Iris van Herpen la nuova collezione di moda “Ludi Naturae” alla Galerie de Minérologie et de Géologie di Parigi

Iris van Herpen combina lastampa 3D e il tessile nella nuova collezione di moda “Ludi Naturae”

Dopo aver visto gli abiti abbaglianti scesi in passerella alla Galerie de Minérologie et de Géologie di Parigi, sapevamo che dietro non poteva che esserci una sola  designer: Iris van Herpen.

Nata nei Paesi Bassi, la designer 33enne è diventata un pioniere nel settore della moda, utilizzando in modo coerente e ingegnoso la stampa 3D e altre tecnologie innovative per creare i suoi disegni ispiratori.

La sua ultima collezione, “Ludi Naturae”, dimostra ancora una volta che la van Herpen è al vertice del suo gioco e sta padroneggiando i settori sempre più intersecati della moda e della tecnologia.

Come molti dei suoi precedenti progetti, Iris van Herpen ha tratto ispirazione per la sua collezione dalla natura. In particolare, dalla natura vista dall’alto. “Ho zoomato e guardato la terra dall’alto”, ha spiegato la designer . “Ho cercato di trovare le forze dietro certe forme, mi sono ispirato agli schemi del caos e della struttura”.

Il risultato di questa esplorazione è una straordinaria collezione di abiti fluenti; tute aderenti, o quasi aderenti alla pelle; e, naturalmente, alcuni pezzi elaborati. I capi hanno affascinato il pubblico della Galerie de Minérologie et de Géologie con i loro tessuti eterei e le trame ondeggianti. Mentre i modelli scendevano lungo la passerella rivestita degli ultimi modelli di van Herpen, alcuni di essi sembravano quasi galleggiare.

Il pezzo di apertura è stato indubbiamente il nostro preferito della collezione, e non solo per la sua estetica. Soprannominato “Foliage Dress”, il capo corto e dorato è stato creato utilizzando la tecnologia di stampa 3D Polyjet.

A questo punto potreste pensare che l’abito non assomigli ad altri capi stampati in 3D e non sembra molto “plastico” come molti altri vestiti stampati in 3D che avete visto. Non avete torto.

Questo particolare abito è stato realizzato utilizzando un nuovo metodo di stampa 3D ibrido lanciato da van Herpen in collaborazione con un team di scienziati della Delft University of Technology (TU Delft) nei Paesi Bassi.

Attraverso il programma Crossing Parallels (una collaborazione tra TodaysArt e TU Delft), van Herpen ha lavorato con gli scienziati per sviluppare un metodo per combinare la plastica stampata in 3D con tessuti naturali.

In particolare, il team ha utilizzato la tecnologia di stampa 3D Polyjet multimateriale per stampare strutture in resina sintetica su un pezzo di tulle trasparente (con uno spessore di soli 0,8 mm). Il processo di stampa multi-materiale, che deposita gocce di resina che vengono poi trattate con luce UV, ha permesso al progettista di creare sottili variazioni nel colore e nella trasparenza del materiale semplicemente intrecciando diverse gocce di materiale.

Il tulle, da parte sua, ha fornito un ulteriore livello di morbidezza sia in termini di sensazione che di look. Per adattarsi alle dimensioni relativamente ridotte della stampante 3D, il vestito è stato diviso in pezzi da 300 x 300 mm, che sono stati poi accuratamente assemblati nella forma dell’abito finale.

Secondo Jouke Verlinden, uno degli scienziati che ha lavorato al progetto, l’abito ha richiesto oltre 260 ore di stampa e 60 ore di lavoro manuale da completare. “Fino ad ora, nessuno è riuscito a combinare la plastica con proprietà diverse in un buon modo con i tessuti, e siamo orgogliosi del risultato”, ha aggiunto Verlinden.

È interessante notare che van Herpen afferma che gran parte della post-elaborazione del vestito aveva a che fare con la naturale deformazione delle strutture stampate in 3D. In altre parole, il vestito che cammina lungo la passerella sembra molto diverso da quello che inizialmente è venuto fuori dalla stampante 3D. “Questo design è una fusione di modelli 3D digitali controllati con precisione e la natura analogica meno prevedibile della deformazione”, ha spiegato a Vogue .

E mentre molti potrebbero vedere il fascino simultaneo di van Herpen con la natura e la tecnologia contraddittorie, la designer sottolinea un punto molto importante:

“Non dimenticare come la natura è ingegnerizzata  di per sé. Penso che noi umani non ci avviciniamo nemmeno all’intelligenza della natura. È divertente come la gente pensi che la natura sia semplice e la tecnologia sia complessa, è il contrario; la tecnologia è semplice e la natura è complessa. ”

Be the first to comment on "Iris van Herpen la nuova collezione di moda “Ludi Naturae” alla Galerie de Minérologie et de Géologie di Parigi"

Leave a comment