Il tempio Inca di Tiwanaku in Bolivia ricostruito con la stampa 3d

Scienziati dell’UCLA ricostruiscono il tempio Tiwanaku di 1.500 anni con la stampa 3D

Un’antica città Inca in Bolivia è stata ricreata utilizzando modelli stampati in 3D dai frammenti di un edificio.

Il tempio Pumapunku di 1.500 anni nella Bolivia occidentale fa parte del sito di Tiwanaku vicino a Tiwanaku, nella Bolivia occidentale e creduto dagli Incas come il luogo in cui il mondo è stato creato. Considerata una meraviglia architettonica del suo tempo (500-950 d.C.), Pumapunku è stata saccheggiata negli ultimi 500 anni fino al punto in cui nessuno dei rimanenti 150 blocchi che componevano l’edificio originale rimane nella loro posizione originale. Ora è stato ricostruito dai suoi frammenti rimanenti usando la stampa 3D.

Gli scienziati dicono che la stessa tecnica potrebbe essere utilizzata per ricostruire l’antica città di Palmira in Siria, che fu in parte distrutta dall’ISIS, o dai templi di Angkor Wat in Cambogia.

Usando dati storici, pezzi stampati in 3D e software di architettura, l’archeologo Alexei Vranich della UC Berkeley ha creato un accurato modello in miniatura di frammenti architettonici stampati in 3D per ricostruire l’edificio Pumapunku nel sito di Tiwanaku.

“Una delle maggiori sfide qui è che la maggior parte delle pietre di Pumapunku sono troppo grandi per spostarsi e che le note sul campo di altre ricerche precedenti ci presentano dati complessi e ingombranti che sono difficili da visualizzare”, ha affermato il dott. Vranich. “L’intento del nostro progetto era di tradurre quei dati in qualcosa che le nostre mani e le nostre menti avrebbero potuto afferrare. Stampare modelli 3D in miniatura delle pietre ci ha permesso di gestire e rimontare rapidamente i blocchi per cercare di ricreare la struttura.

“È possibile che l’uso di modelli di frammenti stampati in 3D possa aiutare lo studio di altri siti storici che sono crollati nel tempo, come ad esempio Angkor Wat in Cambogia, o che sono stati vittime di recenti distruzioni, come Palmyra in Siria”.

Ha detto che la ricostruzione 3D di Pumapunku non solo mostra possibili configurazioni di come potrebbe sembrare il sito, ma fornisce anche indicazioni sullo scopo dell’edificio.

Il Dr Vranich ha dichiarato: “Una realizzazione particolarmente interessante è stata che le porte distrutte di diverse dimensioni che giacevano sparse per il sito erano allineate in modo da creare un effetto” specchio “: l’impressione di guardare nell’infinito, quando, in effetti, lo spettatore Stavo esaminando una stanza singola, che potrebbe essere collegata alla convinzione degli Incas che questo sia il luogo in cui il mondo è stato creato e potrebbe anche suggerire che l’edificio fosse usato come spazio rituale “.

Il team di ricerca ha stampato modelli 3D di un totale di 140 pezzi di andesite e 17 lastre di arenaria basati su misurazioni raccolte da vari studiosi nel secolo scorso e una metà dell’altezza, lunghezza e larghezza dei blocchi trovati nel sito di Tiwanaku. Gli autori hanno realizzato modelli fisici tramite la stampa 3D e poi hanno manipolato fisicamente i blocchi per ricostruire il sito, provando diversi modi in cui potevano combaciare.

Il dott. Vranich ha dichiarato: “Questo sforzo rappresenta un passo indietro tecnologico rispetto ai recenti metodi che utilizzavano la modellazione al computer per ricreare strutture sullo schermo, ma il cervello umano continua ad essere più efficiente di un computer quando si tratta di manipolare e visualizzare forme 3D irregolari. sfruttare l’abilità acquisita degli archeologi per visualizzare e ruotare mentalmente gli oggetti irregolari nello spazio fornendo loro oggetti stampati in 3D che potrebbero manipolare fisicamente “.

I risultati sono stati pubblicati sulla rivista Heritage Science .

Be the first to comment on "Il tempio Inca di Tiwanaku in Bolivia ricostruito con la stampa 3d"

Leave a comment