Il supporto per siringa stampato 3D riduce le possibilità di contaminazione batterica

Anestesia per la pulizia e la sicurezza: implementazione di una siringa per siringhe utilizzando tecniche di stampa 3D


Se hai mai avuto una grave malattia o un grave infortunio, molto probabilmente sei stato estremamente grato per i professionisti medici che ti hanno aiutato a riprenderti la vita; tuttavia, può essere allo stesso tempo angosciante e frustrante – per non parlare del pericolo di vita – quando medici o infermieri commettono errori che potrebbero avere gravi conseguenze. I ricercatori statunitensi vogliono compiere progressi ancora maggiori per migliorare i meccanismi di sicurezza sia nella conservazione che nella preparazione dei farmaci anestetici, delineati nel documento ” Anestesia per la pulizia e la sicurezza: implementazione di una siringa per siringhe utilizzando tecniche di stampa 3D “.

Potrebbero esserci standard in atto e processi per evitare la contaminazione delle siringhe e gli scambi di farmaci, ma come sottolineano gli autori, persiste “un’ampia variabilità”. Questo è preoccupante e pericoloso per i pazienti con tutti gli errori troppo comuni come:

Risposte ritardate a cambiamenti critici nello stato del paziente
Scambia siringhe
Contaminazione ambientale delle siringhe
Contaminazione incrociata delle siringhe tra i pazienti
Anche con nuove standardizzazioni come le siringhe preriempite e l’etichettatura automatizzata, ci sono errori – abbastanza da presentare “sfide diffuse”. Il problema è così grave che i dati mostrano una quindicina di siringhe da contaminare con “batteri potenzialmente patogeni”.

“Un numero crescente di prove ha collegato le infezioni postoperatorie all’assistenza sanitaria a tali microrganismi all’interno dell’area di lavoro dell’anestesia, spingendo il recente rilascio della Società per l’epidemiologia delle prime linee guida di prevenzione delle infezioni dell’America per l’area di lavoro dell’anestesia”, affermano i ricercatori.

Nel cercare soluzioni per una migliore qualità dell’assistenza ai pazienti, il team di ricerca ha preso in considerazione modi per migliorare quanto segue:

maneggio
Disponibilità
Standardizzazione di farmaci chiave nello spazio di lavoro dell’anestesia
Dopo aver studiato le cause comuni di tali contrattempi, il gruppo di ricerca è giunto a una conclusione molto importante: piuttosto che consegnare mandati al personale medico per quanto riguarda la necessità di cambiare i loro comportamenti, l’intero sistema deve essere riprogettato con strumenti migliori e un’organizzazione migliore per evitare errori.

Il progetto, una “iniziativa per il miglioramento della qualità”, è stato completato presso il Massachusetts General Hospital , in quanto i ricercatori hanno valutato una linea di base in termini di pratiche di routine, sviluppato un dispositivo per un’organizzazione migliore e poi valutato le pratiche dei fornitori. Hanno usato la stampa 3D per creare un dispositivo organizzativo per una maggiore sicurezza ed efficienza complessiva. Finora, i ricercatori hanno testato e utilizzato il nuovo dispositivo stampato in 3D in 60 sale operatorie in una struttura medica con indagini post intervento e audit di area di lavoro in corso l’anno successivo.

Il loro sistema di staffe di siringa stampabile 3D è open source, funzionante come aiuto cognitivo e come mezzo per prevenire la contaminazione. I prototipi sono stati creati su un Formlabs Form 2 , in una serie di parentesi personalizzate pensate per essere attaccate alla macchina per anestesia. L’obiettivo è che la staffa della siringa riduca gli “eventi di trasmissione” prevenendo la contaminazione ambientale e offrendo un modo per distinguere chiaramente i farmaci di emergenza da quelli già utilizzati per un altro paziente. I ricercatori hanno anche sviluppato un sistema “a senso unico” per le siringhe a cui accedere solo una volta e poi mai riposto nella staffa.

I sondaggi indicavano “livelli significativamente superiori di fiducia” nel sapere che esisteva un processo più sicuro; infatti, il 76,2% degli intervistati ha dichiarato più del 95% di confidenza nel sapere dove i farmaci “durante la supervisione o gli handoffs”, rispetto al basale originale del 43,7%.

“Un anno dopo l’implementazione, il 94% degli utenti ha riferito di aver trovato utile il dispositivo, il 96,3% ha espresso il desiderio di espandere le parentesi in ambienti anestetizzati in ambienti non operativi e il 96,2% vorrebbe averli in altri ospedali dove potrebbero lavoro al presente o in futuro “, hanno concluso i ricercatori.

“Le misure di adozione da parte dei professionisti e la soddisfazione con il dispositivo un anno dopo l’implementazione suggeriscono che questo intervento ha prodotto un cambiamento culturale significativo e di alto valore e può apportare miglioramenti simili al di fuori della nostra stessa istituzione”.

Be the first to comment on "Il supporto per siringa stampato 3D riduce le possibilità di contaminazione batterica"

Leave a comment