Il trend delle stampanti alimentari come la Foodini, della spagnola Natural Machines

foodiniRicette da stampare in 3D, e largo ai vermi in tavola
Se ne sono viste al CES di Las Vegas e anche il Barilla di casa nostra ci crede: non si dirà più “mamma butta la pasta”, ma “premi Invio“. Le stampanti 3D mettono da parte plastica, resine e nanoparticelle per fare spazio a broccoli, panna e salsicce.

Pare che Barilla abbia in programma l’installazione di apparecchi tridimensionali nei suoi locali monomarca, come quello di New York, per produrre formati particolari, e spaziare anche in quantità e disegno. L’idea piace molto agli chef, che potrebbero sbizzarrirsi nel progettare cibo dall’aspetto stravagante e trovare un valido aiuto nel completare tortellini, senza nulla togliere al sapore, anzi. E chi lo sa, presto potremmo avere una piccola rivoluzione anche a casa nostra.

Per ora però le stampanti 3D alimentari non sono certo simili a una stampante tradizionale: sono piccole macchine industriali con enormi siringhe. Queste vanno riempite con il cibo crudo e piuttosto liquido (cioccolato fuso, impasti vari) ed ecco che la macchina “stampa” il cibo strato su strato, fino a farne una copia dell’oggetto desiderato prendendo istruzioni, proprio come fa una stampante, da un pc. Un apposito software disegna il cibo come lo desideriamo, e poi lo divide in strati “stampabili”. Gli ideatori dei primi modelli commerciali di stampanti alimentari in 3D sono convinti che presto potremmo scaricare le ricette e stamparle nelle nostre cucine.

Il più famoso di questi aggeggi è Foodini, della spagnola Natural Machines: il suo obiettivo è diffondere l’home cooking, rendendo la cucina un gioco da ragazzi. “Meglio del cibo in scatola, conservato o pieno di additivi e grassi saturi, è prepararsi uno spuntino a casa”, si legge nella presentazione di questo gioiellino. E poi si spiega: i tuoi bimbi non mangiano le verdure? Fare torte salate a forma di dinosauro sarà facilissimo.

Ma stampare il cibo può anche diventare un modo per cucinare in modo più sostenibile. È quanto promette l’olandese TNO, che ha pronta una stampante 3D alimentare che vi farà amare alghe, insetti ed erbe varie. Come ricordato recentemente dall’Onu, ci piaccia o no, mangiare insetti sarà il futuro dell’alimentazione: sono sani, nutrienti e combattono la fame nel mondo e l’esaurimento delle risorse. E se mangiare una manciata di grilli dà le stesse proteine di una bistecca, l’impatto ambientale è drasticamente diverso. Ecco allora che sono già pronte ricette per i biscotti ai vermi, fatti a forma di simpatici soldatini per la gioia dei più piccoli. Perché è proprio vero, in fondo mangiamo con gli occhi.

Michela Dell’Amico da wired.it

Be the first to comment on "Il trend delle stampanti alimentari come la Foodini, della spagnola Natural Machines"

Leave a comment