Intervista con John Barnes di The Barnes Group Advisors

Intervista con John Barnes di The Barnes Group Advisors Consulenza stampa 3D

Abbiamo avuto l’opportunità di chiedere a John Barnes di The Barnes Group Advisors alcune domande sulla stampa 3D e sull’adozione della stampa 3D. John ha lavorato nella stampa 3D sin dagli anni ’90, è stato senior manager presso la Skunk Works di Lockheed Martin e ha contribuito a portare parti metalliche stampate in 3D su una serie di velivoli militari sperimentali, oltre a lavorare sull’implementazione della tecnologia su F-22, F- 35 e altri programmi. In seguito ha diretto l’istituto di ricerca australiano CSIRO per le attività di stampa dei metalli prima di lavorare come vicepresidente del gigante della produzione di metallo Arconic . Attualmente è Professore a contratto, Royal Melbourne Institute of Technology, Adjunct Professor, Carnegie Mellon University , Adjunct Senior Research Fellow, Monash University e dirige il gruppo Barnes. Questo team di consulenti aiuta le aziende a industrializzare la stampa 3D. John è essenzialmente qualcuno che mentre accumula le miglia frequent flyer è un ecosistema di una persona per l’industrializzazione della stampa 3D in metallo.

Come sei entrato nella stampa 3D?

Il mio viaggio in additivo è iniziato negli anni ’90. Come giovane ingegnere della Honeywell Engines, sono entrato in un CRADA con Sandia National Labs e altre nove società per aiutare a coltivare un sistema di Deposizione Diretta dell’Energia, che in seguito divenne il processo di Optomec LENS . Mi considero fortunato ad aver aderito al settore così presto.
Quanto è stato difficile implementare la stampa 3D nel settore aerospaziale?

Ci vuole molto lavoro per ottenere il primo di qualsiasi nuova tecnologia a bordo di un veicolo di volo. Tutte le parti devono davvero lavorare bene insieme per combinare più discipline e dipartimenti. Anche gestire le aspettative è di fondamentale importanza. Il cliente ha esigenze commerciali e tecniche che possono essere in contrasto con le esigenze e le aspettative del fornitore, pertanto la comunicazione è un elemento fondamentale per tenere il management a conoscenza e a bordo. La tecnologia è anche altamente interdisciplinare e richiede di destreggiarsi tra molti problemi tecnici contemporaneamente. Avere relazioni eccellenti con i partner sia su e giù per la catena di approvvigionamento è fondamentale. È difficile, ma non necessariamente più difficile dell’implementazione di qualsiasi nuova tecnologia, è anche incredibilmente gratificante.
Quali sono alcuni dei blocchi stradali per l’adozione della stampa 3D?

L’allenamento per me è il problema numero uno. Il costo è importante, ma gli ingegneri di formazione su come progettare per il processo è molto importante per essere in grado di soddisfare gli obiettivi di costo.
Qual è il consiglio che puoi dare a una grande azienda industriale che desidera utilizzare la stampa 3D?

Chiedi prima qualche consiglio. Non comprare una macchina e cercare di capirlo dopo. Data la diversità della tecnologia disponibile, ci sono molte soluzioni tra cui scegliere, ed è probabile che un ufficio di servizi possa aiutarti a iniziare il tuo viaggio. Utilizziamo un modello di maturità AM proprietario per descrivere la necessità e il vantaggio di iniziare con prototipi, quindi strumenti e dispositivi, prima di passare alle parti dirette. I requisiti aumentano man mano che ci si sposta nella complessità del prodotto, così come l’apprendimento richiesto. Devi abbinare l’apprendimento della tua organizzazione per essere in grado di raggiungere i requisiti di prodotto più elevati.
C’è molta eccitazione ora su PEAK, PEI e questi tipi di materiali come li vedi adattarsi allo spazio di produzione?

Penso che ci siano ancora enormi opportunità con i polimeri avanzati in AM. Hanno proposizioni di valore simili a metalli come il titanio perché sono costosi. Credo che vedremo gli usi innovativi dei polimeri di fascia alta dove tradizionalmente abbiamo visto i metalli perché possono abbinare le prestazioni meccaniche di metalli come l’alluminio, ma con una resistenza alla corrosione superiore. Una delle cose entusiasmanti di AM è la dinamica dei costi di processo che consente agli ingegneri di esplorare materiali che in precedenza erano considerati troppo costosi.
Per che tipo di clienti lavori?

Lavoriamo con tutti i tipi di organizzazioni attraverso la catena di fornitura AM, così come le start-up e le società di investimento. Abbiamo una clientela diversificata. Come mi piace dire, siamo qui solo per aiutare.

Perché dovrei lavorare con te?

Per la nostra squadra. Credo che il nostro team sia il migliore del settore sotto lo stesso tetto. Collaboriamo continuamente con altre aziende che condividono la stessa filosofia per fornire il miglior risultato possibile ai nostri clienti. Il nostro team e la nostra rete non hanno eguali nel settore. Possiamo coprire tutti i 7 metodi ASTM AM dai materiali fino alla progettazione e alla qualificazione dei prodotti, e formare la tua organizzazione su come ottenere il massimo da AM in modo rapido e sicuro.

Be the first to comment on "Intervista con John Barnes di The Barnes Group Advisors"

Leave a comment