Inkbit, startup del MIT, ha sviluppato Snapper una stampante 3D industriale con tecnologie di visione artificiale e apprendimento automatico

INKBIT DEL MIT CREA UNA STAMPANTE 3D INDUSTRIALE CON “OCCHI E UN CERVELLO”

Inkbit , una startup del Massachusetts Institute of Technology (MIT) Computer Science e Artificial Intelligence Laboratory (CSAIL) ha sviluppato una stampante 3D industriale con tecnologie di visione artificiale e apprendimento automatico.

“L’azienda è nata dall’idea di dotare una stampante 3D di occhi e cervello”, ha affermato Davide Marini, co-fondatore e CEO di Inkbit.

“Tutti sanno che i vantaggi della stampa 3D sono enormi, ma la maggior parte delle persone ha problemi ad adottarla. La tecnologia non è ancora lì. La nostra macchina è la prima che può apprendere le proprietà di un materiale e prevedere il suo comportamento. “

“Credo che sarà trasformativo perché consentirà a chiunque di passare da un’idea a un prodotto utilizzabile estremamente rapidamente. Apre opportunità di business per tutti. “

Nel 2015, i co-fondatori di Inkbit Marini, Wojciech Matusik, professore associato di ingegneria elettrica e informatica, Javier Ramos, Wenshou Wang e Kiril Vidimče hanno cercato di sviluppare una stampante 3D ad alta velocità e alta precisione in grado di elaborare materiali di alta qualità.

Secondo il team, materiali gommosi come il silicone e materiali ad alta temperatura come l’epossidico sono tra i più difficili da stampare in 3D e portano a una distribuzione non uniforme e a guasti del processo di stampa come l’intasamento. Tali materiali sono anche soggetti a ridursi nel tempo.

Per risolvere questo problema, è stata costruita una stampante 3D con la capacità di produrre 10 materiali contemporaneamente con la visione artificiale. Ciò porterebbe alla commercializzazione e allo sviluppo della stampante 3D inkjet multi-materiale Inkbit denominata “Snapper”.

Il gruppo di ricerca di Matusik ha integrato uno scanner OCT (optical coherence tomography), che utilizza la luce con una lunga lunghezza d’onda per vedere attraverso la superficie dei materiali e per scansionare i livelli con una risoluzione della frazione di larghezza di un capello umano. Questo funge da “occhi” della stampante 3D che consente correzioni autonome in tempo reale, ovvero compensazione per deformazioni e contrazioni con un sistema di apprendimento automatico o “il cervello”.

Attualmente, la stampante 3D Snapper dispone di 16 testine di stampa per creare parti multi-materiale e un blocco di stampa abbastanza grande da produrre centinaia di migliaia di prodotti di dimensioni simili a un pugno all’anno. Ciò consente agli utenti di prototipizzare e creare in modo additivo nuovi oggetti sulla stessa piattaforma. Il sistema può anche stampare in modo preciso materiali flessibili intorno agli oggetti con chip di computer o componenti elettronici.

“Prima, le persone potevano realizzare prototipi con stampanti multi-materiale, ma non potevano realmente produrre parti finali”, ha aggiunto Matusik. “Questo è qualcosa che non è possibile utilizzare altri metodi di produzione.”

Commercializzare la Snapper

Le prime stampanti industriali Snapper 3D, che presentano un volume di costruzione di 450 x 250 x 250 mm, saranno acquisite da Johnson and Johnson , un partner strategico di Inkbit. In seguito, i sistemi verranno spediti entro la fine dell’anno.

Inoltre, un sistema proprietario per la miscelazione di due materiali prima della stampa 3D sarà integrato nei sistemi Snapper per essere spedito il prossimo anno.

“Alcuni di questi sono molto avanti rispetto ai tempi”, dice Matusik. “Penso che sarà davvero affascinante vedere come le persone lo useranno per i prodotti finali.”

Be the first to comment on "Inkbit, startup del MIT, ha sviluppato Snapper una stampante 3D industriale con tecnologie di visione artificiale e apprendimento automatico"

Leave a comment