Il robot che stampato si accende ed esce da solo dalla stampante 3d una Makerbot Replicator 3D

Può sembrare futuristico a tutti ora ,ma nel giro di  5-10 anni guarderemo alla robotica attuale come un sistema rudimentale e magari ci scapperà un sorriso. Ma visto che i  capitali di investimento continuano a guidare la R & S , e nuovi materiali si sviluppano a ritmo serrato, le stampanti 3D diventeranno molto di più che semplici strumenti per la produzione di oggetti inanimati. Abbiamo già visto le prime fasi di questa transizione con il lancio della Voxel8, e il ritmo di questi cambiamenti  continuerà ad aumentare.

Entro il prossimo decennio una grande parte della nostra elettronica sarà letteralmente in grado di  uscire già operativa dal letto di stampa delle stampanti 3d elettronica e batteria comprese. Se questo avverrà  tramite la stampa di questi componenti stesse o con sistemi robotici di pick and place  durante il processo di stampa, lo vedremo, ma nel frattempo un designer di nome di Alex, sta già spingendo i limiti della tecnologia e dell’innovazione.

Usando una tecnica che egli chiama ‘coprocessing,’ Alex modifica il suo processo di stampa 3D   aggiungendo componenti a mano, quindi riavvia il processo di stampa per incapsulare i componenti nell’oggetto che sta fabbricando.

“Ho usato ilcoprocessing in passato per generare alcune cose piuttosto divertenti, ma a mio parere questa è la più bella,” Alex scrive sul suo blog, Printeraction.

Per il suo ultimo progetto, Alex ha deciso di creare un robot su ruote, che letteralmente  esce da solo dalla stampante una volta che è completato. Il progetto inizia sulla piastra generazione della sua stampante MakerBot Replicator 3D, dove la metà inferiore del robot viene stampato . Una volta che la prima metà del robot viene stampata e l’intero coperchio è fatto, Alex arresta la stampa ed aggiunge una varietà di componenti che comprendono una Arduino Mini, una lunga serie di sensori IR Sharp, 2 motori rotazione servo continui, e una batteria  . Quindi rimuove il pezzo che copre dalla piattaforma di costruzione, apinge sulla parte superiore del corpo principale per comprimere tutti i componenti appena aggiunti, e riavvia la stampa.

Se possedete una MakerBot Replicator, sapete che la piastra di compilazione si abbassa col progetto di stampa che avanza. Questo è dove il sensore IR entra in gioco. Alex ha collocato un pezzo di carta sulla parte superiore della stampante, che permette al sensore integrato nel robot di determinare quanto lontana sia la piastra di generazione in cui è posato . Quando capisce che è in basso, i motori si attivano, ruota, strappa  tutti i punti di contatto dalla piastra di generazione, e il robot rotola fuori dalla stampante, letteralmente.

“Il robot stampato è un sistema completamente integrato, ed espande la definizione di produzione additiva e di  stampa 3D in grado di incorporare sistemi e componenti e non solo di posare  strati su strati di materiale ,” Spiega Alex.

trovate i file a questo indirizzo su Thingiverse http://www.thingiverse.com/thing:831329

Be the first to comment on "Il robot che stampato si accende ed esce da solo dalla stampante 3d una Makerbot Replicator 3D"

Leave a comment