Intervista con Elizabeth Rogers di Kuunda 3D e Daniel Martinez di Copper 3D

L’industria della stampa 3D continua a sperimentare ulteriori miglioramenti graduali. Una menzione speciale va al recente sviluppo di Copper 3D con il loro filamento antimicrobico. Al fine di fornire questa innovazione rivoluzionaria in Africa, Copper 3D ha stretto una partnership con un rivenditore di stampanti e materiali 3D dell’Africa occidentale e orientale, Kuunda 3D . In questa intervista, discutiamo con Elizabeth Rogers di Kuunda 3D e Daniel Martinez di Copper 3D su questo sviluppo.

Spiegaci il filamento di stampa 3D antimicrobica Copper 3D?

Martinez: Stiamo parlando di tecnologia che consente a chiunque in qualsiasi parte del mondo, con una stampante a basso costo, un design intelligente e un materiale antimicrobico, di creare oggetti che non sono più solo strutture di supporto (oggetti passivi) ma ora possiamo creare “oggetti attivi”, ovvero oggetti e soluzioni che eliminano attivamente oltre il 99% di funghi, virus e batteri.

Questo è davvero rivoluzionario poiché da ora in poi è possibile creare e stampare nel giro di poche ore oggetti come contenitori d’acqua, dispositivi medici, kit per procedure mediche, ortesi e protesi, otoscopi, stetoscopi, solette di scarpe, elementi per la cura degli animali , contenitori per alimenti e un’ampia varietà di soluzioni antimicrobiche che possono contribuire notevolmente al contenimento delle infezioni intraospedaliere e comunitarie.

Questi tipi di soluzioni sono di enorme utilità, soprattutto in alcuni luoghi dell’Africa in cui è necessario un lavoro supplementare per combattere questo tipo di malattie e infezioni.

Come vedi l’impatto del filamento 3D di rame nella stampa biomedica 3D?

L’impatto di questa tecnologia nano-rame è molto rilevante a causa di due fattori:

La stampa 3D si sta avvicinando alla medicina, con varie soluzioni a basso costo di ogni tipo. L’alto tasso di infezioni e resistenza batterica è un problema crescente su scala globale. Quando attraversi queste due tendenze scoprirai che ad un certo punto avrai un grosso problema: molte soluzioni mediche stampate in 3D con un elevato carico batterico e che sono potenzialmente pericolose per i pazienti. Questo è esattamente il problema che stiamo anticipando e risolvendo e riteniamo che ciò avrà un impatto molto positivo sul settore della stampa 3D .

Con quale macchina e tecnologia sono compatibili i filamenti di rame 3D ed esistono particolari lavori di post-finitura su modelli stampati?

Tutti i materiali Copper3D sono compatibili con la maggior parte delle stampanti 3D FDM / FFF a sistema aperto . Sono stati testati con macchine di gamma alta, media e bassa con risultati molto buoni e gli oggetti stampati con questi materiali richiedono lo stesso lavoro di post-finitura dei materiali convenzionali.

Rogers: Vorrei aggiungere che i materiali Copper3D fanno parte del programma Ultimaker Material Alliance , il che significa che sono stati testati con macchine Ultimaker e hanno profili di materiale disponibili nel programma di affettatura di Ultimaker. Questo li rende estremamente facili da usare su macchine Ultimaker, sebbene Daniel abbia ragione, i materiali Copper3D dovrebbero funzionare su qualsiasi stampante 3D FDM / FFF a sistema aperto!

Quanto costerebbe il filamento 3D di rame sul mercato?

Rogers: In Kenya , il prezzo locale è di 9900 KSH (più IVA), che è di circa US $ 96. I prezzi in altri paesi africani saranno simili. E stiamo attualmente cercando rivenditori in altri paesi che sarebbero interessati a Copper3D e ai nostri altri prodotti.

Stai guardando l’ecosistema di stampa 3D africana e stai lasciando un segno. Quali sono le tue prospettive finanziarie riguardo al mercato africano?

Credo che ci sia un enorme potenziale in tutto il continente africano, non solo nella stampa 3D / produzione di additivi. La popolazione è giovane, innovativa e imprenditoriale, e sembra esserci uno spostamento verso la diaspora che ritorna a casa per avere un impatto positivo a livello locale avviando attività e promuovendo l’innovazione. Ci sono opportunità in molti paesi africaniscavalcare la vecchia tecnologia (come i telefoni fissi) e saltare direttamente alla roba buona (smartphone), e questo offre numerosi vantaggi, tra cui la flessibilità e la capacità di muoversi rapidamente. Tuttavia, non è sempre facile fare affari nei paesi africani e sebbene il potenziale di mercato sia presente, può ancora essere lento adottare tecnologie e apportare modifiche. La stampa 3D è una di queste tecnologie di cavallina che una volta che l’industria inizierà a raccoglierla, ci saranno enormi miglioramenti nella produzione locale e nello sviluppo delle economie locali.

Dagli studi clinici e dall’uso pratico del filamento 3D di rame, ci sono effetti collaterali?

Martinez: Di tutti gli studi di laboratorio e clinici testati su pazienti non abbiamo avuto segnalazioni di effetti collaterali di alcun tipo. Ciò non ci sorprende perché la concentrazione di nano-rame in questi materiali è circa 100 volte inferiore alla soglia di citotossicità, pertanto sono materiali estremamente sicuri per l’uso nei pazienti.

Be the first to comment on "Intervista con Elizabeth Rogers di Kuunda 3D e Daniel Martinez di Copper 3D"

Leave a comment