Intervista a Sylvia Heisel

Intervista a Sylvia Heisel sulla stampa 3D in Fashion Today

Sylvia Heisel è una ex stilista di moda che lavora con la stampa 3D, nuovi materiali, produzione e calcolo fisico per la moda e indossabili. È stata nominata tra i “25 futuri pensatori che definiscono il futuro della moda”, “Le 100 migliori donne in Wearable and Consumer Tech” e “12 persone straordinarie che devi conoscere nella New York Fashion Tech”, consulta, conduce workshop e parla sulla stampa 3D, design per dispositivi indossabili intelligenti e applicazioni tecnologiche per la moda sostenibile. Senza ulteriori indugi, sentiamo un po ‘di più sulla storia di oggi e sulla stampa 3D all’interno della moda.

Hai un curriculum impressionante in termini di tempo nel mondo della moda. Potresti darci qualche informazione su dove sei andato a scuola e le tue passioni che si sono evolute nel tempo all’interno dell’industria della moda?

Non sono andato a scuola Non ho studiato moda. Ho lasciato la scuola. Ero a New York e avevo già iniziato a creare gioielli e a venderli. Ho pensato che stavo per tornare ma ho deciso contro. Vengo da una famiglia che ha apprezzato l’istruzione. Provengo da una famiglia in cui i dati erano davvero importanti. Mio padre è un demografo in pensione. Mi ha davvero aiutato. Li ha uccisi per sapere che non avrei frequentato il college. Ma il loro background mi ha fatto interessare alla tecnologia in tenera età.

= Sembra che tu ti sia evoluto attraverso la tua carriera creativa? Quando ti ricordi di essere interessato in particolare all’intersezione tra tecnologia e moda?

Io amo la moda. Intorno al 2007 molti dei negozi di abbigliamento che ho venduto iniziarono ad avere un sacco di problemi finanziari. Questi negozi non si stanno adattando a come il mondo sta cambiando. Le persone compreranno cose online. Gli stili di vita sono diversi e la gente e la moda no. Sono entrato nella moda perché amavo ciò che è nuovo e creativo. Un sacco di vestiti non è cambiato davvero. Retro anni ’90 non è nuovo. L’incontro digitale e fisico è davvero interessante. Il mio marchio si concentra sulla progettazione di abiti in modo diverso in termini di lavoro su AR. C’è un software chiamato Cloe per l’abbigliamento reale. Molte persone nella moda non possono adattarsi a questo però.

Ho visto alcuni dei tuoi lavori in termini di capi stampati in 3D, come il tuo cappotto personalizzato stampato in 3D sul sito web. Da dove proviene la maggior parte della tua ispirazione per il design?

Penso che molto provenga dal materiale e dalla tecnologia lì per fare le cose. Alcuni provengono da altre immagini. Il cappotto è stato commissionato per questa sala tecnologica a Londra. Doveva essere qualcosa in cui tutti potevano entrare. Tutto ciò che riguardava la stampa 3D prima era focalizzato su adattamenti personalizzati, quindi quel pezzo era molto interessante. All’epoca, Ninja Flex era l’unico materiale che poteva essere usato. Stavamo stampando un sacco di campioni al momento. Alcune idee per la grafica sono state prese in giro e ci siamo concentrati su qualcosa di elegante e misterioso. Poi siamo entrati nel regno di ciò che posso fare. Siamo ancora limitati in termini di stampanti e materiali. Era tutto stampato con stampanti desktop in segmenti bit per bit. Ciò fa sì che un design sia semplificato per semplicità. Il software chiamato morphee è utile per questo tipo di idee.

Cappotto stampato 3D di Sylvia

Cosa è richiesto per essere un designer di moda nell’era digitale in cui attualmente viviamo?

Un sogno, un sacco di duro lavoro e una buona idea. Penso che una combinazione di ciò che può essere fatto. Devi conoscere la stampa 3D. Devi conoscere un sacco di diverse tecnologie. Devi avere un po ‘di un’idea di ciò che è effettivamente possibile. Una conoscenza della tecnologia. È anche importante prestare attenzione al proprio consumatore e ciò che desidera.

Dove vedi che l’industria della moda va avanti tra dieci anni? Sei considerato uno dei designer più influenti quando si tratta di design all’avanguardia.

Penso che ci sia molta innovazione sorprendente. Il processo di progettazione è molto diverso. I vestiti saranno molto diversi. La personalizzazione sarà fondamentale. Arrivano molti nuovi materiali. I biomateriali stanno arrivando e penso che cambieranno molto le cose. La semina e il lavoro a maglia saranno obsoleti. Anche molti abiti saranno vestiti intelligenti. Ci sarà tanta tecnologia innovativa integrata. Abbiamo anche un’industria gigante che è nei guai. Non sta cambiando bene e supporta milioni di persone. Con l’arrivo dell’automazione ci sarà una crisi quando si tratta di un sacco di persone messe fuori lavoro quando si tratta di robot. La sostenibilità sarà anche una domanda a cui rispondere. Dovremo concentrarci anche su queste realtà. Penso che soprattutto l’abbigliamento abbia anche una funzione.

Chi sono alcuni individui nel campo che vorresti suggerire anche agli altri?

Trascorro un sacco di tempo a cercare e guardare molte cose e idee diverse. È importante guardare i vari media al di fuori di ciò che so. Penso che ci siano così tante persone brillanti. Penso che sia importante assorbire il più possibile. Instagram, linkedin e passando da una cosa all’altra è fantastico. Ho una scarsa capacità di attenzione, quindi niente più di un minuto è troppo. Abbiamo appena finito l’abito dei nomi. Ha più di 300 nomi di donne nei campi STEM. Ci sono così tante persone che è difficile metterle alla luce.

Sylvia’s 3D Printed Dress

Quali sono alcune risorse per qualcuno per saperne di più sulla stampa 3D in termini di design della moda?

Unisciti al mio gruppo Meetup. Moda stampa 3D. Segui ovviamente i blog di stampa 3D. Ci sono alcune risorse tecnologiche di moda ma non molto ancora. Fashnerd è uno. WTVOX. È una comunità davvero piccola in questo momento. LinkedIn e Instagram sono fantastici. C’è molto interesse ma non esiste ancora una comunità stabilita. Ci sono molte persone che si dividono nel lato della moda e il cosplay che è bello. Poi ci sono persone che sono solo nella moda sostenibile. Esiste molto in termini di società di sneaker. Ad alcune persone questa tendenza non piace molto.

Se uno volesse essere coinvolto con la moda e la tecnologia a New York attualmente quale sarebbe la strada migliore?

Non penso a dove tu sia importante. Penso che fare qualcosa di interessante e tirarlo fuori sia importante. Penso che New York sia fantastica per essere super ispirata. Tuttavia, molto sarà online. Sinceramente penso che LA sia ancora più divertente, comunque. Penso che sia importante avere persone che fanno cose con la tecnologia prima di tutto.

Be the first to comment on "Intervista a Sylvia Heisel"

Leave a comment