Intervista con Aintzane Arbide di IAM 3D Hub di Barcellona



Siamo molto interessati a vedere se gli hub possono portare il futuro della stampa 3D in un modo comune . Siamo lontani dall’essere da soli in questo fronte, tuttavia città come Singapore e Dubai stanno riversando un sacco di soldi nel tentativo di essere la valle del silicio della stampa 3D. Senza un candidato chiaro, molte altre città stanno giocando con questa idea. E se la Silicon Valley della stampa 3D potesse contenere anche spiaggia, design, industria, un buon bicchiere di vino Penedes , tapas e passeggiate nel mercato de La Boqueria ? E se in alcuni anni avessimo scoperto che il nostro centro era Barcellona? Non posso essere solo nel pensare che questo non sarebbe un cattivo risultato. Una persona che vuole portare questo è Aintzane Arbide. È la responsabile dello sviluppo aziendale per la gestione dell’innovazione istituisce Leitat e gestisce lo IAM 3D Hub un incubatore tecnologico incentrato sulla produzione additiva / stampa 3D.

Che cos’è IAM 3D Hub?

L’hub 3D Advanced Manufacturing 3D, l’IAM 3D Hub, è un centro di innovazione e centro di innovazione digitale specializzato in produzione additiva e stampa 3D che fornirà alle PMI un negozio “One-Stop” per valutare, guidare e soddisfare tutte le loro esigenze in additivo Produzione.

Lo IAM 3D HUB è l’unico centro di innovazione digitale specializzato nella stampa 3D riconosciuto dalla Commissione europea ed è stato scelto per far parte del Consiglio di strategia selezionato dal Ministero dell’Industria in Spagna per la definizione della tabella di marcia di DIH.

Quali sono i tuoi obiettivi?

Lo IAM 3D Hub vuole accelerare l’adozione delle tecnologie di produzione additiva e stampa 3D nei settori manifatturieri dell’Unione Europea come un modo alternativo per progettare, sviluppare e produrre nuovi prodotti e servizi competitivi che rafforzino la loro competitività.

Che consiglio mi daresti se fossi un’azienda nuova alla stampa 3D?

Se stai pensando di adottare una tecnologia di stampa 3D, ti consigliamo di analizzare attentamente e identificare quale soluzione AM è l’opzione migliore per risolvere le tue esigenze come primo passo. Quindi, è necessario rispondere alle seguenti domande: Quali sono le vostre capacità di produzione? Il tuo team è pronto ad adattare progetti e processi di produzione alla produzione additiva? In IAM 3D HUB ci rendiamo conto che queste domande sono fondamentali se si desidera adottare la stampa 3D e disponiamo di un team specializzato per aiutare le aziende a risolverli fornendo un’ampia gamma di servizi.

Che consiglio mi daresti se volessi produrre con la stampa 3D?

Non ti darò un consiglio, solo una raccomandazione: investire in programmi di formazione e apprendimento 3D / AM. Il processo di adozione è appena iniziato, quindi ora le aziende hanno l’opportunità di acquisire le conoscenze e di essere i primi nel loro campo ad includere la stampa 3D nei loro processi di produzione e trarne vantaggio.

Con quali aziende stai cercando di collaborare?

Da un lato, i nostri fondatori e membri attuali dello IAM 3D HUB sono HP , Renishaw , Leitat, Coniex e Wacker come attori tecnologici. D’altra parte, i nostri Giocatori di Formazione, Affari ed Economici sono Fira de Barcelona e la principale fiera spagnola specializzata nella produzione additiva: In (3D) ustry. Inoltre, abbiamo firmato diversi accordi con potenziali partner che rafforzeranno la rilevanza dell’AM in Europa. Quindi, siamo aperti a collaborare con molte aziende e istituzioni diverse lungo l’intera catena del valore della produzione additiva.

Perché l’attenzione per la produzione?

Non ci concentriamo solo sulla produzione. Comprendiamo che la stampa 3D è una tecnologia dirompente che viene ampliata. Quindi, vogliamo solo aiutare le aziende a superare le loro paure e adottare la produzione additiva in un modo che soddisfi le loro esigenze: nella produzione o nella prototipazione rapida, ecc.

Come si ottengono le PMI da produrre con la stampa 3D?

Aiutandoli a guadagnare sicurezza offrendo la soluzione AM adatta, una stima dei costi, un servizio di design e re-design per adattare le loro parti o offrendo loro allenamenti personalizzati AM / 3DP.

Sta addestrando cosa sta trattenendo le PMI?

La formazione è un fattore importante, ovviamente, ma non è un ostacolo. A nostro avviso, i progettisti e gli ingegneri di tutti i tipi di società hanno l’opportunità di migliorare le loro conoscenze e specializzare le loro carriere nella produzione additiva. Offriamo inoltre un programma di formazione personalizzato per le aziende e le PMI “focalizzate sulla chiusura del loro gap di competenze digitali”.

Qual è il tuo laboratorio vivente?

Abbiamo una linea di produzione di stampa 3D funzionante funzionale con 9 stampanti Multi Jet Fusion (HP), 2 Selective Laser Melting (Renishaw), 3 Fused Deposition Modeling e 1 Stereolithography. Inoltre, l’area di post-elaborazione comprende 4 sabbiatrici, 1 vibrazione vibrazionale e 2 macchine per tintura, 1 blaster grafite e 1 forno di polimerizzazione. Abbiamo anche un’area tecnica con software per la progettazione e la modellazione 3D, lo strumento DfAM per l’ottimizzazione topologica e geometrica, l’analisi e la simulazione di modellazione. Infine, poiché le nostre strutture sono situate nei locali di Leitat, abbiamo accesso ai loro laboratori per la caratterizzazione dei materiali e la convalida delle proprietà meccaniche, in molti altri.

Quali sono i principali ostacoli all’adozione della stampa 3D?

Oggi pensiamo che il principale ostacolo per le aziende che vogliono adottare la produzione additiva sia la mancanza di conoscenza su ciò che la tecnologia (e i materiali) possono fornire. Pertanto, ci siamo concentrati sulla fornitura di diversi corsi di formazione per scopi specifici, che possono anche essere completamente personalizzati.

Inoltre, i costi della tecnologia, la produttività oi materiali disponibili potrebbero portare a confusione per le aziende se non hanno alcuna esperienza precedente.

Per quali prodotti viene utilizzata la stampa 3D?

Stiamo assistendo a un rapido sviluppo della tecnologia e alla scoperta di nuovi prodotti che si adattano ai materiali e alle tecnologie disponibili per massimizzare le loro proprietà e usabilità. Al giorno d’oggi, la stampa 3D è una tecnologia dirompente in diversi settori: aerospaziale, automobilistico, attrezzature industriali, medicina, elettronica, beni di consumo, costruzioni e cibo, tra gli altri

Quali aree sono mature per l’industrializzazione con la stampa 3D?

Come già osservato in precedenza, settori come l’aerospaziale, l’automobilistico, le attrezzature industriali, la medicina, l’elettronica, i beni di consumo, l’edilizia e il settore alimentare stanno già sfruttando le capacità AM. Ciò che AM è attualmente in grado di fornire è l’ottimizzazione e la personalizzazione completa per piccole serie di componenti, attrezzature industriali, attrezzature mediche, ecc.

Che tipo di eventi dovrei partecipare?

Le nostre porte sono aperte se qualcuno vuole visitarci e scoprire i nostri servizi e la fabbrica di stampa 3D. Inoltre, quest’anno parteciperemo alle seguenti fiere: Addit 3D (Bilbao) e IN (3D) USTRY (Barcellona) in Spagna, TCT in Inghilterra, e K (Düsseldorf) e Formnext (Francoforte) in Germania. Vieni e unisciti a noi!

Perché Barcellona sta diventando un centro di stampa 3D?

La Catalogna, con Barcellona come capitale principale, ha un ecosistema 3D con un enorme numero di aziende situate nell’area metropolitana da molti anni fa, inclusi i siti principali HP o Renishaw, leader nella stampa 3D.

Questo è il motivo per cui il governo catalano ha approvato la comunità Llavor 3D, guidata da Leitat Technological Center, per investire nella ricerca e nello sviluppo della stampa 3D. Questa iniziativa è in linea con la strategia di specializzazione intelligente definita dall’Unione europea, la RIS3.

Oltre a ciò, il primo e unico incubatore di stampa 3D High-Tech aprirà le sue porte a Barcellona il prossimo febbraio. Il progetto, diretto dai Consorci di Zona Franca di Barcellona e dalla Fondazione Leitat, offrirà spazi di co-working, servizi di marketing e accesso a un laboratorio di stampa 3D con le ultime tecnologie a 25 aziende, PMI o startup selezionate da un concorso.

Questo progetto sarà solo il primo seme della creazione di un distretto 4.0 e sarà completato con l’inaugurazione di DFactory 4.0, il prossimo giugno, anche nella Zona Franca di Barcellona, ​​un edificio con oltre 17.000 mq dove diverse aziende si sono collegate alle tecnologie 4.0 si sposterà e condividerà laboratori e spazi di networking.

Be the first to comment on "Intervista con Aintzane Arbide di IAM 3D Hub di Barcellona"

Leave a comment