Istituto Fraunhofer e Thin Films getti di plasma per promuovere l’integrazione ossea con impianti stampati in 3D

L’utilizzo dei getti al plasma per promuovere l’integrazione ossea con impianti stampati in 3D
I ricercatori dell’Istituto Fraunhofer per l’ingegneria delle superfici e Thin Films hanno sviluppato un metodo di stampa 3D che utilizza getti di plasma per promuovere l’integrazione ossea con impianti stampati in 3D.

Gli impianti medici tradizionali hanno migliorato la vita di innumerevoli persone, eppure è difficile credere che funzionino affatto. Questi impianti non sono personalizzabili o sono molto costosi da personalizzare perché sono fatti di parti stampate o stampate a iniezione. Le persone, d’altra parte, sono molto diverse l’una dall’altra. Mettere pezzi monouso in persone di diverse dimensioni e forme comporta ovviamente alcune complicazioni, come infezioni, disagio e rigetto. Quindi ha senso che i professionisti del settore medico siano stati attratti dall’accessibilità e dalla personalizzazione offerte dalla stampa 3D, specialmente quando si tratta di stampa 3D .

La maggior parte delle protesi ossee viene trattata con un rivestimento chimico che favorisce la crescita ossea; l’impianto funge da impalcatura ed è infine avvolto dall’osso, sebbene l’impianto rimanga. Con la tecnica di Fraunhofer IST, un getto di plasma contenente ammino freddo viene soffiato su ogni strato estruso dalla stampante 3D. Infondendo l’intero impianto con un substrato compatibile con l’osso, il tasso di crescita è (ipoteticamente) accelerato mentre il rischio di rigetto è ridotto. L’infezione può anche essere vanificata aggiungendo antibiotici al mix.

Lo scaffold implantare è anche stampato in 3D in un copolimero che si dissolve nel tempo, come spiegato dal Dr. Jochen Borris, responsabile della business unit Life Science and Ecology di Fraunhofer IST, “Il nostro obiettivo è far crescere le cellule ossee nella struttura sintetica il più rapidamente possibile e, infine, sostituendo l’impianto che viene gradualmente eliminato dagli enzimi del corpo. ”

Alcuni filler sono incorporati per aumentare la rigidità dell’impianto in base al tipo di osso in riparazione. “Questo sviluppo da parte dei nostri partner di progetto dell’Università di Maastricht rende possibile variare individualmente la stabilità all’interno dell’impianto. Come le ossa naturali, gli impianti ora possono avere aree con diversi punti di forza”, afferma il dott. Thomas Neubert, responsabile del progetto UE presso Fraunhofer IST .

Tirare fuori qualcosa in un laboratorio è solo il primo passo per ottenere una tale scoperta nelle mani (letteralmente) di coloro che ne hanno bisogno. “Stiamo attualmente lavorando per semplificare il processo e renderlo più stabile. Per poter proseguire nello sviluppo e condurre studi clinici, siamo alla ricerca di partner industriali”, afferma Borris.

Non è necessario sottoscrivere la filosofia secondo cui ogni individuo è unico come un fiocco di neve (che, a proposito, non sono i fiocchi di neve) per capire che le persone non sono tutte uguali; La stampa 3D consente al campo implantare della medicina di raggiungere quella realtà offrendo soluzioni su misura che si adattano meglio, costano meno e sono più sicure.

Be the first to comment on "Istituto Fraunhofer e Thin Films getti di plasma per promuovere l’integrazione ossea con impianti stampati in 3D"

Leave a comment