In Inghilterra arrivano i robot che riparano le buche nell’asfalto in un minuto, quando le vedremo a Roma e non solo a Roma ?

La Gran Bretagna sta testando robot con stampanti 3D che possono riempire buche in un minuto.

La rete stradale britannica sarà presto riparata da robot in grado di riempire le buche in un minuto almeno così prevedono gli scienziati.

Una flotta di veicoli stradali o droni autonomi esplorerà le strade cercando crepe e fissandole prima che si sviluppino buche. Dopo aver individuato una crepa nella strada, un robot con una stampante 3D collegata sarà in grado di spruzzare l’asfalto in una fessura nella strada per ripararlo, il tutto in un minuto.

Gli esperti hanno affermato che i veicoli autonomi o i droni potrebbero operare di notte, completando il loro lavoro di notte, al fine di evitare le chiusure giornaliere che possono disturbare gravemente il traffico.

Il professor Mark Miodownik dell’University College di Londra ha affermato che il consiglio comunale di Leeds ha lavorato con un team di ingegneri e designer per promuovere il concetto di “città autoriparanti”.

Ha detto al Cheltenham Science Festival che la rete stradale della Gran Bretagna stava cadendo a pezzi a causa dell’arretrato delle riparazioni e le autorità non avevano i soldi o la manodopera per prendere misure preventive.

Ha detto: “La nostra idea è che quando queste piccole crepe si manifestano vogliamo essere in grado di vederle – un drone che vola sulla rete stradale le vedrebbe – e un altro drone sarebbe atterrato e avrebbe riparato la buca”.

“Lo fa  di notte e possiamo farlo in un minuto circa. Ti fermi sopra la fessura, ripari la fessura ed è fatta.

“Per le autostrade è un problema diverso, ma per le strade di Cheltenham e le città più grandi, penso che i veicoli autonomi notturni non avrebbero quasi alcun impatto sul traffico”.

“Questo sarà un grande futuro per tutti noi. Ciò che è immediatamente possibile ora avere delle “città autoriparanti” è una prospettiva entusiasmante in tutte le nostre vite “, aggiunge il professore.

Il professor Miodownik ha detto che la tecnologia potrebbe essere utilizzata anche nell’industria delle costruzioni, con macchine per saldatura a punti collegate ai robot.

Il professor Rob Richardson, direttore del National Facility for Innovative Robotic Systems presso l’Università di Leeds ha aggiunto che la tecnologia potrebbe essere utilizzata anche per riparare i tubi prima che scoppino e mantengano le luci stradali e altre utilità senza la necessità di chiusure stradali estremamente seccanti e costose.

“Il nostro obiettivo è che i robot eseguano riparazioni di precisione ed evitino la necessità di grandi veicoli da costruzione nel cuore delle nostre città”.

Be the first to comment on "In Inghilterra arrivano i robot che riparano le buche nell’asfalto in un minuto, quando le vedremo a Roma e non solo a Roma ?"

Leave a comment