Il robot stampato in 3d che si attacca agli squali come le remore

Il robot stampato in 3D, ispirato alle remore, è in grado di aggrapparsi alla pelle sottomarina degli squali grazie ad una specie di  succhietto ultrastrong

La stampa 3D e la robotica si sono evolute in armonia negli ultimi anni, poiché le migliori possibilità di progettazione presentate dalla primahanno permesso la creazione di robot innovativi per una vasta gamma di applicazioni, ispirandosi a varie fonti. Il mondo naturale è valido come fonte di ispirazione, e un progetto recente ha visto una versione robotizzata stampata in 3D di un tipo unico di pesci in fase di sviluppo, sperando di contribuire allo studio della vita marina. E’ un progetto di collaborazione tra l’Università Beihang, la Harvard University e il Boston College.

Il robot è basato sulla remora, altrimenti noto come il sottile sharksucker. Questa creatura marina ha un disco di aspirazione speciale sulla sua testa, che utilizza per fare l’autostop  su bestie acquatiche più grandi, come le balene, gli squali e le tartarughe, in quanto si torcono e si girano e  nuotano a velocità che sono spesso più elevate di 1,5 metri al secondo. Può simultaneamente muoversi e nutrirsi degli scarti alimentari degli animali più grandi, le feci e i crostacei microscopici che si riuniscono sulla loro superficie senza spendere gran parte della propria energia.

Risparmiare energia in questo modo è anche un aspetto importante del design robotico, in particolare per i robot che sono destinati a muoversi in ambienti subacquei. La maggior parte dei robot acquatici si muove  lentamente, con un robot che si muove a 6 centimetri al secondo, uno dei più sviluppati finora. Questo è ciò che ha spinto il team di ricerca a copiare la strategia della remora, sviluppando un robot che utilizzi l’aspirazione per attaccarsi a creature marine più grandi.

Prodotto utilizzando tecniche di stampa 3D e tecniche di taglio laser, il robot è dotato di una pinna e di un aspirapolvere con 1000 piccole spinole di fibra di carbonio. Queste spinole possono essere abbassate o sollevate per aiutare la presa di aspirazione a qualsiasi superficie a cui è in contatto.

Nelle prove, il robot  ha potuto sopportare forze di tiratura equivalenti a 340 volte il proprio peso, sollevando pesi fino a 100 libbre. Il robot è stato attratto da una varietà di superfici ruvide e lisce per testare le sue capacità di adesione subacquee e si è impegnata con successo nella pelle di squali, in plexiglas e in un materiale di gomma. Fuori dell’acqua, si potrebbe anche fissare al legno, al cartone e persino ad uno smartphone.

La fase successiva della ricerca sarà un tentativo di attirare il robot verso uno squalo, balena o delfino reale, e vedere come opera  mentre questi  nuotano. Ciò porterà all’obiettivo finale della ricerca, che è quello di sviluppare modi più avanzati di registrazione dei dati di questi animali marini e monitorando il loro comportamento. I sensori attualmente utilizzati per questo scopo sono al massimo inefficaci, poiché tendono a degradare troppo presto per raccogliere risultati rilevanti. Alcuni dei dispositivi di monitoraggio esistenti sono noti anche per causare danni agli animali. Un’altra potenziale applicazione per questa tecnologia di aspirazione subacquea  sarebbe quella di utilizzare  i robot per mantenere le infrastrutture subacquee.

Be the first to comment on "Il robot stampato in 3d che si attacca agli squali come le remore"

Leave a comment