Intervista a Colin Keogh di Rapid Foundation

Colin Keogh è CEO e co-fondatore di The Rapid Foundation . La Rapid Foundation si concentra sull’aiutare il mondo in via di sviluppo a costruire soluzioni tecnologiche con hardware e stampa 3D. Riceverà il suo dottorato di ricerca presso l’UCD con Smartlab & Inclusive Design Research Centre of Ireland, sostenuto dall’Irish Research Council e dalla Science Gallery International. È stato nominato Forbes 30 Under 30 Science & Healthcare nel 2017. Nel 2017 è stato anche nominato Junior Out Outstanding Young Person di Junior Chamber. Nel 2017 è stato anche nominato Nissan Generation Next Ambassador. È anche un destinatario della Irish Early Career. Riconosce il premio IT & Tech Professional dell’anno 2017.

Cosa ti ha portato dove sei ora?

Ero un meccanico. Ho passato molto tempo a riparare le auto. Ho quindi costruito un amore per l’artigianato e la costruzione. Ha fatto una transizione naturale per me in quello che faccio ora. Ha iniziato un viaggio per me di amare fare cose e armeggiare con oggetti.

Cosa ti ha interessato alla produzione additiva e alla stampa 3D?

All’università, sono stato in grado di lavorare su Ultimakers. Non c’era alcun pericolo o rischio associato a sperimentare su queste macchine. Gli ingegneri della nostra classe sono stati in grado di risolvere i sistemi in realtà rispetto ad altri studenti in diversi dipartimenti. Questo ci ha permesso di avere più stampanti 3D all’interno del nostro laboratorio.

Fondazione rapida

Puoi spiegare cosa fa The Rapid Foundation ?

Guardiamo a come possiamo usare le stampanti 3D per la distribuzione. Abbiamo creato reti di supporto per le persone all’interno della comunità locale. Diamo potere alle comunità attraverso la costruzione di hardware e localizzando la produzione orientata verso i problemi nelle loro comunità. Siamo andati dalla gente per cercare di sviluppare soluzioni per il mondo in via di sviluppo. Abbiamo scoperto che c’era un problema di flusso di informazioni e non necessariamente un problema hardware.

Quali sono le tue opinioni sull’ambiente dei maker a Dublino?

È forte e piuttosto piccolo. La piccola rete di individui è molto forte nelle abilità. Molte delle grandi aziende tecnologiche in Europa sono a Dublino. È un piccolo movimento, ma è estremamente forte e agile. Abbiamo un movimento in crescita qui. Nell’ultimo anno è cresciuto molto. La tecnologia è economica e più persone sono molto aperte alla tecnologia di apprendimento. C’è molto interesse nel fare e risolvere le cose.

Cosa ne pensi della mancanza di competenze globali nel settore tecnologico?

Penso che sia la migliore opportunità per le persone in tutto il mondo economicamente. Le aziende tecnologiche come Apple non stanno davvero innovando, ma stanno facendo solo piccole iterazioni. La gente ha affermato che la legge di Moore è stata infranta anni fa. Molte delle innovazioni attuali sono state fatte. Penso che apra la possibilità di una nuova produzione localizzata. Abbiamo popolazioni in crescita. Il mondo inizierà a fare un’inversione di tendenza verso questa localizzazione. Un makerspace e Internet possono permetterti di creare qualsiasi cosa nel tuo garage e venderlo in tutto il mondo.

Che cosa deve fare un’azienda per passare ai nuovi ideali per i maker maker?

Ci deve essere una comprensione della mentalità del produttore nel suo complesso. Ciò implica innovazione aperta e IP. Penso che le aziende debbano essere aperte per liberarsi della proprietà completa delle idee. I requisiti di lavoro devono essere flessibili. È importante per le persone avere libertà e fiducia nelle competenze degli altri.

Che consiglio daresti alle persone in questo spazio?

Devi ricordare che l’industria manifatturiera è estremamente tradizionale. Devi riscaldare lentamente le industrie alle tue nuove innovazioni. Non puoi essere troppo attivista. Devi essere una risorsa bancabile e vendibile. Funziona bene se sei il tipo di persona che può essere sostenuta pubblicamente. Devi trattare le persone come alleate. Devi giocare con il maggior numero di sistemi e idee possibili. Devi lavorare attivamente su queste innovazioni tecnologiche. Devi essere costantemente aggiornato. Dovresti sempre voler guardare la cosa nuova. Puoi facilmente diventare un esperto in materia in un nuovo campo. Odio sentire qualcosa può essere fatto. Devi risolvere l’irrisolvibile.

Be the first to comment on "Intervista a Colin Keogh di Rapid Foundation"

Leave a comment