Intervista a Dror Danai di Xjet

Dror Danai di Xjet “Making the Impossible Possible”

La società israeliana Xjet ha trasformato un sacco di veterani della stampa 3D e del getto di inchiostro in una società e ha mescolato molta energia della candela di altre industrie. Da questo melting pot è nata un’esclusiva tecnologia in metallo e ceramica in grado di realizzare parti fini e altamente dettagliate utilizzando un inchiostro potenziato con nanoparticelle. Considerando che gran parte dell’attenzione su Xjet, e sul mercato in generale, è stata la loro stampa in metallo di 316L e altri acciai, sono le ceramiche che mi entusiasmano davvero. La ceramica è una serie di materiali molto interessanti con proprietà fantastiche, ma finora l’area di applicazione di questi materiali e le dimensioni della porzione di stampa 3D della ceramica del nostro mercato sono minuscole. Credo che la ceramica dovrebbe vedere una crescita elevata nei prossimi anni man mano che le persone realizzeranno i tipi di soluzioni all’avanguardia che si possono implementare con quei materiali.

Una persona che crede decisamente nella ceramica è, Dror Danai, Chief Business Officer di Xjet. Insieme al team Xjet, ha cercato nuove applicazioni per le loro stampanti in tutto il mondo. L’attenzione di Dror è ” Rendere l’impossibile possibile ” e mi piace molto l’approccio del team. Anziché cercare il volume esistente o la produzione consolidata e provare a sostituire queste parti con la stampa 3D, si stanno davvero concentrando su nuove aree di applicazione.

È questa l’app killer?

Cercando di risolvere i problemi e stampare parti che non possono essere realizzate con altre tecnologie, stanno seguendo un percorso ad alto rischio ad alto rendimento. Da un lato, devono essere pronti ad assorbire molti sforzi potenzialmente sprecati nelle cose promettenti che diventano inutili. D’altra parte potevano scoprire alcune corse domestiche nascoste e sfruttarle prima che altri sapessero che esistono. Potrebbe funzionare ma è una grande scommessa sulla tua gente piuttosto che su di te come azienda. Piuttosto che concentrarsi sull’inevitabilità fabbricata che è il segno distintivo delle startup della Silicon Valley o sui giochi di volume che sono il regno delle multinazionali che stanno scommettendo che possono ispirare, scoprire ed eseguire sugli aghi nei covoni di fieno.

L’ago umile può, infatti, portare a un successo clamoroso e precoce per loro. In collaborazione con Marvel Medtech, la società ha sviluppato un ago in ceramica che è guidato dai tumori al seno mediante la risonanza magnetica e può eseguire con precisione la crioablazione al punto giusto. La crioablazione eroga un gas o liquido estremamente freddo in un punto in cui viene quindi rilasciato e distrugge il tessuto lì. In questo caso potrebbe essere usato per distruggere con precisione i tumori del cancro al seno. Dror afferma che ” c’è ancora molta approvazione normativa da fare “, ma in caso di successo sarebbe ” rivoluzionario, non solo per la stampa 3D ma per il mondo medico. ”

“ Ciò di cui Medtech aveva bisogno sono pezzi di altissima qualità che potrebbero essere realizzati ripetutamente. ” ” Queste sonde non potevano essere realizzate con nessun’altra tecnologia, nessun’altra tecnologia di stampa 3D e nessun’altra tecnologia “” Precisione, dettagli e un sottile canale interno … con un’elica all’interno “siamo tutti elementi chiave per far funzionare questa parte come necessario. ” Potenzialmente questa potrebbe essere una procedura medica con relativamente pochi falsi allarmi e un alto tasso di successo … che cambierebbe il trattamento del cancro al seno … questo è ciò che intendo rendendo l’impossibile possibile con Xjet “. Dror afferma che ” non lo siamo cercando di fare in modo che la produzione additiva sostituisca le applicazioni esistenti ”ma piuttosto“ focalizzata sulla ricerca di cose impossibili. ”Nel caso di questo ugello per crioablazione Medtech, se il trattamento riceve l’approvazione,” milioni “di questi ugelli dovranno essere stampati in 3D. In questo caso l’approccio di Xjet potrebbe ripagare bene per loro (e le persone in generale se questo farebbe la differenza per il cancro al seno!) Ma ci sono ancora maggiori opportunità là fuori.

“Potenzialmente potrebbero esserci milioni di antenne 5G stampate in 3D” e “diversi progetti di ricerca delle università hanno dimostrato che le lunghezze d’onda elettromagnetiche che vanno in un percorso 2D possono essere diffuse in tutte le direzioni attraverso i tubi di una complessa parte in ceramica 3D. “” Questa antenna non avrà parti mobili, nessuna elettronica complessa … è completamente passiva … e potrebbe funzionare per sempre … vivere per sempre … perché è fatta di ceramica . “In effetti, ci sono ancora significative opportunità alla confluenza dell’IoT , comunicazioni e la nostra tecnologia. Le qualità della ceramica come la loro durezza, resistenza alla temperatura e ai prodotti chimici, nonché la stabilità dimensionale e la resistenza all’usura fanno sì che creino componenti eccellenti per legare il virtuale ancora di più al nostro mondo.

Nelle cuffie di fascia alta, ” un’azienda è riuscita a migliorare negli anni del proprio lavoro realizzando parti di auricolari in ceramica che offrono un ascolto di alta qualità ” agli audiofili e ai musicisti. Una società di orologi svizzera produce anche parti in zirconio con Xjet. Sono vicini alla loro prima installazione belga all’Università di Lovanio e all’inizio del 2020 avranno due siti beta per l’alluminia uno negli Stati Uniti e uno in Israele, oltre a una prima installazione giapponese. Xjet ha anche recentemente introdotto una macchina in metallo Carmel 1400 dedicata. Dror è sostenuto dai progressi dell’azienda e afferma che ” altre tecnologie hanno problemi di porosità o canali interni … ed è qui e in termini di qualità, dettagli e produzione che possiamo fare la differenza “.

Be the first to comment on "Intervista a Dror Danai di Xjet"

Leave a comment