Il vero volto di Gesù stampato in 3d da un antropologo forense Richard Neave partendo da tre contemporanei di Cristo

La Modellazione 3D aiuta un antropologo a fare delle ipotesi sul vero volto di Gesù

Stranamente per noi cattolici  Gesù ci viene mostrato come un uomo con la pelle chiara, spesso biondo e con gli occhi azzurri. Ma se Gesù era di Israele, perché ha sempre un aspetto così caucasico nelle immagini?
La maggior parte dei dipinti di figure religiose provengono dalle immaginazioni dei loro creatori, ma un artista, un  medico in pensione di nome Richard Neave, ha creato una serie di immagini di Gesù che potrebbero essere più adatte . Come lo ha fatto? Con la Scienza, of course.jesus
GESU secondo una ricostruzione forenseNeave, che è andato in pensione dall’Università di Manchester, ha lavorato nella  antropologia forense per circa 20 anni. E ha usato spesso le tecniche forensi in  archeologia. Si tratta di un campo relativamente nuovo che è migliorato  con l’avanzare della tecnologia ,  è un po ‘come risolvere un puzzle. E ‘spesso usato per identificare i resti a lungo sepolti, nonché per gettare nuova luce sui crimini secolari. Nel caso di Neave,  usa le tecniche forensi per l’accertamento, il più fedele possibile, degli antichi personaggi storici .
Neave, naturalmente, non aveva i resti reali di Gesù con cui lavorare, ma è stato  in grado di partire da tre crani di persone contemporanee di Gesù . Gli Archeologi israeliani hanno scoperto resti di semiti provenienti dalla regione di Gerusalemme risalenti al tempo di Cristo. Neaveha  preso in prestito i tre  crani e gli ha utilizzati per  la tomografia computerizzata per studiare i più piccoli dettagli delle loro strutture. Programmi informatici specializzati nell’ottenere informazioni circa lo spessore del tessuto su settori chiave del volto umano al fine di ricreare i muscoli e la pelle sopra le immagini digitali dei teschi, e inoltre con l’uso di un ulteriore software specializzato per verificare i risultati con i dati antropologici.

Poi c’èstata la modellazione 3D. Utilizzando i dati raccolti dai tre teschi, Neave e il suo team hanno creato un modello 3D dettagliato, che hanno poi utilizzato per costruire un forma di argilla del cranio. Le Caratteristiche come il naso, le labbra e le palpebre sono stati aggiunte seguendo la forma creata dai muscoli sottostanti.
Non è stato possibile determinare con le scansioni i capelli e la loro colorazione , Neave ha usato disegni, risalenti al primo secolo, che erano stato trovato in alcuni  siti archeologici per confermare che un israeliano al tempo di Gesù sarebbe stato sicuramente con gli occhi scuri e la pelle scura. L’usanza ebraica del tempo indica anche che avrebbe avuto la barba. Un’altra delle raffigurazioni tradizionali di Gesù arriva dalla Bibbia stessa: mentre Gesù è in genere raffigurato con i capelli lunghi, un passo biblico di Paolo descrive i capelli lunghi su un uomo come  una “vergogna” – non è esattamente qualcosa che il post discepolo più devoto di Gesù  avrebbe detto circa il suo Dio.
La figura alta e sottile raffigurata nei dipinti è anche questa probabilmente imprecisa. L’analisi dei resti scheletrici  indicano che Gesù sarebbe stato alto circa  circa 1 metro e 55  centimetri e pesava circa 50 chili, e abbastanza muscoloso grazie alla sua professione di falegname.
Mentre l’antropologia forense non è una scienza esatta, la maggior parte degli esperti hanno convenuto che la rappresentazione di Neave è probabilmente molto più accurata rispetto alla maggior parte delle immagini prodotte dagli artisti. Ed è un importante richiamo, secondo Charles D. Hackett, direttore degli studi episcopali presso la Scuola di Teologia Candler alla Emory University.
“Il fatto che, probabilmente, Gesù sembi molto più simile a un semita molto più scuro di pelle rispetto a come gli occidentali sono abituati a immaginarlo è un richiamo alla sua universalità,”, ha detto Hackett. «E ‘ un promemoria della nostra tendenza ad  appropriarsi della figura di Gesù al servizio dei nostri valori culturali.”

Be the first to comment on "Il vero volto di Gesù stampato in 3d da un antropologo forense Richard Neave partendo da tre contemporanei di Cristo"

Leave a comment