Il robot per l’edilizia di ETH Zürich costruisce Rock Print Pavilion con pietre e corde

I ricercatori di ETH Zürich stanno mostrando il loro robot di costruzione che ha stampato in 3D un padiglione temporaneo usando pietre e spago come parte di una mostra al Gewerbemuseum nella città di Winterthur.

Il robot di costruzione ha utilizzato trenta tonnellate di pietre sciolte e 120 chilometri di corde per costruire il padiglione Rock Print . L’installazione temporanea è un progetto di ricerca condotto da Gramazio Kohler Research, la ETH Chair of Architecture e Digital Fabrication, e fa parte di “Hello, Robot. Esposizione “Design tra uomo e macchina”.

Il robot di costruzione, noto come “costruttore in situ”, ha lavorato per un totale di quattro settimane per costruire un totale di 11 pilastri alti tre metri (10 piedi). Ma la domanda è: come può una struttura fatta di pietre sciolte e corde sostenere un tetto in acciaio di otto tonnellate?

Il bot utilizza ciò che è noto come “jamming” e il progetto di ricerca ETH “Progettazione e fabbricazione robotizzata di strutture architettoniche inceppate” è incentrato sull’assemblaggio basato su robot di materiali base semplici, sciolti e granulari. Le pietre sciolte si uniscono insieme; quando combinato con la disposizione della corda tra gli strati di ghiaia – che viene continuamente calcolata dal robot – questo crea una struttura stabile e altamente durevole.

Il robot di costruzione ha lavorato per un totale di quattro settimane per costruire le colonne.

The Rock Print Pavilion sta esplorando le possibilità offerte dalla produzione digitale e robotica. Anche il riciclaggio è integrato nel progetto: i componenti possono essere facilmente smontati e il materiale riutilizzato.

Be the first to comment on "Il robot per l’edilizia di ETH Zürich costruisce Rock Print Pavilion con pietre e corde"

Leave a comment