Intervista a Cheryl MacLeod di HP

DOMANDE E RISPOSTE: CHERYL MACLEOD, RESPONSABILE GLOBALE DELL’ESPANSIONE DELLA SCIENZA E DEI MATERIALI 3D FUSION PRESSO HP

Veterano del settore della stampa 2D, Cheryl MacLeod conduce diversi progetti di ricerca e sviluppo presso HP da oltre 25 anni. Nel 2017, nel periodo in cui la società ha annunciato le estensioni della sua linea Multi Jet Fusion , MacLeod è passato al settore della stampa 3D dell’azienda e ora ricopre il ruolo di Global Head of 3D Fusion Science and Materials Expansion.

In questo ruolo MacLeod è responsabile della guida dello sviluppo di polveri e agenti al centro della tecnologia MJF in uno dei più avanzati laboratori chimici / materiali del settore. “L’ampliamento dell’ampiezza e la riduzione dei costi di materiali e applicazioni di stampa 3D avanzati è un catalizzatore fondamentale per la reinvenzione digitale dell’industria manifatturiera globale”, spiega.

Leader e campionessa esperta per le donne nell’ingegneria, l’industria della stampa 3D parla a MacLeod dell’evoluzione della stampa 3D in HP, del potenziale dell’autoassemblaggio colloidale e di come rimanere competitivi in ​​questo campo.

Industria della stampa 3D: come diresti che il mercato / tecnologia della stampa 3D si è evoluto nel tempo che hai trascorso in HP?

Cheryl MacLeod, HP: In termini di evoluzione del mercato, stiamo assolutamente vedendo i produttori adottare la stampa 3D come una vera opzione di produzione e, in futuro, crediamo che ci sarà una crescita esplosiva nello sviluppo dei materiali. Più partner di materiali sono interessati a sviluppare la loro capacità di creare polveri AM e, man mano che le tecnologie diventano più adatte alla produzione, stiamo vedendo le aziende più disponibili a fare investimenti in una gamma più ampia di materiali ad alte prestazioni.

SIAMO PROPRIO NEL PUNTO DI SVOLTA IN CUI LA TECNOLOGIA STA INIZIANDO A RAGGIUNGERE UN LIVELLO DI MATURITÀ CHE LE CONSENTIRÀ DAVVERO DI ANDARE OLTRE LA PROTOTIPAZIONE E LA PRODUZIONE A BASSO VOLUME E DI PASSARE ALLA CURVA FINO ALLA PRODUZIONE SU VASTA SCALA.

Industria della stampa 3D: in che modo dai la priorità ai materiali da sviluppare successivamente per MJF?

Cheryl MacLeod, HP: Diamo la priorità alle innovazioni di nuovi materiali che abbattono alcune delle tradizionali barriere all’adozione della stampa 3D, come costo, qualità, prestazioni e diversità. Questo fa parte del nostro approccio end-to-end per guidare l’espansione del mercato in tutto ciò che facciamo, dal modo in cui lavoriamo i nostri clienti e partner e i sistemi che creiamo, al perché costruiamo i materiali che facciamo.

Abbiamo iniziato con la plastica e introdotto la nostra tecnologia dei metalli a settembre 2018 . E abbiamo appena rilasciato TPU , che aprirà nuove classi di applicazioni per i nostri clienti.

Cheryl MacLeod, HP: HP sta investendo molto nel futuro della stampa 3D e stiamo assistendo a un’enorme adozione in tutti i settori, dall’automotive ai beni di consumo, all’assistenza sanitaria, poiché consentiamo ai nostri clienti di trasformare digitalmente la loro produzione. Come parte del nostro obiettivo di aprire la produzione 3D su larga scala, stiamo lavorando con alcune delle più grandi aziende sulla terra. Ad esempio, Siemens, il più grande fornitore di software e servizi industriali al mondo, e BASF, il più grande produttore chimico al mondo, stanno elevando HP nel regno della vera produzione industriale. E aziende come Volkswagen, una delle case automobilistiche più grandi e innovative al mondo, stanno iniziando a costruire parti prodotte in 3D da HP nelle loro tabelle di marcia a lungo termine.

Uno degli esempi più interessanti di produzione in serie alimentati dalla stampa 3D è SmileDirectClub , un leader di mercato innovativo che sta trasformando digitalmente l’industria tradizionale dell’ortodonzia. SmileDirectClub utilizza le nostre soluzioni di stampa 3D Jet Fusion per produrre tutti gli stampi per bocca per allineatori e dispositivi di fissaggio dei loro pazienti, creando una media di oltre 50.000 stampi per bocca personalizzati ogni giorno.

QUESTO LIVELLO DI ESPERIENZE PERSONALIZZATE DI MASSA PUÒ ESSERE RESO POSSIBILE SOLO DALLA STAMPA 3D INDUSTRIALE E DALLA PRODUZIONE DIGITALE.

Cheryl MacLeod, HP: In futuro potrei vedere una convergenza tra queste due tecnologie. I miei studi universitari erano in ingegneria biomedica, quindi commenterò un esempio lì.

Il settore biomedico è entusiasta del potenziale sia dell’autoassemblaggio colloidale che della stampa 3D. La modellatura e il rivestimento della superficie degli impianti metallici per creare modelli per l’auto-assemblaggio di molecole e cellule nel corpo è considerato uno degli approcci più promettenti per migliorare la biocompatibilità degli impianti. La stampa 3D può essere vista come una tecnologia attraente per gli impianti in futuro perché rende la creazione di parti personalizzate individualmente molto più conveniente rispetto alle tecniche di produzione convenzionali. Posso immaginare un momento nel futuro in cui la stampa 3D e l’autoassemblaggio di colloidi potrebbero convergere per offrire progressi significativi negli impianti medici.

Anticipo anche che le tecnologie Multi Jet Fusion e Metal Jet di HP, che portano la capacità unica di controllare la chimica a livello di voxel, potrebbero potenzialmente svolgere un ruolo significativo nell’intersezione tra l’autoassemblaggio e la stampa 3D. La nostra organizzazione di laboratori HP è sempre alla ricerca di iniziative di ricerca avanzate come questa, e questo è un ottimo esempio di aree da esplorare.

Industria della stampa 3D: quali sono le prospettive per la stampa 3D in HP?

Cheryl MacLeod, HP: Sono davvero entusiasta delle nostre stampanti Jet Fusion 300/500 , la prima soluzione di stampa 3D che consente ai produttori di produrre parti funzionali di livello tecnico a colori, in bianco e nero in una frazione di tempo.

La serie 300/500 è un enorme passo avanti perché la stampa 3D a colori con la precisione richiesta per la produzione è stata storicamente estremamente difficile. Così abbiamo sfruttato i nostri 30 anni di esperienza in chimica avanzata per sviluppare un nuovo pensiero rivoluzionario su luce, calore e velocità che coinvolgono un nuovo modo di assorbire energia come se fosse nero ma per l’occhio umano sembra chiaro. Risolvendo il puzzle a colori, stiamo permettendo ai designer di concepire e creare in modi completamente nuovi.

Il potenziale impatto del colore nella stampa 3D è profondo. Ad esempio, un cardiochirurgo può creare in modo personalizzato una replica a colori reali del cuore di un paziente, con la sua complessa rete di vene e valvole, in tre dimensioni invece di fare affidamento su una radiografia piatta e stamparla a passi di funzionamento camera.

Industria della stampa 3D: quali tre consigli daresti a chiunque, in particolare alle donne, cercando di forgiare una carriera in questo settore?

Cheryl MacLeod, HP:

Continua a studiare: l’industria della stampa 3D è incredibilmente agile e cambia ogni giorno. Spingiti per continuare ad imparare nuovi modi per risolvere i problemi con la stampa 3D e renderlo parte della tua routine quotidiana. Ricorda la tua mentalità di crescita e cerca continuamente esempi di come gli innovatori utilizzano nuovi strumenti o creano la prossima applicazione rivoluzionaria.

Espandi la tua cerchia: cerca i modi in cui puoi collegarti in rete e connetterti con le persone nel tuo campo, sia all’interno della tua organizzazione che all’interno del più ampio settore della stampa 3D. Inoltre, trovare un mentore può favorire un maggiore potenziamento e aiutarti a coltivare nuove opportunità di carriera.

Assumi nuove responsabilità: sii il tuo miglior avvocato e chiedi progetti che espandano le tue capacità. Aumentando le tue abilità, sarai più sicuro di tutto ciò che fai, dal parlare di più nelle riunioni, alla produzione di un lavoro migliore e alla fine diventare un leader più influente.

Be the first to comment on "Intervista a Cheryl MacLeod di HP"

Leave a comment