Intervista al CEO di Sculpteo Clément Moreau nell’acquisto da parte di BASF

Sculpteo ora ufficialmente parte di BASF, un’intervista con Clément Moreau

Con una capitalizzazione di mercato di $ 52 miliardi, il colosso chimico tedesco BASF è quasi al vertice della catena alimentare nel settore della stampa 3D. Si trova appena sotto GE, con la sua capitalizzazione di mercato di circa $ 60 miliardi, e molto più avanti di HP, che è più vicino a $ 25 miliardi. Ciò significa che quando si muove nello spazio additivo, quelle che possono sembrare piccole increspature possono generare onde estremamente grandi. Ciò può essere particolarmente vero per l’ acquisizione di Sculpteo , uno dei più importanti uffici di servizi di stampa 3D insieme a Materialise, Shapeways e quelli gestiti da produttori di sistemi come Stratasys Direct Manufacturing e 3D Systems On-Demand.

.

Ora che l’acquisto è stato completato, a dicembre 2019, abbiamo parlato con il CEO di Sculpteo, Clément Moreau, di cosa significhi per l’azienda. Fondata nel 2009, Sculpteo è stata in grado di distinguersi rapidamente dagli altri uffici di servizi gestendo l’intera attività sul cloud. Con un focus iniziale sui singoli utenti, lo sviluppatore dell’azienda ha numerosi strumenti software in grado di aumentare la facilità d’uso e il controllo di qualità per le parti di stampa 3D.

Moreau ha spiegato che, come molte altre società che sorgono in quel momento, c’era una forte convinzione che la tecnologia avrebbe raggiunto una popolarità diffusa tra i consumatori, ma che, con il cambiamento del settore, Sculpteo è rimasto agile e ha cambiato rotta.

“Quando abbiamo fondato la società nel 2009, avevamo davvero l’idea che chiunque potesse stampare in 3D e diventare facilmente un produttore”, ha affermato Moreau. “Ci abbiamo provato e non è successo, non è successo finora. Abbiamo dovuto cambiare. Nel 2012, abbiamo visto che, nel nostro numero, le imprese, le startup, le piccole e medie imprese erano più grandi dei consumatori e abbiamo deciso di seguire questo canale. Ma dal 2013-2014 circa, ci siamo davvero concentrati sull’applicazione industriale. È iniziato davvero con le piccole e medie imprese e ha progressivamente ottenuto clienti sempre più grandi. Oggi abbiamo clienti molto grandi in diversi settori, come i beni di lusso. “

Moreau continua a gestire la società come ha sempre fatto, tranne ora che ha il supporto di una grande azienda chimica specializzata, l’ufficio servizi avrà un notevole carburante per la crescita.

“È abbastanza eccitante far parte di questa gigantesca azienda. È un altro diverso da quello che sapevamo prima. È molto interessante avere la capacità di fare ricerca e sviluppo ed essere all’avanguardia. Abbiamo sempre cercato di rischiare e innovare “, ha spiegato Moreau. “Siamo stati in grado di raggiungere la nostra ricerca e sviluppo sulle polveri, ma ora abbiamo la capacità di interagire con le persone che effettivamente sviluppano e ricercano le polveri. Tutto ciò che vogliamo ora possiamo pensare. Ciò non significa che dovremo perseguirlo, ma la possibilità è lì. “

Di recente, Sculpteo ha rilasciato la sua prima gamma di opzioni di materiali rese disponibili tramite BASF . Includono poliammide 6 (PA6) ritardante di fiamma, polipropilene e poliuretano termoplastico (TPU), tutti con il marchio Ultrasint, oltre al filamento metallico Ultrafuse 316L. L’azienda da allora è stato in grado di raddoppiare la superficie del suo impianto in Francia, da 800m 2 a 1.600m 2 , l’aggiunta di € 2 milioni in attrezzature di produzione di additivi.

Il filamento Ultrafuse 316L ha suscitato molta attenzione nel settore, come un filamento metallico che può essere stampato su quasi tutte le macchine desktop. Ora, tramite Sculpteo, qualsiasi utente può avere oggetti stampati in 3D in Ultrafuse 316L da Sculpteo, che eseguirà il debinding e la sinterizzazione delle parti stampate in “fornaci ad idrogeno giganti”, afferma Moreau. Il processo è più lungo di altri servizi di stampa 3D offerti a causa del tempo necessario per eseguire queste fasi di elaborazione successive, ma il tempo di consegna di sette giorni potrebbe essere ancora più veloce rispetto ad altri metodi di produzione.

Il vantaggio principale è tuttavia che è molto meno costoso di altri processi di stampa 3D in metallo. Le aziende che gestiscono aziende di stampa 3D possono utilizzare il materiale praticamente su qualsiasi sistema di fabbricazione di filamenti fusi oltre alle macchine più economiche.

Con le risorse BASF, Sculpteo ora può lavorare a stretto contatto con i clienti, che potrebbero avere in mente una determinata applicazione, ed esplorare i materiali necessari che meglio si adattano alle loro esigenze. Inoltre, l’azienda è in grado di andare ben oltre la prototipazione e realizzare più produzione.

“Far parte di questo grande gruppo significa che ci concentriamo più sulla produzione che sulla prototipazione rapida, che, ovviamente, è la tendenza del settore oggi. Oltre il 50% degli ordini che riceviamo sono destinati alla produzione ed è qui che continuiamo a crescere “, ha affermato Moreau.

Ha sottolineato che, in passato, servire un cliente poteva riguardare un cliente che entrava, trovando il materiale e la tecnologia giusti per produrre pezzi. Ora, Sculpteo può effettivamente progettare applicazioni completamente nuove.

Mentre la stampa 3D di consumo non è ancora del tutto pronta per l’adozione diffusa, sulla base dei regolari rapporti di stampa 3D di Scuplteo, le applicazioni industriali sono attualmente in crescita. Ciò include maschere e dispositivi, attrezzature, custodie e involucri. Con il supporto di BASF, l’ufficio servizi cercherà soluzioni basate sui dati, nuovi materiali e nuovi tipi interessanti di aziende, come gli utensili per autoveicoli.

L’acquisizione è ovviamente uno sviluppo importante per Sculpteo, ma è anche un segnale che BASF farà molto di più che produrre semplicemente materiali nello spazio di stampa 3D. Anche come investitore di Materialise , BASF ora ha le sue mani in più uffici di servizio. Non è l’unica azienda chimica ad entrare nel settore dei ricambi, poiché Mitsbubishi Chemical ha iniziato a esplorare la produzione di componenti con la tecnologia AddiFab. BASF è, tuttavia, il più grande. Ciò che ciò comporta esattamente è ancora sconosciuto, ma possiamo sicuramente aspettarci ulteriori sorprese sia dal colosso chimico che dalla sua nuova filiale nel prossimo futuro.

Be the first to comment on "Intervista al CEO di Sculpteo Clément Moreau nell’acquisto da parte di BASF"

Leave a comment