anche e-mail o telefonate risposta. (Si noti che a partire dal momento in cui scriviamo, il sito web della società sembra essere in difficoltà con i certificati di privacy )

EZ3D ha attualmente un rating F ed è nota per non essere un business BBB accreditato. Delle 22 denunce  , la società è stata q on avrebbe risposto in 21 casi.

Per l’unico caso  caso in cui EZ3D ha risposto, il BBB ha ritenuto la risposta insufficiente.

“La nostra società nel suo complesso ha incontrato enormi ritardi di tutti i nostri prodotti, in particolare nei kit”, ha detto EZ3D nella loro risposta. “Le cause di questi ritardi sono stati comunicate sul nostro sito web per tutti i nostri clienti  … Attualmente, i clienti che hanno già ricevuto i kit hanno avuto un prodotto di  scarsa qualità. Fino a quando non avremo perfezionato  i nostri processi di controllo della qualità, non vogliamo che alcun cliente,riceva  prodotti o servizi di  bassa qualità . Perciò  non spediremo dei kit fino a quando saremo certi che il cliente riceverà componenti di alta qualità che funzioneranno quando montati … ”

Il cliente in questione ha accettato le scuse e si è fatto rimborsare.

Ma tra quelli che si lamnetan ci sono quelli che non sono passati per kickstarter ma  avevano ordinato dal sito web della società nel 2014.

Il tempo dirà se siamo di fronte ad un semplice ritardo o ad un copioso fallimento

Be the first to comment on "Kickstarter e il caso negativo della stampante Phoenix 3D della EZ3D"

Leave a comment