Innovatori Under 35 del MIT Erik Gatenholm, Mohamed Dhaouafi, Tim Ellis

I pionieri della stampa 3D nella lista “Innovators Under 35” del MIT

Ogni anno, una selezione curata di giovani innovatori provenienti da tutta la ricerca e dall’industria viene evidenziata nella prestigiosa ” Lista degli innovatori under 35 ” pubblicata dalla MIT Technology Review. L’elenco, che tradizionalmente comprende i primi 35 innovatori under 35, riconosce le persone che stanno conducendo un lavoro che ha il potenziale per cambiare il mondo.

Elenco degli innovatori del MIT Under 35

Quest’anno, MIT Technology Review ha ampliato la portata del suo elenco per includere più aree geografiche e, di conseguenza, ora ci sono tre innovatori del settore della stampa 3D denominati. Come diceva la rivista MIT Technology Review: “Crediamo che l’innovazione possa avvenire ovunque. Ecco perché abbiamo ampliato la nostra ricerca delle persone più innovative per includere queste regioni “.

Sebbene ogni innovatore nell’elenco annuale meriti di essere approfondito, siamo molto interessati ad evidenziarne tre che provengono dal mondo della stampa 3D: Erik Gatenholm, il co-fondatore della società di bioprinting CELLINK; Mohamed Dhaouafi, fondatore e CEO di CURE; e Tim Ellis, co-fondatore e CEO di Relativity Space.

Erik Gatenholm

Erik Gatenholm, nato in Svezia, è stato onorato nella categoria Europa della lista, che ha portato alla ribalta una serie di progetti innovativi. In 3dpbm, abbiamo seguito il viaggio di Gatenholm da vicino nel corso degli anni e abbiamo visto la sua compagnia, CELLINK , diventare uno dei principali attori nel bioprinting.

CELLINK è stata fondata da Gatenholm nel 2016 con l’obiettivo di commercializzare un bioink sviluppato da suo padre che poteva essere utilizzato con qualsiasi bioprinter. “Ho visto l’opportunità di utilizzare questo materiale bioink”, ha detto Gatenholm. “Mio padre ha detto che era felice, ma non aveva interesse a portarlo sul mercato.”

Velocemente fino ad oggi e CELLINK ha lanciato sul mercato una gamma di prodotti per bioprinting, inclusi hardware per bioprinting e vari materiali per bioink. Le sue tecnologie e i suoi prodotti sono utilizzati in oltre 700 laboratori in tutto il mondo e l’azienda stessa è cresciuta fino a diventare un’azienda globale di quasi 200 persone.

Mohamed Dhaouafi

Il 27enne Mohamed Dhaouafi è il fondatore e CEO di CURE , una startup tunisina che aiuta a riabilitare i giovani amputati con mani bioniche personalizzabili stampate in 3D e terapia fisica immersiva.

Il giovane imprenditore, che è stato onorato dal MIT per la regione MENA, ha intrapreso una serie di progetti volti all’empowerment dei giovani in Tunisia. La sua startup CURE sfrutta le tecnologie attuali come la stampa 3D e la realtà virtuale per aiutare i bambini che hanno subito un’amputazione.

In particolare, CURE offre ad ogni giovane una mano bionica stampata in 3D da $ 1.000, che può essere personalizzata per chi la indossa. La società è anche nota per l’uso della realtà virtuale e della gamification, che coinvolge i bambini direttamente nella progettazione della loro protesi. CURE offre agli utenti un’esperienza di riabilitazione coinvolgente attraverso la quale possono personalizzare e progettare le loro protesi.

Tim Ellis

Il terzo innovatore del mondo della stampa 3D è Tim Ellis, co-fondatore e CEO di Relativity Space , una startup aerospaziale che è diventata famosa per la sua tecnologia di produzione di additivi per metallo su larga scala .

In Relativity Space, Ellis ha aperto la strada a un approccio che combina la stampa 3D in metallo, l’apprendimento automatico e la produzione automatizzata per costruire razzi e satelliti di nuova generazione. La tecnica poliedrica ha permesso all’azienda di consolidare in modo significativo i componenti del razzo e ottimizzare la produzione.

Al centro del processo dell’azienda c’è la sua stampante 3D in metallo di grandi dimensioni, che misura 20 piedi di altezza. L’imponente sistema, chiamato Stargate, è in grado di produrre il 95% di parti per un razzo che misura fino a 10 piedi di diametro e 100 piedi di altezza.

“Abbiamo fondato Relativity con la visione a lungo termine della stampa 3D del primo razzo fatto su Marte”, ha dichiarato Ellis. “Nel corso del tempo restringeremo effettivamente la fabbrica al punto in cui potremmo lanciarla su un altro pianeta.”

Be the first to comment on "Innovatori Under 35 del MIT Erik Gatenholm, Mohamed Dhaouafi, Tim Ellis"

Leave a comment