Impatto della stampa 3d sulla struttura della rete di filiera 

Due studenti del master, Maryam Salman e Waqas Mushtaq, dell’Università norvegese di Scienze e tecnologia ( NTNU ) hanno completato una tesi sulla struttura della rete di filiera e se la produzione additiva può essere considerata una tecnologia dirompente negli affari. Il documento, intitolato ” Impatto della produzione additiva sulla struttura della rete di filiera “, è essenzialmente uno studio di 15 diverse imprese norvegesi e del loro uso della produzione additiva.

I due coautori hanno intervistato e osservato le società al fine di fornire studi di casi dettagliati e, come afferma il documento, “fondano empiricamente l’uso in rete della produzione additiva”.

“Questo studio ha dimostrato di essere un ottimo modo per conoscere nuove materie e ottenere una comprensione completa dei meccanismi coinvolti nella produzione, struttura della rete di filiera, impatto della produzione additiva sulla struttura della rete e il grado in cui la produzione additiva può essere considerata come un’innovazione dirompente, “Salman e Mushtaq hanno scritto nella prefazione del loro articolo.
Hanno condotto interviste qualitative per apprendere la storia di ciascuna azienda e l’uso corrente della stampa 3D, insieme a qualsiasi potenziale uso futuro.

Struttura di rete ipotetica della supply chain.
“La ricerca è basata sulla letteratura sulla gestione della supply chain, che si concentra sul modo in cui le aziende si integrano per collaborare e coordinare i processi di produzione in una rete industriale”, hanno scritto i ricercatori. “La prossimità ai clienti è un fattore analitico chiave nelle reti studiate per facilitare la co-creazione. Ciò implica la considerazione di nuovi modelli di business incentrati sulla vicinanza nei rapporti commerciali come fattore chiave associato all’organizzazione dell’offerta “.
Le aziende norvegesi intervistate dal team e, in diversi casi, visitate per l’osservazione, sono:

Kongsberg, divisione marittima
Kongsberg, divisione difesa e aerospaziale
Ekornes ASA
Pla-Mek AS
Stokke AS
Sperre Industri AS
Tronrud Engineering AS
Plasto AS
AS OM BE Plast
Isiflo AS
Norsk Titanium AS
Produzione additiva nordica AS
Panalpina Ltd
Glamox AS
Fosstech AS
La stampa 3D ha rivoluzionato il settore manifatturiero in quanto offre vantaggi quali flessibilità di progettazione, costi di produzione ridotti, spreco di tempo e materiali e componenti leggeri e resistenti. Di conseguenza, molte aziende in innumerevoli settori hanno aggiunto la tecnologia dirompente alle proprie catene di approvvigionamento . Ma, poiché ci sono ancora ostacoli all’adozione, questa tesi chiede se la stampa 3D possa davvero essere considerata dirompente.

I ricercatori hanno affermato: “Lo scopo di questa tesi è di analizzare l’impatto della produzione additiva sulle catene di approvvigionamento e come alterano le strutture di rete tra le catene di approvvigionamento una volta implementate”.
Lo studio copriva tre aree principali: la stampa 3D, i suoi effetti sulla struttura della catena di approvvigionamento e il valore aggiunto all’utilizzo della tecnologia. Per seguire un approccio strutturato per lo studio, tre domande di ricerca specifiche hanno compreso l’obiettivo della tesi:

Cosa caratterizza la produzione additiva come tecnologia utilizzata da un’azienda?
Quali sono gli usi della produzione additiva nella struttura della supply chain e il suo impatto in seguito?
Quale valore fornisce la produzione additiva all’azienda?
L’analisi delle interviste è stata basata sul giudizio personale dei due ricercatori, nonché sulla letteratura precedente sulla stampa 3D e sulla catena di approvvigionamento.

Una delle ultime sezioni della tesi ha riassunto i risultati di tutte le società intervistate. Molti di loro usano la stampa 3D per la prototipazione e lo sviluppo del prodotto, anche se alcuni, come Norsk Titanium , sono in realtà parti di destinazione finale per la stampa 3D. Le aziende che utilizzano solo la stampa 3D per la prototipazione sono elencate come aventi un basso impatto per la tecnologia, in quanto non influenzano ancora la catena di approvvigionamento.

“La maggior parte delle aziende ha iniziato a esplorare questa tecnologia a causa delle grandi opportunità e delle nuove possibilità che ha da offrire. In modo che possano stare al passo con la tecnologia e competere nel mercato. Molte delle aziende che abbiamo intervistato hanno iniziato con lo sviluppo e la prototipazione del prodotto e l’hanno utilizzato come strumento di prototipazione rapida, con poche utilizzazioni nella produzione commerciale “, hanno scritto Salman e Mushtaq.

“Ma l’impatto complessivo della produzione additiva sulla struttura della supply chain è stato minimo. Su 15 società, 12 hanno dichiarato di non aver subito alcun cambiamento significativo sulla struttura delle loro reti di filiera. Solo 3 società hanno menzionato il cambiamento nella loro catena di fornitura che include un aumento del numero di fornitori e clienti, una riduzione della complessità e del ritardo della supply chain e un time-to-market più breve “.
Tuttavia, i ricercatori hanno notato che ciascuna delle 15 società era ottimista riguardo all’uso futuro della stampa 3D e poteva prevedere “un enorme potenziale nella produzione e nella catena di approvvigionamento”, poiché la tecnologia continua a migliorare nel tempo. Salman e Mushtaq hanno concluso che il loro studio mostra che l’uso complessivo della stampa 3D nelle catene di approvvigionamento è limitato, rendendolo “ancora nella sua infanzia tecnologicamente”.

“Al momento non può essere considerato un’innovazione dirompente a causa del suo attuale limitato utilizzo nella catena di fornitura delle imprese studiate”, hanno concluso i ricercatori.

Be the first to comment on "Impatto della stampa 3d sulla struttura della rete di filiera "

Leave a comment